Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    [05/10/2022] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Letterario Nazionale Streghe Vampiri & Co. scadenza 2022-10-15    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Lembi di anima di Elisabetta Santirocchi     Sfida di Elisa Negri     Libero di Elisa Negri     Noi non ci bastiamo di Rosa Notarfrancesco     In punta di piedi di Paola Ceccotti    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
9 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
7 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Il giro di Boa
di Andrea Camilleri


a cura di Rosario Cinà

Ed. Sellerio di Giorgianni
Palermo 2003
Collana: LA MEMORIA
269 pagine Euro 10,00


Il fenomeno Camilleri è stato da tempo analizzato, forse in modo frettoloso (e un po' invidioso) dagli addetti all'estetica ed alla critica. Il suo Montalbano, così intrinsecamente sciasciano, insulare, provinciale anche, ha affascinato tanti lettori e soprattutto i giovani neofiti che iniziano a scoprire le
magie dell'affabulazione letteraria.I suoi scritti, per altri versi, hanno fatto adirare, a volte scandalizzare alcuni intellettuali d'origine meridionale che hanno accusato Camilleri di letteratura facile, senza spessore e soprattutto "furba".Credo che per quest'ultimo aggettivo ci si debba riferire al problema del linguaggio di Camilleri, tutto immerso in una dialettalità imprecisa, un vero pastiche di suoni e di espressioni ma che sostanzialmente si riferiscono a cadenze siciliane della parte orientale dell'isola. Questo problema espressivo non è di secondo ordine - di passaggio, ci si chiede come tale dialetto possa essere tradotto dalle culture e forme linguistiche di tutti quei paesi, occidentali e persino orientali, in cui Montalbano-Camilleri viene letto, essendo ormai un fenomeno quasi internazionale.
Il linguaggio dialettale di Camilleri, peraltro usato anche in opere "serie" come la biografia di Pirandello, LA FAVOLA DEL FIGLIO CAMBIATO, non è ideologico-simbolico. Non è gaddiano insomma, ma un puro divertimento, segno d'una passione per le proprie radici, forse anche modo per esprimere la profonda violenza e, polarmente, la solare e grottesca comicità dei tipi siciliani non omologati da una cultura massificata ed americanizzata che Pasolini avrebbe definito come indifferenziata, reificata .Ne risulta un florilegio di personaggi, tutti macchiettisticamente posti sul palcoscenico delle sue storie - non dimentichiamo che Camilleri è stato un ottimo regista televisivo: si ricordi ad esempio la lunga serie del Maigret di Cervi - dei quali è inutile considerare lo spessore psicologico, inesistente, salvo l'eroe introverso, progressista, istintivo, romantico, solitario, fedele e macho, appunto il commissario Montalbano che nel proliferare delle storie è stato sempre più scandagliato, divenendo un personaggio interessante e complesso col quale sarebbe piacevole mangiare un piatto di pasta con le sarde, un timballo di "milinzane cu sucu" (sformato di melanzane al sugo) o altre prelibatezze della "forte" cucina siciliana, avendo davanti la fisionomia piacevole ed accattivante di Zingaretti, l'ottimo attore che per un effetto di sinergia mediatica rappresenta ormai per tutti il "vero" commissario.
Ora con Camilleri, a me lettore ingordo, è accaduto sempre un fenomeno di odio-amore. E' stata proprio questa dialettalità a farmelo sentire un po' artefatto. Questo modo di parlare che nell'ultimo libro, IL GIRO DI BOA, è divenuto un puro esprimersi solo in dialetto con qualche inserto in lingua manzoniano-italica, m'è sembrato sempre riduttivo, contraddittorio, limitativo anche. Sentire Camilleri-Montalbano che passa na "nuttata fitusa, 'nfami, tutta un arramazzarsi, un votati e rivotati…" ma che poi così esprime una scena di tensione:"Pariva una scena di Quentin Tarantino, si puntavano l'occhi invece dei revorbari…", appare come uno squilibrio fra un'esigenza intellettuale dello scrittore ed un ridurre a popolare, per esigenze di stile autoimposto , una narrazione che si sente vorrebbe spaziare in descrizioni, collegamenti, riflessioni estetiche e politico-esistenziali. Insomma senti che Camilleri potrebbe scrivere un suo giallo, usando la lingua italiana e il dialetto solo come episodico inserto, per far divenire i suoi libri delle opere d'arte moderna meno "furbe" e più intense e propositive. Si soffre, insomma, a sentire in giro che Montalbano piace per la sua fruibilità country piuttosto che per il suo spessore in verità tutto potenziale e, purtroppo e per strana scelta, inespresso.
Tuttavia - e qui scatta l'inesplicabile paradosso - Camilleri piace. Il fastidio nel leggerlo si tramuta in dimenticanza del tempo, a volte in immedesimazione. Catarè, appuntato buffo, analfabeta ma molto intelligente diviene un caro conoscente; il vice commissario Augello, "fimminaru" un po' patetico, un po' infantile alla ricerca dell'eterna madre, ti diviene simpatico; le donne di Montalbano, "la svidisi" soprattutto te le senti addosso con tutta la loro morbidezza e sensualità e la storia narrata cominci a viverla. Questo GIRO DI BOA è il massimo, credo, che Camilleri abbia scritto fra la lunga serie di gialli. C'è un problema sociale e politico reale, l'esodo degli estracomunitari verso le nostre coste meridionali, il mercato dei bambini, oggetti dai mille usi empi e morbosi; c'è un commissario che comincia ad invecchiare ed a non sopportare più l'indecenza delle istituzioni pubbliche - anche della polizia dopo i fatti di Genova ; c'è una dinamicità portata avanti col pathos d'un giallo d'azione; c'è un Montalbano che spara (e noi, identificandoci, spariamo con lui) e viene ferito alla spalla; c'è una equipe che lo collabora perché un po' lo teme ma lo ama anche e rispetta tanto perché è deciso, ha valori, crede in qualcosa e burberamente vuol bene ai suoi; e ci sono le donne ma soprattutto la "svidisi" che ti pare di allungare la mano per sfiorarla e "sintiri intra li naschi un sciauro d'albicocca della sua pelle, tanto forte da averne un giramentu di testa"
E così, partiti per criticare e destrutturare si è arrivati coinvolti ed amalgamati dentro questa storia, dentro i sapori ed odori dell'affabulazione di Camilleri. Miracoli dell'alchimia della fantasia e delle parole.


Rosario Cinà
rozapataci@virgilio.it


>>Compra questo libro su Internet Book Shop (IBS)<<

 

VISITE: 6111


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali