Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [23/07/2024] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Sulla stessa barca: l'amore ai tempi del coronavirus scadenza 2024-07-31    Tema “Poesia e ricerca della Pace nel XXI secolo” e tema libero scadenza 2024-07-31    5 edizione Concorso Nzionale scadenza 2024-07-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Praga poesia che scompare di Milan Kundera     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Uno sguardo all’Open studio presso la Casa degli Artisti di Milano di Cecilia Del Gatto Di Riccardo Renzi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
12 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
18novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Qualcosa mi attende
di Anna Belozorovitch
Pubblicato su SITO


Anno 2013- LietoColle
90pp.
BluAretusa
ISBN 9788878487666

Una recensione di Peter Patti
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 892
Media 79.79%



 Qualcosa mi attende

(...) lui slitta senza più controllo
con la sua chioma di vapore.

Basterebbero questi versi per sintetizzare l’azione poetica della Belozorovitch. Che si basa su Amore e Gratitudine. Notate, nelle poche parole citate, il ritratto veloce e tuttavia precisissimo di un uomo? Del suo fisico e del suo universo interiore, del suo modo di essere che lo fa “slittare” (come una locomotiva in salita!) con la sua - appunto - “chioma di vapore”?

Del resto, a conoscere il profilo biografico dell’autrice, non si può fare a meno di provare stupenda ammirazione. Mosca, poi il Portogallo e... l’Italia: è quasi superfluo dire che l’approccio di Anna Belozorovitch con la nostra lingua è più amorevole e ragionato di quello di tanti che sono cresciuti suggendola dal biberon.

Gusci di granchio leggeri come piume,
e piume che i gabbiani han perso,
la schiuma finta, rigonfiata,
da zucchero filato sporco:

il vento ammassa ogni cosa
per la ciclabile rossa, fino alle dune.

Lei crea, lei produce, con sguardo verso l’esterno. Ma centrale è sempre l’Occhio. Il proprio. L’io che osserva.

Nessun giudizio affrettato in tale osservare. Anzi! Affettuoso, quasi carezzevole, è il rapporto con le cose e le persone circostanti. Anna Belozorovitch è grata di esistere, e lo è per via di se stessa e della propria posizione (fortunata, indubbiamente), in un mondo che lei rispetta e accetta e sul quale riversa tutto il bene e l’amore di cui è capace.

L’aria calda, queste sere
ha quella densa violenza
per cui io godo dell’estate:
depurativa sofferenza,
come un supplizio gentile
fa ricordare d’esser carne
di poter perdere e gioire

Avete mai letto una descrizione più azzeccata dei giorni canicolari? Io no.

Ordunque: Qualcosa mi attende - così si intitola questo volume - è un affidabile candidato per la conquista del titolo di “libro da cuscino”. È un bijou très cher che volentieri teniamo sul comodino e da cui leggiamo qualche riga o pagina, prima di spegnere la luce. È un libro che ci avvicina alla Anna Belozorovitch artista addirittura più che i suoi lavori in prosa (dove, pure, l’uso dell’idioma è ben più ricercato, chirurgico come qui, questo sì, ma con un intrico di significati più profondi intorno ad ogni binomio sostantivo+aggettivo). In queste sue liriche, la poetessa e scrittrice sembra aver fatto un bel lavoro di riduzione e... pittura con acquarelli. A tratti tanto intensi, i colori, da trasformarsi in pastelli, o in colori ad olio. Non importa quanto semplici paiono essere i vocaboli: le immagini sono scultoree e vibrate, sempre; anche quando il tono è compassato. La fiamma arde dentro, al centro dell’Occhio, e la Metafora diventa cibo quotidiano; essenza medesima della realtà.

Io sono piena e immensa,
e so che non mi appartengo.

Quanto senso di pace, in questa consapevolezza!

Ogni tanto ci sono le collisioni, le contese, le contrarietà, ma da esse non nasce mai un’invettiva: semmai, un senso di dispiacere per l’oggetto-soggetto che le ha provocate. Come se si fosse trattato di un lancinante, deplorevole malinteso. (E spesso lo è.)

E quel gigante buono e spaventoso
dietro le cui ginocchia mi nascondevo?
Lui era il principio di tutto.
Io l’attendevo ancora, ogni tanto.

Tu me lo hai infranto (...)

Ma cosa importa, se alla fine sono la bellezza e il profumo e l’anima del paesaggio a trionfare?

Il mare è sporco e scosso
e l’orizzonte è storto.

E anche:

(...) sgranchiscono le nervature
sottili foglie neonate
anziane dell’attesa lunga (...)

Ci sono poesie talmente belle nella loro forza descrittiva (puntualmente circostanziata) che è quasi impossibile parlarne: occorrerebbe leggerle e basta. È il caso di “Dall’alto”. Oppure quei versi, inseriti nella Parte Terza, che iniziano con le parole  “Fu subito intimità. / Non sei mai stato uno sconosciuto”, che sembrerebbe essere un prolegomeni al romanzo 24 scatti.

La sillage poetica contiene, nella sua summa, riflessioni sul destino e come potere osservare il cammino della nostra vita senza farsi male; e con quale metodo. “È la ragione d’osservare, e d’osservarsi / all’indietro, a dipingere il destino”. Verissimo.

Ruota ogni cosa, tutto è rotondo, e noi non possiamo fare altro che procedere. Camminando. Forse pedalando. Scrivendo...

Io seguo la ciclabile, e non mi chiedo
quant’ho percorso. Rossa e stanca
lei guarda l’orizzonte e non si chiede
chi sia io per portarmi avanti.


Una recensione di Peter Patti



Recensioni ed articoli relativi a Anna Belozorovitch

(0) Qualcosa mi attende di Anna Belozorovitch - Il Parere di PB
(1) 24 scatti di Anna Belozorovitch - Il Parere di PB
(2) Anima bambina di Anna Belozorovitch - RECENSIONE

Recensioni ed articoli relativi a Peter Patti

Nessun record trovato

Altre recensioni di Peter Patti

(1) Indomite di Simona Friuli - Il Parere di PB
(2) Il funerale di Edward Block di Zeno Toppan - Il Parere di PB
(3) Esche di Andrea Fiorito - Il Parere di PB
(4) Passi nel delirio di Autori vari - Il Parere di PB
(5) Non sette donne di Marco Angelotti - Il Parere di PB
(6) Il Brasile in guerra di Andrea Giannasi - Il Parere di PB
(7) La Chiave di Cristallo di Antonio Mosca - Il Parere di PB
(8) Fuga da mondi incantati di A.A.V.V. - Il Parere di PB
(9) Sincronia erotica sulle ali degli angeli di Beniamino Fausto La Rosa - Il Parere di PB
(10) Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino - Il Parere di PB
>>Continua (click here)

Altre recensioni:




-

dal 2017-04-08
VISITE: 3.935


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali