Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [17/06/2024] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    “Eridanos” scadenza 2024-06-23    Il Premio Città di Como scadenza 2024-06-30    Seven Live 2024 scadenza 2024-06-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    NIPPOMANIA - Giappone: dai samurai ai manga. (PRESENTAZIONE 2024-06-22)     ATTRAVERSAMENTI MULTIPLI 2024 - danza_teatro_musica_site specific_nella natura urbana (SPETTACOLO_TEATRALE 2024-06-29)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Praga poesia che scompare di Milan Kundera     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Uno sguardo all’Open studio presso la Casa degli Artisti di Milano di Cecilia Del Gatto Di Riccardo Renzi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus

Le Vendicatrici
Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
15 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
4eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
17novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Incubo
di Andrea Coco
Pubblicato su PB20


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 268
Media 79.74%



Incubo

Una Luna tonda, pallida, splendeva intensamente, rischiarando un cielo blu scuro, senza stelle e rifrangendosi in infiniti spicchi luminosi sulle onde leggermente increspate del mare che, roboante, si infrangeva sulla spiaggia.
Era estate e sulla battigia due ragazze camminavano fianco a fianco, tenendosi per mano, accarezzate da una leggera brezza che le portava l’odore salmastro delle alghe trasportate sul bagnasciuga dai marosi.
Erano appena uscite dallo stabilimento balneare “Il Castello” e andavano incontro al bosco di pini marittimi che circondava il complesso.
Si chiamavano Tiziana ed Ilenia e si conoscevano già da qualche mese, dalle vacanze passate assieme ad Hurghada, la cittadina turistica adagiata sulle rive del Mar Rosso.
Le due ragazze erano diverse fra loro come il Sole dalla Luna, il giorno dalla notte.
Tiziana era un tipo esuberante, nel carattere come nel fisico: alta, lunghi capelli castani scuri appena mossi, aveva grandi occhi marroni e profondi; la tipica bellezza mediterranea dalle forme generose ma toniche.
Ilenia, a parte la statura, era tutto l’opposto.
Figlia della Luna, aveva capelli di media lunghezza ricci e biondi, occhi azzurri, una carnagione chiara e forme longilinee; sembrava venisse dalle steppe dell’est Europa.
Assieme ad un gruppo di amici di Ilenia, tre ragazzi ed una ragazza, avevano trascorso la serata nella discoteca all’aperto dello stabilimento balneare divertendosi moltissimo.
“Ti piace il posto? – le aveva chiesto Tiziana, che sapeva sempre tutto su feste e luoghi dove spassarsela.
“Sì, tanto. Ha un non so che di magico che mi conquista – aveva risposto Ilenia, guardandosi attorno.
“E a voi? – aveva domandato ai ragazzi, che senza esitazione avevano confermato l’impressione della loro amica.
“Il Castello” era uno stabilimento balneare alla moda che assomigliava ad un maniero rinascimentale. L’edifico principale aveva finestre a forma di bifore, due torri alte e slanciate, mura merlate ed un portone d’ingresso con ponte levatoio, ma ovviamente le analogie erano puramente esteriori.
Una volta entrati, i visitatori si trovavano di fronte a saloni arredati in modo elegante, in stile minimal ed ad un servizio ai tavoli del ristorante e al bancone del bar veloce e di classe. La cucina, squisitamente marinara, aveva conquistato il favore di numerosi critici gastronomici, anche se la comitiva aveva preferito contenersi: le ragazze avevano giusto spiluccato qualcosa, per non ingrassare, ed i ragazzi avevano fatto altrettanto, solo un paio di drink, per non far dimagrire il portafoglio.
Ai piedi del maniero c’erano tre piscine, di cui una riservata ai clienti vip, cintate da due file di cabine in muratura, alcune dei veri e propri appartamenti; oltre la piscina privé si apriva la spiaggia attrezzata con lounge bar, dove prestanti bagnini, bagnine e personale dai modi gentili e solerti erano lì pronti ed esaudire le richieste dei clienti paganti.
Tiziana e Ilenia avevano lasciato gli amici per fare una passeggiata al chiaro di luna e trovare nel bosco un po’ d’intimità. 
“Dopo tanta confusione un po’ di pace non guasta - aveva sentenziato Tiziana rivolta all’amica, che aveva annuito.
“Bella festa – aveva aggiunto Ilenia – ma ora avverto il desiderio di stare un attimo in disparte.”
Ora i corpi delle due ragazze quasi si toccavano e non appena s’inoltrarono nel bosco, scomparendo alla vista di potenziali quanto inopportuni osservatori, si abbracciarono e avvinte continuarono a camminare fino a raggiungere un grande pino.
Ilenia si appoggiò con le spalle all’albero ed invitò Tiziana ad abbracciarla ancora.
Ora erano viso contro viso, labbra contro labbra. Si accarezzarono e si baciarono più volte, poi Tiziana scoprì il collo di Ilenia, che presa dall’eccitazione del momento la lasciò fare e lei ne approfittò per affondare i suoi canini nella carne dell’amica, della vittima.
Ilenia tentò una reazione, tentò di divincolarsi ma le era impossibile, pressata da Tiziana che la teneva ferma e schiacciata contro l’albero. Urlò ma la sua voce uscì flebile e poco dopo le forze l’abbandonarono.
Scivolò a terra appena trattenuta dall’assalitrice, che pareva decisa a prosciugarla fino all’ultima goccia ma accadde qualcosa che Tiziana non aveva previsto.
Arrivarono gli amici di Ilenia.
“Bastarda maledetta – le inveì contro il ragazzo con la barba ed il pizzetto. - Questa volta non ci sfuggi.”
“Se solo ti avessimo riconosciuta prima...” – aggiunse la ragazza, con una smorfia amara.
Tiziana rise in modo lugubre e volgare, mettendo in mostra i suoi canini e la bocca sporca di sangue, sangue che colava sul mento, le inzuppava la maglietta.
“E’ troppo tardi! E se non ve ne andate farete la stessa fine” – li avvertì.
“Non credo proprio” – rispose il ragazzo con i capelli lunghi – “Noi siamo della Lega Vampirica! Guarda...”
Tirarono fuori dei crocifissi d’oro e Tiziana, spaventata, tentò di scappare, ma i tre la circondarono, tagliandole qualsiasi via di fuga. Poi i ragazzi la immobilizzarono utilizzando delle corde di rami di biancospino e lei, tremante, non riuscì ad opporsi. 
Infine, apparvero un paletto di frassino ed un martello.
A quella visione ebbe un sussulto, ma nessuno dei presenti si impietosì.
“E’ giunta l’ora” – affermò solenne la ragazza – “che tu dorma per sempre.”
Il martello si alzò, brillava sotto la luce della Luna e poi scese con forza sul paletto, che entrò nel petto di Tiziana, più e più volte fino a conficcarsi nel suo cuore immobile.
Nel frattempo uno dei ragazzi si era avvicinato all’amica con l’intenzione di soccorrerla.
“Ilenia, Ilenia mi senti? Come stai?”

* * *

Ilenia respirava seppure debolmente.
“Ilenia, Ilenia riesci ad alzarti?”
E lei riaprì gli occhi.
Era seduta all’aperto su una poltrona collocata in un angolo buio della terrazza panoramica. Davanti a lei c’erano tutti, Tiziana ed i suoi tre amici.
“Stai bene Ilenia? - le chiese la ragazza.
Lei sorrise debolmente.
“Non sapete come sono contenta di vedervi. Ho fatto un incubo, un sogno terribile.”
“Che cosa hai sognato?” 
La ragazza scosse la testa.
“Lasciamo perdere...” – rispose. 
“Raccontami cosa hai sognato. Sono un po' strega ed un po' psicologa, lo sai.”.
Ilenia la guardò negli occhi e un sorriso le comparve negli angoli delle labbra sottili e smorte.
“Va bene. Noi due sole, però. Vieni, facciamo due passi.”
La Luna splendeva intensamente, rischiarando un cielo blu scuro, senza stelle, rifrangendosi in infiniti spicchi luminosi sulle onde leggermente increspate del mare, che roboante si infrangeva sulla spiaggia.
Era estate e sulla battigia le due ragazze camminavano fianco a fianco, tenendosi per mano, accarezzate da una leggera brezza che le portava l’odore salmastro delle alghe trasportate sul bagnasciuga dai marosi.
Ilenia sembrava ancora sconvolta e di tanto in tanto appoggiava la testa sulle spalle dell’amica, che era ben felice di sostenerla, di averla così vicina. 
“Allora non mi dici nulla?” - le domandò Tiziana
“Prima arriviamo nel bosco, laggiù ti racconterò ogni cosa.”
“Va bene. Potrai appoggiare la tua testa sul mio petto e confessarmi ogni cosa.” - sussurrò l'amica. 
“Lo spero proprio...” – rispose e con la lingua accarezzò i canini, per avere conferma, se mai ci fosse stato bisogno, che fossero lunghi e aguzzi quanto bastava.

© Andrea Coco





Recensioni ed articoli relativi a Andrea Coco

(0) Operazione Arca di Noè di Andrea Coco - Il Parere di PB
(1) CyClone di Antonio Fazio - RECENSIONE
(2) Assurdo virtuale di Mauro Antonio Miglieruolo - RECENSIONE

Testi di Andrea Coco pubblicati su Progetto Babele

(1) Cioccolata a colazione di Pamela Moore - RECENSIONE
(2) Incubo di Andrea Coco - RACCONTO
(3) Elogio della follia di Erasmo da Rotterdam - RECENSIONE
(4) Gente di Dublino di James Joyce - RECENSIONE
(5) CyClone di Antonio Fazio - RECENSIONE
(6) Assurdo virtuale di Mauro Antonio Miglieruolo - RECENSIONE
(7) Agosto, moglie mia non ti conosco, Tragedie in due battute, L’Eroe: in una parola, Achille Campanile a cura di Andrea Coco - ARTICOLO
(8) Il giornalino di Gian Burrasca di Vamba (Luigi Bertelli) - RECENSIONE
(9) Il bar sotto il mare di Stefano Benni - RECENSIONE
(10) In viaggio verso casa di Maeve Binchy - RECENSIONE



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB




-

dal 2019-07-21
VISITE: 501


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali