Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    Il foglio letterario. PROGRAMMA 23 Maggio – 11 Giugno (23/05/2023)    [18/05/2024] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Oceano di Carta scadenza 2024-05-20    Città di Cava de’ Tirreni scadenza 2024-05-24    Lago Gerundo scadenza 2024-05-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    LA CITTÀ CHE LEGGE - Maratona di Lettura (EVENTO 2024-05-20)    Io, Vincent Van Gogh - Presentazione del nuovo libri di Corrado D'Elia (PRESENTAZIONE 2024-05-22)    URI CAINE Trio featuring BARBARA WALKER - Unica data della Lombardia (SPETTACOLO_TEATRALE 2024-05-18)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani     Rasella: storia di una bomba di Chiara Castagna    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio     Il paese invisibile e il passo per inventarlo di Roberto Marcòni: un percorso attraverso lo spirito del paesaggio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
18 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
7 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
14 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

RECENSIONE
Viaggioa Kandahar

FRANCIA/IRAN 2001


Recensione di Francesca Lagomarsini

Viaggio a Kandahar

Titolo originale: Safar e Ghandehar
Nazione: Francia/Iran
Anno: 2001
Genere: Drammatico
Durata:
Regia: Mohsen Makhmalbaf
Cast: Niloufar Pazira, Hassan Tantaï, Sadou Teymouri

L'immagine iniziale è quella di un disco nero su sfondo oro sbiadito, due dischi sovrapposti, quelli di un eclisse vista dai fori del burqa di una donna.
Ci immergiamo subito nel racconto quasi giornalistico di questa donna che si immerge volontariamente nelle ombre del mondo afghano per raggiungere la sorella ed impedirle di togliersi la vita prima dell'ultima eclissi del millennio.
Attraverso il deserto tra Iran ed Afghanistan si compie questo "viaggio di ritorno" irto di pericoli, che costringe la protagonista a nascondere la propria identità e, contemporaneamente, si svolge l'elemento essenzialmente poetico del film: la costante registrazione delle sensazioni, delle voci del deserto e delle persone che incontra durante il viaggio. E' il dialogo immaginario e struggente con la sorella che si intreccia con le aberrazioni della miseria, della fame, delle mutilazioni rilevate durante il cammino a tenere alto il livello del film.
Le immagini mozzafiato del deserto, del cielo infinito che lo avvolge si alternano come episodi di vita, di prigionia fisica e spirituale in cui uomini e donne sono relegati dalla "tradizione".
Si va dal giovane allievo che non riesce a leggere in modo soddisfacente il Corano e viene cacciato dal Mullah suscitando la disperazione della madre già vedova, alla folle corsa dei mutilati verso le protesi paracadutate sul campo della Croce Rossa. La sensazione è che certi episodi volessero essere dipinti dal regista con ironia e sarcasmo ma non sempre l'operazione è riuscita; la sensazione più ricorrente è il disagio, la consapevolezza di assistere ad una farsa fin troppo realistica e soprattutto di essere beffati dal finale.
C'è curiosità verso questo film, lo dimostra la presenza di un pubblico nelle sale numeroso nonostante non si tratti di un film né leggero né divertente.
C'è desiderio di sapere, di calarsi in questa scomoda realtà non più così lontana ma che ormai noi occidentali avvertiamo sulla pelle e quello che risulta più evidente ai nostri occhi sempre più disincantati e che il rispetto per quanto di più sacro abbiamo, la vita, sia spesso per quelle popolazioni un valore calpestato, sop rattutto per i bambini costretti a crescere troppo in fretta. Vivere diventa, quindi, solo sopravvivere e tutto ciò nell'indifferenza altrui e dello splendido deserto afghano…

VISITE: 6491

Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali