Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [25/07/2024] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Sulla stessa barca: l'amore ai tempi del coronavirus scadenza 2024-07-31    Tema “Poesia e ricerca della Pace nel XXI secolo” e tema libero scadenza 2024-07-31    5 edizione Concorso Nzionale scadenza 2024-07-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Praga poesia che scompare di Milan Kundera     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Uno sguardo all’Open studio presso la Casa degli Artisti di Milano di Cecilia Del Gatto Di Riccardo Renzi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus

Le Vendicatrici
Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
12 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
18novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

La famiglia Manzoni
di Natalia Ginzburg
Pubblicato su SITO


Anno 1983- Einaudi
Prezzo € 14,00- 400pp.
ISBN 9788806234737

Una recensione di Tania Ianni
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 693
Media 79.88%



La famiglia Manzoni

Il centocinquantesimo anniversario dalla morte di Alessandro Manzoni è l'occasione per ogn i lettore, studente o ex studente, di riavvicinarsi a questo autore, alle sue opere, alla sua biografia. Ho letto di eventi che Milano ha organizzato per celebrare l'anniversario, e mi è capitato di vedere sullo scaffale di una libreria un testo in cui Paperino veste gli abiti di Alessandro Manzoni ( edito da Giunti). 
Ma esattamente 40 anni fa, nel 1983, a Manzoni vennero dedicate alcune pubblicazioni: Mario Pomilio compose il romanzo " Il Natale del 1833" , vincendo il Premio Strega di quell'anno; Natalia Ginzburg compose " La famiglia Manzoni"( che vinse il Premio Bagutta nel 1983); nello stesso anno il critico Vittorio Spinazzola scrisse un saggio dal titolo " Il libro per tutti: saggio su "I Promessi Sposi"" dedicato al romanzo manzoniano.
Ad incuriosirmi, il testo della scrittice torinese, di cui ho già apprezzato le doti da saggista ne " Le piccole virtù". 
Non si tratta di un romanzo, perchè i protagonisti del libro sono persone realmente esistite; la particolarità di questo testo è il modo in cui è stato composto, basandolo sulle lettere, sulle memorie, sui diari dei componenti della famiglia Manzoni e dei loro amici (documenti che l'autrice elenca alla fine del testo); ogni capitolo ha il titolo di un componente della famiglia, e gli eventi ricostruiti vanno dal 1762, anno di nascita di Giulia Beccaria, madre di Alessandro Manzoni, fino al 1907, anno della morte di Stefano Stampa, figlio della sua seconda moglie Teresa Borri e figliastro dell'autore milanese. 

La vicenda umana di Alessandro Manzoni copre circa un secolo della nostra storia, dal 1785 al 1873, ma la Ginzburg preferisce concentrare la sua narrazione sulla dimensione familiare, domestica, con i suoi problemi e le sue dinamiche, mettendo a nudo l'aspetto umano, pregi e difetti, di ognuno dei componenti della famiglia Manzoni, ma anche le loro gioie e i loro umani patimenti: il rapporto di Cesare Beccaria con le sue due figlie, il matrimonio dell'illuminista poco tempo dopo la morte della prima moglie, per poter avere il figlio maschio; il matrimonio di Giulia col conte Pietro Manzoni, presto terminato con il trasferimento di lei a Parigi con Carlo Imbonati e l'affido di suo figlio Alessandro a Pietro, pur non essendo suo padre naturale; il periodo in collegio di Alessandro, in seguito al quale raggiunge sua madre a Parigi, dopo la morte di Carlo Imbonati; l'incontro con Enrichetta Blondel, che lo avrebbe portato alla conversione al cattolicesimo, ed alla nascita dei loro otto figli; la morte dell'amata Enrichetta il giorno di Natale 1833, ed il suo secondo matrimonio con Teresa Borri( già madre di Stefano); i rapporti con i figli maschi- soprattutto Filippo e Enrico-, che gli chiedevano aiuti materiali o economici, il rapporto col figlio Pietro, a cui si appoggiava, in cerca di sicurezza; il rapporto con la seconda moglie Teresa Borri, di cui viene messa in evidenza l'ipocondria; i rapporti tra Teresa e le figlie più giovani dello scrittore, che percepiscono come estranea la casa in cui il loro padre vive con Teresa; la breve vita di Matilde( di cui l'editore Adelphi ha pubblicato il " Journal", diario degli ultimi due mesi di vita), che vive la maggior parte del tempo con sua sorella Vittoria, suo marito e i loro quattro figli, e del rapporto affettuoso tra le due sorelle Vittoria e Matilde, la richiesta di Matilde a suo padre di venir a trovarla, a cui il genitore risponde in maniera evasiva, del rapporto con Bista, il marito di sua figlia Vittoria, 

Interessante, nella nuova edizione dell'opera a cura di Salvatore Silvano Nigro ( pubblicata nel 2016), è l'apparato extratestuale, con le foto e l'albero genealogico ad aprire il testo, mentre dopo la fine del testo , dopo la pagina dedicata all'elenco dei documenti che la autrice ha visionato per la redazione del suo testo, viene riprodotto il " Risvolto" che la stessa aveva scritto in occasione della prima pubblicazione del libro, a cui seguono" Tre interviste ed una conversazione telefonica", realizzate all'autrice , e le " Recensioni", che testimoniano i modi in cui l'opera è stata accolta nell'immediatezza della sua pubblicazione.

Questo testo tratteggia la figura di un uomo che ha sofferto per la mancanza, in età giovanile, per la assenza di affetto da parte di una figura paterna e materna. Per quel che riguarda il padre naturale, non ha mai avuto un rapporto con lui; il conte Pietro Manzoni, marito di Giulia, era un uomo impacciato e triste, che viene lasciato da Giulia perchè lei, non sopportando più il matrimonio impostole dal padre, fugge a Parigi con Carlo Imbonati e affida suo figlio al conte. Il piccolo Alessandro viene affidato all'istituto dei Padri Comaschi, e ne uscirà anni dopo, in seguito alla morte dell'Imbonati, e raggiungere la capitale francese, dove Giulia vive. Mi sembra a tal riguardo riveltrice una citazione del libro: " A Parigi, in rue Saint-Honoré, madre e figlio si trovano uno davanti all'altra e si guardano come due che non si sono mai visti prima. Non sono madre e figlio ma una dona e un uomo. Lei soffre oer una recente perdita e porta i segni del dolore sul viso. Lui si sente a un tratto chiamato a esserle di sostegno. Non sono madre e figlio perchè tra loro i vincoli materni e filiali sono stati lacerati nel corso degli anni, vivendo essi lontani uno dall'altra ed essendo ognuno desideroso di dimenticare l'altro. In lui l'immagine materna che l'ha lasciato solo e si è dileguata è stata sotterrata nella memoria emanando angoscia ed ispirandogli un confuso rancore. In lei l'immagine infantile a cui non ha dato tenerezze materne e da cui è fuggita è stata sotterrata emanando angoscia e rimorso. Tutto questo retroterra di sentimenti sepolti rinasce fra loro di colpo e subito di nuovo sprofonda nell'oscurità. Sprofonda però gettando lampi e clamore ed essi ne sono assordati e abbagliati. Per l'uno e per l'altra comincia una nuova esistenza" ( pg.18)


Una recensione di Tania Ianni



Recensioni ed articoli relativi a Natalia Ginzburg

(0) La famiglia Manzoni di Natalia Ginzburg - RECENSIONE
(1) Le piccole virtù di Natalia Ginzburg - RECENSIONE
(2) Pitigrilli e L'OVRA a cura di Silvano Volk - ARTICOLO

Recensioni ed articoli relativi a Natalia Ginzburg

(0) La famiglia Manzoni di Natalia Ginzburg - RECENSIONE
(1) Le piccole virtù di Natalia Ginzburg - RECENSIONE
(2) Pitigrilli e L'OVRA a cura di Silvano Volk - ARTICOLO

Recensioni ed articoli relativi a Tania Ianni

Nessun record trovato

Altre recensioni di Tania Ianni

(1) Le piccole virtù di Natalia Ginzburg - RECENSIONE
(2) La camera azzurra di Georges Simenon - RECENSIONE
(3) L' amore non basta mai di Jennifer Vandever - RECENSIONE
(4) un giorno perfetto di Melania G. Mazzucco - RECENSIONE
(5) E' una lunga storia di Günter Grass - RECENSIONE
(6) Piccolo viaggio nell'anima tedesca di Vanna Vannuccini Francesca Predazzi - RECENSIONE
(7) La mia famiglia e altri animali di Gerald Durrell - RECENSIONE
(8) Questo amore di Yann Andréa - RECENSIONE

Altre recensioni:




-

dal 2023-10-13
VISITE: 1.406


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali