Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    Il foglio letterario. PROGRAMMA 23 Maggio – 11 Giugno (23/05/2023)    [29/02/2024] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Letterario Teresa Cognetta 2023 scadenza 2024-03-02    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Come mio fratello di Uwe Timm     Sul margine di Maria Allo     Prove per atto unico di Maria Benedetta Cerro    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Ardengo Soffici e il Fascismo     Ezra Pound: una breve nota     La poesia patriottica nel Romanticismo italiano     L’immanenza dell’incarnazione nella poesia di Mario Luzi     La storia alimentare di Porto San Giorgio, tra folklore, letteratura e testimonianze Di Edoardo Mistretta    Racconti     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini     Il temporale di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey     La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
16 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
21 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Commento a "Estate"
di Marco Braccini

A cura di Pietro Pancamo
pipancam@tin.it


Scrivere è come vivere: non mi piace.
Chiedo scusa per la bruschetta (pardon: bruschezza!) di quest'inizio, ma ultimamente ho davvero la luna storta. Gli è che, da un po' di giorni, continuo a domandarmi: "La vita conviene? Ha, in altre parole, i giusti requisiti pubblicitari per essere, o fingersi, un prodotto appetibile?". Forse no, mi rispondo - riflettendo sul destino di noi uomini in genere -, perché analizzando i comportamenti soggettivi e la dimensione collettiva dell'esistenza, ci accorgiamo insistentemente che la vita pervade assoluta il nostro tempo, il nostro corpo e le nostre azioni, senza lasciare in libertà neanche uno spiraglio d'indipendenza individuale. Ma "ciò che ingombra, non è comodo e non è pratico", c'insegna la pubblicità: ecco allora già due ottime ragioni per cui, la vita, dovremmo rifiutarla in blocco, tutta quanta. Eppure ci ostiniamo a comprarla giorno dopo giorno, attimo per attimo, condannandoci a un acquisto ossessivo, davvero contrario ad ogni razionalità di mercato.
D'accordo, perfetto: contenti noi…

Ma a proposito di pubblicità, ecco qui (subito dopo queste mie righe di commento) una poesia del polemico Marco Braccini, autore che si rivela deciso e determinato a fare della rabbia esistenziale, un acuminato strumento d'indagine (un bisturi d'indagine?) col quale esaminare in profondità il vario atteggiarsi psichico o morale delle persone, e in particolare i loro usi e costumi dichiarati, durante il periodo delle ferie agostane.
Il tono del componimento è di sicuro risentito e, avvalendosi di un'ironia acida quasi allucinata (più che mai spietata e martellante nell'esibire di verso in verso capi e similitudini d'accusa a carico dell'ottusità, ossia delle vacanze), si risolve in un linguaggio duro scarno essenziale, che riflette con piena fedeltà non i raggi del sole cocente o accattivante, bensì la riprovazione totale dell'autore. Risultato inevitabile: fra slogan pubblicitari, forse un po' datati (ma resi attualissimi dall'intento satirico e sarcastico che spinge Braccini ad utilizzarli) si mette splendidamente alla berlina la devianza dell'estate, quando per noi schiere umane (alla bavosa ricerca di sollazzo incondizionato e divertimento "decerebrante", superficiale) la vita sembra ridursi soltanto ad un banale pretesto, per ballonzolare la macarena, tutti in "coro". P.P.

 

ESTATE

Odio l'estate;
lo squallore di uno sciame di facce felici che ridono di tutto,
della malinconia,
del Tuo essere diverso.
Diverso? Sì, ridono del Tuo sguardo ormai stanco,
della Tua allergia alla vita, a questa vita.
Mi sento come un randagio abbandonato d'estate,
alla ricerca d'affetto dai passanti,
a volte, per ancestrale riverbero di bontà riceve croste di pane.
Insensibilità?
No paura delle pulci.
Milioni di figli della pubblicità
strisciano su centimetri di spiaggia avvelenata dalla puzza di piedi,
ragazze libere e belle, che hanno appena fatto l'amore con Control,
ricercano avventure galanti con stranieri efebi che non devono chiedere mai;
che storpiano "San Bitter" ma che all'occorrenza "i piatti li vuol lavare lui".
L'amore, o quello che resta dell'amore in estate,
viene gettato in faccia al vicino di sabbia,
come noccioline ad uno scimpanzé.
Nuovi membri del K.K.K. (marocchini artificiali
con abbronzature da terzo mondo)
prendono in giro il "bovero negro" che vende tappeti.
Le città vere e proprie giungle d'asfalto piene di zombi erranti,
che non cercano un Piaggio, ma un negozio dove trovare del cibo.
(Indiana Jones alla ricerca del tonno perduto).
L'unico cibo che abbonda è il riso.
Tutti ridono,
si divertono, gioiscono quasi, per la mia diversità.
Diversità?
No paura delle pulci.

Marco Braccini


VISITE: 8809

Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali