Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    [28/10/2021] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Luigina Parodi 2021 - X Edizione scadenza 2021-10-29    VICTORIA 3.0 Premio Letterario scadenza 2021-10-31    "I Versi non scritti" scadenza 2021-10-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Ritornerà? di Elisa Negri     Sono qui di Elisa Negri     Biglie di Marco Pataracchia     Nelle mie terre di Marco Pataracchia     Paura di volare- di Catia Capobianchi    Cinema     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
16 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
40 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Liberarsi dai condizionamenti
di Krishnamurti
Pubblicato su SITO


Anno 2006 - Mondadori
Prezzo € 7,50 - 144 pp.
ISBN 9788804561750

Una recensione di Emanuela Ferrari
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 8555
Media 79.85 %



Liberarsi dai condizionamenti

Il pensatore indiano Jiddu Krishnamurti (1895-1986) è considerato “uno dei figli minori di quell’incontro tra Oriente e Occidente”. Il sui nome fu scelto dalla madre in onore del dio Krishna al quale era molto devota. Il padre, un bramiro ortodosso, diviene membro della Società teosofica volta a favorire uno studio comparato tra le religioni per creare una sorta di fratellanza universale. Krishnamurti vi aderisce e viene educato alla cultura occidentale. Nel 1911 il giovane è a capo dell’Ordine della Stella, quindi prosegue la sua formazione che lo conduce in Inghilterra, in California ed anche in Italia. Nel libro Liberarsi dai condizionamenti sono presenti i contenuti delle sue riflessioni che spaziano dai temi più teorici a quelli più pratici. Ne L’inconoscibile, il primo pensiero che apre la sua raccolta, definisce il pensiero “l’espressione del conosciuto, dell’esperienza” e ci ricorda che ”la mente non è mai in riposo, è sempre tesa allo sforzo, sempre intenta a conseguire, a ottenere”. Questo processo si chiama meditazione, in La paura di perdere. Tale ragionamento prosegue in La paura in cui l’autore precisa che il pensiero davanti all’inconoscibile ha appunto come unica risposta la paura. L’attenzione alla mente è abbastanza ricorrente nello scritto di Krishnamurti, infatti in L’ascolto scrive: “la mente è perennemente occupata in qualcosa; non è mai immobile e silenziosa per poter ascoltare il frastuono delle proprie lotte e sofferenze”. Interessante è la distinzione elaborata tra l’esperienza e la sperimentazione. La prima “é già nella rete del tempo, è già nel passato, è divenuta un ricordo che viene in vita soltanto come risposta al presente”, mentre la seconda comincia quando la prima è cessata, in Esperienze e sperimentazione. Seguono dei pensieri dedicati alla conoscenza, alla comprensione per affrontare poi tematiche più terrene. In liberi dal sapere il pensatore indiano esordisce con le seguenti parole: “il sapere è un lampo di luce fra due tenebre”, mentre “l’ignoranza è la mancanza di coscienza di sé”. La conoscenza della realtà è importante anche davanti alla fede; infatti si può passare “da una fede ad un’altra, da un dogma ad un altro”, ma “non ci si può convertire alla comprensione della realtà”, in La fede come gabbia. L’autore poi si sofferma sul rapporto pensiero-amore e riconosce nel primo la presenza di “complicazioni emozionali”, che non ci sono nell’amore, infatti “il pensiero è il più grande ostacolo all’amore”, - e continua – “il pensiero ovviamente ha il suo posto, ma non è in modo alcuno connesso all’amore”, in Pensiero e amore. In La natura dell’amore questa dicotomia è spiegata con maggiore enfasi: “l’amore è uno stato dell’essere in cui la sensazione come pensiero è del tutto assente”. Il nostro esistere si manifesta nella lotta con un problema, anzi non possiamo immaginare la vita senza un problema, quindi il “desiderio deve essere compreso, e non allontanato e sottomesso”. Questi contenuti sono esposti in due pensieri, rispettivamente in Chiacchiere e preoccupazioni e Comprendere le vie del desiderio, ma contengono un filo conduttore che “dirige” il lettore a domandarsi: cosa è la sofferenza secondo Krishnamurti? Le pagine che seguono in effetti sono volte a fornire delle possibili soluzioni al quesito emerso. In La via senza via l’autore scrive: “dovete accingervi a navigare un mare non segnato sulle carte, e questo mare ignoto siete voi stessi” poiché “la conoscenza di sé è il principio della saggezza”. Sono presenti anche riferimenti al potere, al rapporto Oriente – Occidente, uomo e società, idea e azione. Ne La brama del potere il pensatore con tono sobrio afferma: “il potere è una delle più complete espressioni dell’io” e “che si tratti del potere della conoscenza, del potere su qualcuno, del potere mondiale o del potere dell’astinenza, poiché la sensazione del potere, del dominio è straordinariamente gratificante”. La questione antropologica, uno dei temi della contemporaneità, emerge in due pensieri: Oriente e Occidente e Una civiltà comune. In questi passi Krishnamurti sottolinea che la distanza geografica non conta poiché gli uomini di tutto il mondo si trovano ad affrontare le medesime situazioni e pensieri, e precisa: “l’intera coscienza umana riguarda Dio, la morte, un’esistenza giusta e felice, i bambini e la loro educazione, la guerra e la pace” - e ribadisce – tenendo ben presenti le differenze, “dobbiamo cercare di renderci conto delle somiglianze”. Infatti “sia in Oriente sia in Occidente gli uomini vogliono la pace e l’abbondanza, e sperano di trovare qualcosa di più della felicità materiale”. “Vivere è la più grande delle rivoluzioni” quindi, tenendo a mente questo monito contenuto in Non-azione, si può procedere - secondo l’autore - nell’esame del rapporto uomo-società. Quest’ultima “è l’espressione esteriore dell’uomo” e “l’uomo intelligente porterà in essere una buona società” in Il cittadino e l’uomo interiore, mentre, in Idea e azione, si riconosce la vitalità insita nell’essere umano: “la maggior parte di noi è volta all’azione” e ci rivolgiamo alla fede per trovare “quella particolare forza che ci viene dall’esclusione”. In questo libro sono presenti molti pensieri, ben centoquarantacinque, rivolti ad argomenti e quesiti legati alle prime riflessioni filosofiche proprie dei presocratici fino ai temi di contenuto sociologico del nostro tempo a dimostrazione, come afferma lo stesso scrittore, che in ogni epoca e in ogni parte del mondo l’umanità tutta si trova ad affrontare le stesse irrequietudini.


Una recensione di Emanuela Ferrari






Recensioni ed articoli relativi a Krishnamurti

(1) Liberarsi dai condizionamenti di Krishnamurti - RECENSIONE

Testi di Krishnamurti pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Emanuela Ferrari

(1) Il generale De La Moriciére una vita per la causa pontificia di Massimo Coltrinari - RECENSIONE
(2) Io e te di Niccolò Ammaniti - RECENSIONE
(3) L' erede del templare di Jan Guillou - RECENSIONE
(4) Nuovi segni dei tempi di Camillo Ruini - RECENSIONE
(5) La solitudine dei numeri primi di Paolo Giordano - RECENSIONE
(6) Distruzione e conservazione. La tutela del patrimonio artistico durante la prima guerra mondiale. di Giuseppe Talamo - RECENSIONE


 

Altre recensioni:






-

dal 2011-06-28
VISITE: 14470


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali