Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [22/06/2024] 5 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    “Eridanos” scadenza 2024-06-23    Il Premio Città di Como scadenza 2024-06-30    Seven Live 2024 scadenza 2024-06-30    V EDIZIONE PREMIO LETTERARIO TERESA COGNETTA scadenza 2024-07-03    V ED. PREMIO TERESA COGNETTA scadenza 2024-07-03    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    NIPPOMANIA - Giappone: dai samurai ai manga. (PRESENTAZIONE 2024-06-22)     ATTRAVERSAMENTI MULTIPLI 2024 - danza_teatro_musica_site specific_nella natura urbana (SPETTACOLO_TEATRALE 2024-06-29)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Praga poesia che scompare di Milan Kundera     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Uno sguardo all’Open studio presso la Casa degli Artisti di Milano di Cecilia Del Gatto Di Riccardo Renzi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
16 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
4eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
18novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Come costruire un romanzo
di Giuseppe Cerone

PARTE SECONDA


Il genere adatto

Mi ha detto il professor Bàrberi Squarotti: "Non so proprio che cosa sia la poesia, né se ci sia l'ispirazione oppure no. Credo soltanto che sia una necessità che si avverte di tanto in tanto da parte di chi ne ha la capacità o la vocazione. Che sia o no accettata dagli altri non ha nessuna importanza. Sono convinto anch'io che una repubblica di poeti (e di filosofi) non potrebbe che essere meglio di quanto siano le altre repubbliche 'storiche', di ieri e di oggi, ma temo che questa sia un'affermazione di pura protesta e negazione e che, nella realtà, non ci sarebbe affatto uno stato migliore, conoscendo la litigiosità, la grettezza, la servilità, la limitatezza mentale di tanti noi poeti. La poesia penso sia il più alto livello a cui può giungere la vocazione (che è in tutti gli uomini) al sogno, all'invenzione, all'immaginazione. Non è di tutti. Volerla diffondere fra troppe persone, come se fosse un diritto, è stolto. Non è soltanto comunicazione: è soprattutto creazione di una 'realtà' che, prima, non c'è, non esiste". Questo può essere esteso anche alla scrittura in generale.
Il libro è pur sempre finzione, una realtà virtuale; anche un libro scientifico è finzione, poiché la stessa realtà, nel momento in cui viene descritta, è già cambiata. Alla fine, del libro può non restare che il testo, cioè il campo di ricerca delle relazioni sistematiche e costanti fra i personaggi, affidate alle parole, e questo si chiama strutturalismo. Qualcuno ha anche detto: "Non c'è nulla al di fuori del testo" (J. Derrida). C'è da aggiungere che, a questa finzione, partecipa il lettore, con la sua volontà di lasciarsi affabulare. E' chiaro, infatti, che fra scrittore e lettore si stabilisce una sorta di patto, di intesa, e che quest'ultimo è pronto a seguire lo scrittore sul suo terreno, ma vuole sentirsi protetto, coccolato, vezzeggiato, divertito, nutrito.
Una volta deciso di voler mettere in campo degli personaggi-attori, si entra a far parte del mondo letterario. Bisognerà ora scoprire il genere verso cui si è portati. Il genere potrebbe essere quello di cui più spesso si è letto, ma di solito l'ingresso in letteratura avviene tramite note autobiografiche, diario personale, poesie. Più raramente direttamente con articoli di cronaca o di costume. Autobiografia, quindi, da cui passare a brevi descrizioni della vita degli altri e quindi alla biografia. Carlo Godoni fu il solo, di cui si abbia memoria, a cominciare immediatamente con una commedia, a otto anni.
La lingua, orale e scritta, serve a esprimersi, descrivere, interrogare, istruire, giocare, raccontare, mentire, etc. Alcuni hanno una visione drammatica, tragica, aulica, della vita: saranno più attratti dai generi attinenti: drammi, tragedie, commedie. Le persone che vivono di fantasie infantili e d'infanzia negata avranno una predisposizione alla favolistica. Chi invece è maniaco dell'ordine, può darsi che voglia dare ordine storico all'universo circostante, e allora il suo genere sarà la memorialistica, etc. Giorgio Saviane mi ha confessato che lui cerca di medicare la vita con l'introspezione: "Sennò" aggiunge, "almeno io, non farei lo scrittore". Con questo voglio dire che ognuno ha già un'idea su ciò che intende rappresentare con la scrittura, anche se quest'idea è allo stato latente.

La scelta, oltre l'autobiografia (in cui grandi risultati sono stati raggiunti da Primo Levi, per esempio, e James Joyce), include anche: la biografia, la diaristica, la novellistica, la saggistica, la satira, la trattatistica, l'umoristica, il pamphlet, e il romanzo, che può essere:
- d'amore, rosa (Liala, Rosa Giannetta Alberoni);
- d'azione, d'avventura (Herman Melville, Robert Louis Stevenson, Ernest Hemingway);
- saga (come il romanzo 'Radici');
- soap operas (scritti per non avere mai fine, da sceneggiare per la tv);
- di idee (Fedor Dostoevskij, Lev Tolstoj);
- fantascienza (o science fiction: James Ballard, Ray Bradbury, Isaac Asimov);
- fantasy (come 'Il signore degli anelli' di John Ronald Tolkien);
- di mistero, di spionaggio (o mystery story, suspense, spy story: Ian Fleming, John Le Carré, Ken Follet);
- dell'orrore (oppure horror: Edgar Allan Poe, Stephen King);
- di brivido, giallo, poliziesco (o thriller, detective story: Agatha Christie, Ellery Queen, Rex Stout, Raymond Chandler, A.Conan Doyle).

E, qualche tempo fa, John Grisham ha scoperto anche il 'legal thriller'. Niente di eccezionale: storie di mistero e azione condite da termini legali, anche se poi il contenuto gira intorno ai soliti argomenti. Ecco la 'grande' rivelazione del succo del racconto, nel romanzo 'Il Socio' (Mondadori, '91, Milano), dopo 224 pagine di attesa.

"Voyles posò la mano sul ginocchio di Mitch e lo squadrò da una distanza di quindici centimetri. "E' mafia, Mitch, e illegale quanto l'inferno."
"Non ci credo" dichiarò Mitch, agghiacciato dalla paura. La sua voce suonò fiacca e stridula.
Il direttore dell'FBI sorrise. "Sì, Mitch, lei mi crede..."

A quanto pare, anche gli americani restano a corto di idee, di tanto in tanto.
Chi sta con i piedi per terra, ma è pronto alle astrazioni; chi ha un atteggiamento critico nei riguardi della vita, e la osserva con un certo cinismo (anche se la parola può sembrare eccessiva), ma sempre con un fondo di speranza, è portato per la narrativa. Uno scrittore osserva, vede, cerca di capire il mondo in maniera autonoma e indipendente da ciò che legge sui giornali o vede alla tv. Poi lo esprime in modo particolare, con sapiente chiaroscuro, cosa che non riesce ai giornalisti. Qualcuno ha detto che cercare di capire come va il mondo dalla lettura dei giornali è come cercare di capire che ora è guardando le lancette dei minuti e dei secondi.
Il romanzo si è trasformato, nell'ultimo secolo, da romanzo descrittivo, o di pura narrazione di eventi, a romanzo interpretativo. (Anche se la tendenza neorealista sembra essere stata rivalutata negli ultimi lustri). Inoltre, ha finito col rispecchiare, anche se non ancora del tutto, poiché la pagina scritta rappresenta sempre un'elaborazione, la lingua quotidiana. La forma scritta tradisce sempre un po', o molta, retorica: infatti nessuno saprebbe parlare come un eroe dei romanzi, poiché la gente è portatrice di distrazione e di economia linguistica, che non gli consentono di essere sempre presente su determinati argomenti.
Insomma, la lingua scritta è un'aspirazione a fare le cose e a parlare in modo elegante, quasi perfetto, con sentimenti chiari e ben definiti, ma non riuscirà mai a interpretare le sfumature della vita reale e, quando lo facesse, risulterebbe posticcia. Questo lo dico per quanti passano la vita a tavolino (come faceva Romano Bilenchi) nel tentativo di ricercare la perfezione stilistica; ma la vita è movimento e le parole sono in movimento: non esiste un brano di discorso che possa agevolmente superare, cioè rimanere indenne da 'invecchiamento', una sola generazione. (...)

A cura di Giuseppe Cerone

VISITE: 3.770


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali