Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [22/05/2024] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Città di Cava de’ Tirreni scadenza 2024-05-24    Lago Gerundo scadenza 2024-05-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    JAZZINSIEME 2024 PORDENONE SI TINGE DI JAZZ - JAZZINSIEME 2024 Dal 23 Maggio al 2 Giugno il centro di Pordenone, special guest l'inedito trio Calderazzo, Patitucci, Weckl (EVENTO 2024-06-02)    Io, Vincent Van Gogh - Presentazione del nuovo libri di Corrado D'Elia (PRESENTAZIONE 2024-05-22)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani     Rasella: storia di una bomba di Chiara Castagna    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio     Il paese invisibile e il passo per inventarlo di Roberto Marcòni: un percorso attraverso lo spirito del paesaggio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
17 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
5 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
14 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Rasella: storia di una bomba
di Chiara Castagna
Pubblicato su SITO


Anno 2024- Edizioni Progetto Cultura
Prezzo € 13- 125pp.
ISBN 9788833565675

Una recensione di Enrico Meloni
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 47
Media 87.02%



 Rasella: storia di una bomba

Un breve e intenso romanzo corale, suddiviso in 65 capitoli che si sviluppano in un linguaggio scorrevole e accurato, e che nella parte finale, quando l’attentato si sta compiendo e la situazione si fa più concitata, divengono più brevi e di conseguenza la narrazione assume un carattere più frammentato, quasi a voler rappresentare l’infinità di schegge e brandelli di ogni genere causati dall’esplosione. La vicenda si ferma all’attentato di via Rasella, escludendo la spinosa e tragica questione dell’eccidio delle Fosse Ardeatine.

Si riscontra una scrupolosa precisione nell’esposizione dei fatti, anche sul versante topografico, ciò è verosimilmente frutto di un attento lavoro di documentazione. Tuttavia, entrando nella storia, si è colti dalla sensazione di vivere quasi una dimensione onirica, forse perché a raccontare e a dialogare, sono dei fantasmi ormai fuori da un tempo terreno. Per il resto, l’accuratezza è presente anche nella descrizione del funzionamento di armamenti e ordigni esplosivi. In effetti il sottotitolo “Storia di una bomba” sembra suggerirci che il protagonista della narrazione sia proprio il tritolo pressato in appositi contenitori metallici, al fine di realizzare un ordigno rudimentale assemblato dal giovane fisico Giulio Contini. Oppure indica che la storia deve farsi da sé, come nella poetica del verismo, eclissando il punto di vista dell’autore. Stando ai fatti, poiché le bombe non raccontato e non parlano fuorché al momento dell’esplosione, la vicenda viene narrata da giovani gappisti, ragazzi che abbracciarono la Resistenza, in nuclei che dipendevano dal Partito Comunista Italiano, i quali hanno avuto in sorte di vivere i loro anni più belli, in un’epoca come quella del secondo confitto mondiale, dove circolava la lapidaria ma eloquente frase: “Pietà l’è morta!”. Viene data voce anche a chi sta dall’altra parte della barricata: agli altoatesini del terzo battaglione Bozen, non giovanissimi per l’epoca (avevano un’età compresa tra i 26 e i 42 anni), coscritti della Germania nazista e spediti a Roma a presidiare la prestigiosa “città aperta”. La maggior parte di loro vede i tedeschi e il nazismo come entità estranee alla loro quotidianità di semplici montanari e valligiani del Sud Tirolo; ma, vittime della guerra, sono costretti a partire e fare il loro dovere al comando di ufficiali tedeschi che non li stimano e li chiamano con l’appellativo mortificante di “Teste di legno”, per via della loro scarsa attitudine bellica. Non va dimenticato che al momento della rappresaglia i sopravvissuti del terzo battaglione Bozen rifiuteranno di prendere parte all’eccidio (come era consuetudine), che comportava il massacro non dei responsabili dell’attentato ma di innocenti cittadini. Il loro comandante boemo, il maggiore Hans Dobek, dinanzi ai superiori, sosterrà che i suoi soldati non se la sentono di partecipare alla rappresaglia, poiché non hanno mai sparato contro esseri umani e per di più sono cattolici e attempati. In seguito, una trentina di sopravvissuti diserterà, tornando in Alto Adige, dove, denunciati dai vicini, saranno catturati e inviati a combattere in reparti punitivi sul fronte orientale, da cui quasi nessuno tornerà vivo. 

Aldilà degli aspetti letterari, il romanzo offre l’occasione per riflettere su un fatto storico che non ha mai cessato di scatenare polemiche e destare interesse, anche perché si inscrive nelle dinamiche di una nefasta costante della storia, insita nella natura dell’essere umano, una delle specie animali più aggressive del pianeta: la guerra. Proprio per questa ragione, il passato raccontato nel romanzo di Chiara Castagna, ispira anche considerazioni che ci portano nell’attualità, visto che malauguratamente si continua a fare i conti con guerre, che coinvolgono il mondo occidentale e paesi, come Israele, che hanno fama di essere democratici. In guerra, come è noto, vige il diritto di rappresaglia, ma il confine tra questo atto di morte e distruzione, che pure è considerato legittimo, e il crimine di guerra non può e non deve essere valicato. Nell’eccidio delle Fosse Ardeatine questo limes sembra proprio essere stato oltrepassato dai comandi nazisti in Italia, che pure avviano concitate trattative con Hitler, e che riusciranno – per prevenire ribellioni di massa – a portare il rapporto tra i comunisti badogliani da trucidare per ogni “tedesco” ucciso, da cinquanta a dieci. La triste considerazione che ci cala direttamente nell’attualità è che oggi, la decisione di eliminare 335 persone a fronte dei 33 uccisi nell’attentato, quasi impallidisce se raffrontata – lo dico con dolore e sconcerto – a quanto sta accadendo a Gaza e non solo, dove la “vendetta” di Netanyahu ha già oltrepassato le trentamila vittime, di cui circa il 40% sono bambini. Non a caso più di qualcuno già da tempo, a questo riguardo, ha usato (a torto o a ragione) una parola dura come una pietra, che certamente si inscrive nel perimetro dei crimini di guerra: genocidio.

Per concludere, è opportuno porre l’accento sulla difficile operazione di scavo introspettivo, in cui si è cimentata l’autrice e che ha richiesto lucidità e coraggio per valicare l’annebbiamento di atavici e ingiustificati preconcetti nazionalisti, politici o di altra natura, con i quali sembra misurarsi Chiara Castagna, la quale coltivando ossequiosamente il dubbio, si inoltra in modo empatico e spassionato nell’animo e nella mente dei protagonisti della vicenda. Dissotterra dall’oblio emozioni, paure, incertezze, sentimenti, come inoltrandosi metaforicamente nel profondo delle Cave Ardeatine dove avvenne l’occultato eccidio, quasi a restituire alle vittime di ogni colore la loro umanità, annichilita dal brutale, spietato destino che dovettero subire, giustificato soltanto dalla infausta follia di una guerra mondiale, il cui ripetersi (e questo vale per ogni tipo di guerra) va categoricamente scongiurato, anche perché nelle guerre – come abbiamo constatato anche in questo caso - le vittime sono spesso proprio le persone meno inclini all’uso della violenza.


Una recensione di Enrico Meloni



Recensioni ed articoli relativi a Chiara Castagna

(0) Rasella: storia di una bomba di Chiara Castagna - RECENSIONE

Recensioni ed articoli relativi a Chiara Castagna

(0) Rasella: storia di una bomba di Chiara Castagna - RECENSIONE

Recensioni ed articoli relativi a Via Rasella

Nessun record trovato

Recensioni ed articoli relativi a Enrico Meloni

(0) Arca allo sbando? di Enrico Meloni - Il Parere di PB
(1) Quando gli squali mangiano vento di Enrico Meloni - Il Parere di PB
(2) Er davenì di Enrico Meloni - Il Parere di PB

Altre recensioni di Enrico Meloni

(1) Poscienza di Roberto Maggiani - RECENSIONE

Altre recensioni:




-

dal 2024-04-08
VISITE: 207


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali