Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [18/06/2024] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    “Eridanos” scadenza 2024-06-23    Il Premio Città di Como scadenza 2024-06-30    Seven Live 2024 scadenza 2024-06-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    NIPPOMANIA - Giappone: dai samurai ai manga. (PRESENTAZIONE 2024-06-22)     ATTRAVERSAMENTI MULTIPLI 2024 - danza_teatro_musica_site specific_nella natura urbana (SPETTACOLO_TEATRALE 2024-06-29)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Praga poesia che scompare di Milan Kundera     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Uno sguardo all’Open studio presso la Casa degli Artisti di Milano di Cecilia Del Gatto Di Riccardo Renzi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
16 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
4eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
18novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Bucolica
di Nadia concetta Nicoletti
Pubblicato su SITO


Ascolta la versione audio
Ascolta la versione audio di questo testo!
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 20251
Media 79.77%



Ho visto un luogo, eccellente.

E’ racchiuso tra massi precipitati dalle montagne lontane, all’interno alcune canne di bambù, alberi sottili e alti, cespugli di more, un rigagnolo d’acqua confluiva in una pozza, grilli salterelli, cicale, farfalle, api e lui, un fauno.

Era caldo, un pomeriggio fermo dal gusto di barolo, il calore che inalavo andava a mettersi al posto del sangue. Sotto i piedi, piccoli scricchiolii. Camminavo sopra un immenso sommerso, micro natura scossa dal mio incedere lento. Fili d’erba rimanevano incollati alle caviglie umide, le mani scompigliavano le fluorescenze di una vegetazione pronta a disperdersi nel primo vento.

Alle orecchie, oltre ai versi dei piccoli insetti una melodia, acuta, lineare, dolce.

Cercai di direzionare le orecchie come potrebbe fare un lupo verso quel suono di strumento, girai su me stessa parecchie volte ma il suono si spostava di continuo. Ora proveniva dalla roccia lì in fondo, ora da dietro quest’albero frondoso, insomma, ero curiosa e felice di trovarmi in quel luogo.

Poi, vicino ai bambù che superavano di un palmo l’altezza di un uomo, dove le radici prendevano un po’ d’acqua, all’ombra, scorsi il profilo inconfondibile. Un fauno, in perfetta armonia con il paesaggio, suonava il flauto.

Lo so, è fuori dai canoni affermare che era bellissimo, ma lo era! Il profilo del viso lungo, fronte e naso su un’unica retta che però rientrava sopra le lebbra con le alette delle narici ben dilatate e la bocca, ben formata, si allungava sulle guancie, all’insù. Il mento, benché ricoperto dalla barbetta caprina, era spiovente e ricadeva sul collo taurino. I capelli annodati, sulla nuca si fondevano alla peluria mascolina della schiena. Accovacciato a terra, le zampe muscolose erano ispide. Lucenti gli zoccoli.

Prima roteò gli occhi su di me, occhi lucidi, intensi, provocatori, poi lentamente si voltò e smise di suonare solamente per liberare la bocca e arricciarla in un sorriso. Accattivante, delizioso, mi guardava e una grande attrazione mi fece procedere verso lui.

Nei suoi occhi vedo me, rigida, una montagna di giudizio, etica, morale, coscienza. Un moto sussultorio arrivava fino ai miei piedi, le ginocchia cedono, il ventre si scalda, l’aria non mi basta.

Di nuovo il fauno libera schegge che trafiggono quest’aria spessa. Mentre all’orecchio arriva il turbine sonoro che mi riporta a me stessa, il turbine al ventre è tutt’altra cosa. Quella cosa che credevo dissennatezza, allontanata come una malattia era lì, davanti a me, e voleva essere ascoltata. E’ come se dicesse “sono una cosa naturale, al di la del tuo controllo.”

Disposta a tutto, avevo un tarlo che girava ancora nelle circonvulsioni del mio cervello (o dovrei dire intestino?) e cioè chi mi garantiva che non avrei sofferto dato che i fauni quando sono disturbati durante il loro riposo pomeridiano, mordono? Però anche questo dubbio volò via, come una farfalla, le mosche, le api. Tutto si mosse, si spostò di posto, strisciò via, ciascun passo del mio lento incedere allontanò le altre creature da noi, losciandoci soli.

I suoi occhi nei miei, terre inesplorate tempi astrali onde violente dalle spume calde, pruriginose, bellezza.

Profondo marino

Nero

Opaco

Guizzante

Chimerico

Come una ninfa, selvatica, danzo tra le onde di questa sorgente illusoria. Immaginata.

La mia pelle è liscia e la schiuma del mare crepita sulle braccia, sul viso, l’anca.

Immagino di essere dipinta. Alcuni scogli sullo sfondo, una baia verdeggiante sulla destra, blu oltremare screziato da bianco piombo delle nuvole, aria, aria tra le canne e l’acqua, onde schiumose intralciate dal mio corpo che guizza veloce e respira acqua salata.

Immagino che il fauno si sia nascosto tra le canne per osservarmi lasciandomi intatte tutte le facoltà di giudizio e di condotta. Lui mi sta inserendo in un dipinto dove, se sbircio, sono bellissima.

© Nadia concetta Nicoletti





Recensioni ed articoli relativi a Nadia concetta Nicoletti

Nessun record trovato

Testi di Nadia concetta Nicoletti pubblicati su Progetto Babele

(1) Bucolica di Nadia concetta Nicoletti - RACCONTO
(2) blues di Nadia concetta Nicoletti - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB




-

dal 2010-07-07
VISITE: 40.342


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali