Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    [13/08/2022] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Lembi di anima di Elisabetta Santirocchi     Sfida di Elisa Negri     Libero di Elisa Negri     Noi non ci bastiamo di Rosa Notarfrancesco     In punta di piedi di Paola Ceccotti    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
10 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
8 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Geules Noires (Musi Neri)
di Monica Ferretti

a cura di Carlo Santulli


NonSoloParole.com Edizioni, 2003
ISBN: 88-88850-07-4
Pag. 102 Euro 10.50


Geules noires = facce nere. Sono le facce dei minatori che lavoravano nelle miniere di carbone belghe, nel distretto di Charleroi. Molti di questi minatori erano italiani, emigrati in virtù di quel Protocollo italo-belga del 1946, che in cambio della fornitura di manodopera, anche non qualificata (molti di loro non avevano, per loro stessa ammissione, mai visto una miniera prima), ci dava un diritto di prelazione sul carbone belga, di cui l'Italia aveva disperato bisogno nel primo dopoguerra, per motivi energetici ed anche per far ripartire l'industria meccanica pesante, per esempio la siderurgia. Un trattato di cui uomini politici da ambo le parti vanno tuttora fieri, ma che somiglia sinistramente, come osserva l'autrice, ad una compravendita di schiavi: tra il 1946 ed il 1956 50000 italiani affluirono in quella zona del Belgio. L'8 agosto 1956 la tragedia di Marcinelle, originata forse dall'incomprensione tra un minatore italiano ed un belga e che probabilmente sarebbe stata scongiurata, in presenza di misure più moderne di sicurezza, pose fine in modo drammatico al lavoro in miniera, come disciplinato dal Protocollo del 1946. Marcinelle ha segnato un'epoca ed é stata seguita da un'ondata di commozione ed indignazione che ha condotto, almeno nell'Europa Occidentale, ad una disciplina del lavoro più umana, troppo tardi purtroppo per i 262 minatori, tra cui 136 italiani, morti nell'incendio della carboniera del Bois du Cazier.
Un grande merito di questo libro è quello di cercare di capire che vita facessero in Belgio nell'immediato dopoguerra quegli emigrati italiani, stipati in baracche costruite per i prigionieri di guerra, trattati con diffidenza e sospetto a volte dalla popolazione locale, per i salari inferiori che erano disposti ad accettare. Come dice l'autrice, questa storia viene narrata dai minatori stessi e dai loro familiari, cercando di ricostruire una delle tante vicende dolorose di emigrazione che fanno parte integrante della storia dell'Italia almeno dall'Unità in poi: narrare insomma per sfuggire alla dimenticanza. Non si deve dimenticare, non solo perché questa é la storia da cui veniamo, ma anche perché quella della miniera, del lavoro minorile e dello sfruttamento non é una storia conclusa, passata definitivamente agli archivi. Ci sono molte parti del mondo (l'autrice cita l'Ucraina e la Cina) dove le miniere ancora funzionano, e con criteri non più moderni di quella del Bois de Cazier, sicché purtroppo incidenti di maggiore o minore entità si riproducono in continuazione. Inoltre, l'Italia oggi accoglie una vasta immigrazione, e le sofferenze incontrate dai nostri emigranti ci fanno capire i pensieri contrastanti che passano nella mente di coloro che, cercando di sfuggire alla miseria, bussano alla porta di un paese più ricco, e le difficoltà della loro vita di ogni giorno. Mi ha colpito il commento di vari minatori, che gli Italiani furono più rispettati dalla popolazione locale, dopo che tanti di loro erano morti per il Belgio a Marcinelle. E' una constatazione dura ed amara, anche se commovente e sempre attuale, oggi che dalla cultura della tolleranza stiamo cercando, con tante difficoltà, di arrivare ad una reale comprensione tra gli uomini. Quest'anno, 2004, aprirà anche un museo al Bois du Cazier, altro segno che non si vuole dimenticare Marcinelle, e oggi, passando per la zona di Charleroi le colline coniche di carbone sono coperte di vegetazione, dopo più di quarant'anni dalla chiusura delle mines, ma il dolore rimane su quei luoghi come un monito. (Carlo Santulli)


VISITE: 4310

Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali