Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE ôILCORSARONEROö RINNOVANDO LĺABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [19/10/2019] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    ôLinee di Paesaggioö scadenza 2019-10-28    Concorso per artisti emergenti scadenza 2019-10-30    Motori & Passioni scadenza 2019-10-31    Ve- Leggiamo scadenza 2019-10-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il ôfolleö medico-poeta di MelicuccÓ     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un sensoů di Carla Montuschi     Qualcosa Ŕ cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     IdentitÓ riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     NÚmirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     MaternitÓ trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscuritÓ amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     ScimpanzŔ (2015) - Loris Dalý     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Audiolibri
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
32 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
5 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Punti di vista
di Gaia Borella
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 0
Media 0 %



OGGETTO: UNA PAROLA AL GIORNO

  

I gesti sono tutto ciò che ho, e a volte devono essere eclatanti. Se mi capita di esagerare è per comunicare in modo chiaro, ragion per cui la mia lingua è lunga e piatta. Sono sdraiato sulle piastrelle gelide che aspetto Marco, il mio padrone.

Sono vecchio, e potrei diventarlo ancora di più, ma non voglio essere imbottito di medicine perché ho visto in TV, su Animal Planet che, dopo la morte, c’è la vita e mi rincarnerò in un umano, andrò da Marco e gli dirò << Balù ti vuole bene ed è sempre con te>>.

 Eccolo che rientra in casa << Ehi Balù>> io non riesco ad alzarmi per i troppi dolori, ma lui mi prende in braccio e mi culla appoggiandomi delicatamente sul divano, parlandomi e scusandosi della sua assenza. Mi prepara ed usciamo, ma quasi non riesco a camminare a causa delle mie anche doloranti, ragion per cui torniamo presto e andiamo a riposare. Dopo pochi giorni Marco torna a casa con una ragazza, << Balù saluta: lei è Eva >> lei mi disse << Ciao amico a quattro zampe, sei molto bello! >>, ma da quel giorno Marco cominciò a trascurarmi, usciva spesso con lei, la portava a fare lunghe passeggiate in vasti giardini, anche se al suo posto ci sarei dovuto essere io! Poco dopo, Eva si trasferì da noi, lei mi adorava ma io un po’meno; mi aveva rubato il mio migliore amico!

Cominciava a muoversi, spavalda, in casa nostra, era entrata nelle nostre vite, ma nonostante fossi scontento della sua intrusione c’era qualcosa, in lei, che non mi faceva tirar fuori la mia rabbia, e credo che si trattasse della sua pancia sporgente. Dopo circa nove mesi, infatti, venne alla luce Marta. Da quel momento la nostra famiglia fu impegnata a prendersi cura di quella piccola e dolce creatura. Cominciai a osservare un comportamento ambiguo, strano in Eva, così immaginai che fosse preoccupata per Marta, ma dal momento che non voleva visite mediche, andò avanti così per un po’.

Pochi giorni dopo andammo al laghetto, Marta era in acqua con me ed Eva, ma ad un tratto si sentì solo il pianto della piccola Marta nella valle…Eva era svenuta e, cadendo, aveva battuto la testa; Marco fece uno scatto, corse in acqua a recuperare noi ed Eva e andammo al pronto soccorso dove la medicarono; ma dopo una serie di visite arrivò l’indesiderato annuncio…Eva aveva un tumore al cervello…era incurabile. Si trasferì dai suoi genitori, sempre assistita da infermieri qualificati, io stavo lì con lei a farle compagnia, tutte le notti. Il giorno per il quale i medici avevano segnato la sua morte mi chiese disperata con un filo di voce << Balù prenditi cura di Marta e proteggila.>>

Il giorno dopo morì…

Marta voleva rimanere con noi, ma i genitori di Eva, con la scusa che Marco lavorava spesso, la tennero con loro. Al fine di tenere la piccola con loro accusarono Marco di assunzione di droghe. E, quando era previsto l’arrivo degli assistenti sociali, misero tutte le stanze in disordine e sparsero siringhe per tutta la casa. Marco si difese dalle accuse; se solo avessero ascoltato me, che sapevo tutta la verità! Ando avanti così per tre mesi, fino a quando, un giorno, ci portarono in tribunale e, un passante, confermò di aver visto i genitori di Eva entrate in casa con aria misteriosa e, incuriosito, vide dalla finestra che avevano inscenato il fatto, solo per tenere Marta. Il giudice dichiarò Marco innocente e Marta tornò da noi.

Ogni giorno, Marco accompagna me e Marta a trovare Eva: lui le compra sempre un fiore fresco, la piccola le fa i disegni di quando eravamo tutti insieme, e si ricorda di mettere anche me, mentre io faccio sempre un piccolo inchino e dentro di me prego per la sua felicità.

Ora sono qui che gioco con Marta e dei calzini appallottolati, mentre aspettiamo che Marco torni dal far la spesa.

Io invecchio e Marta cresce serena.

Ecco Marco, mi saluta e dà da mangiare a Marta, ma quando torna, mi vede ansimare, mi porta dal veterinario e mentre sono su quel tavolino gelido, mi sento debole, e nella mia testa mi frullano tutti i bei momenti passati con la mia famiglia, mi lascio andare, perché so che ho portato a termine il mio compito, curare e prendermi cura di Marta.

Non mi volto indietro ma so che lui è lì, abbaio due volte perché voglio che si ricordi che sappia; sento i suoi occhi fissi su di me, ma non mi giro.

E mi lancio nella vastità dell’universo davanti a me, e corro

<< Puoi andare>> mi grida,

E mi lascio trasportare dal vento…

© Gaia Borella



Recensioni ed articoli relativi a Gaia Borella

Nessun record trovato

Testi di Gaia Borella pubblicati su Progetto Babele

(1) Punti di vista di Gaia Borella - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2013-03-27
VISITE: 54


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.