Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    Il foglio letterario. PROGRAMMA 23 Maggio – 11 Giugno (23/05/2023)    [14/04/2024] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Il Miglior Racconto Fantastico scadenza 2024-04-15    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Orizzonti d'Arte - Bi-Personale delle Artiste Giuliana Griselli e Maria Pia Mucci (EVENTO 2024-04-27)    Padova, al via l’Aperyshow: attese centomila presenze per il charity event - L’evento di solidarietà più famoso d’Italia torna dal 24 al 28 aprile con un’edizione spettacolare ad Arsego, nel Padovano: oltre 300 artisti nazional (EVENTO 2024-04-28)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Rasella: storia di una bomba di Chiara Castagna    La famiglia Manzoni di Natalia Ginzburg     Prossimità e lontananza di Elio Scarciglia    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Il paese invisibile e il passo per inventarlo di Roberto Marcòni: un percorso attraverso lo spirito del paesaggio     Ardengo Soffici e il Fascismo     Ezra Pound: una breve nota     La poesia patriottica nel Romanticismo italiano     L’immanenza dell’incarnazione nella poesia di Mario Luzi    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus

Le Vendicatrici
Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
15 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
7 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
26 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Martiri per l'Irlanda - Bobby Sands e gli scioperi della fame
di Munuele Ruzzu
Pubblicato su PB15


Anno 2004- Fratelli Frilli
235pp.

ISBN

Una recensione di Salvo Ferlazzo
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 280
Media 80.14%


Rivisto a distanza di tanti anni, il combattente Bobby Sands, raffigurato su una parete esterna della Falls Road, sembra raccogliere il testimone che altri prima di lui hanno tenuto, nella loro corsa verso la libertà del loro paese, del loro popolo. Ghandi, Mandela.

La storia che porta fino a lui, e poi fino alla dichiarazione di cessazione di ogni forma di ostilità nei confronti delle truppe inglesi di stanza sul territorio irlandese, si snoda attraverso un percorso fatto di atti eroici contro l’isolamento, le torture; contro il famigerato Blocco H, a Long Kesh.

Quel carcere, nonostante la sua chiusura sia avvenuta nel ’98 a seguito degli “ Accordi del Venerdì Santo”, rappresenta una cicatrice ancora aperta nell’immaginario collettivo del popolo irlandese, e una sconfitta della superiorità inglese.

E’ facile cedere alla retorica dell’eroismo, come momento di elevatezza dei principi, per mettere in moto un movimento di opinione che dia la cifra dell’insensatezza, dell’immoralità di ogni forma di occupazione, bellica e non, di ogni guerra.

Ma questo, è il risultato finale.

E’ necessario scoprire nelle nebbia dei discorsi di ieri, e di oggi, la filigrana di un periodo storico durante il quale l’uomo e il potere si sono trovati di fronte, in un massimo scontro.

Perché proprio di questo si tratta: la lotta contro un potere che, Passerin d’Entréves nel suo saggio ” la dottrina dello Stato” definì come “ una forza qualificata” e quindi ”istituzionalizzata”.

Gli attori di questa tradizionale rappresentazione, sono patrimonio indistruttibile della storia, e non solo perché noi l’abbiamo percepita come una storia che ha lasciato una qualche eredità; ma perchè gli avvenimenti storici sono stati, e sono oggi, parte della trama della nostra vita, perché in qualche misura l’hanno plasmata.

Ruzzu consegna al lettore la condizione dei prigionieri irlandesi; è il momento della memoria, libera da pericolose suggestioni, una sorta di recherche che ci rende familiari i personaggi, reali, concreti, avvolti nelle loro coperte sudice, fra le mura imbrattate di escrementi umani.

E’ la violenza, la reificazione dell’essere umano, riavviato sul cammino dell’affrancamento dall’ordine del tempo, dalla morte.

La rievocazione letteraria di Ruzzu, non può non farci pensare ai martiri cristiani che adottarono il digiuno, come una forma di protesta pacifica per l’affermazione di un credo, di una liturgia che ancora oggi trova diritto di cittadinanza presso gran parte della popolazione mondiale.

Il digiuno diventa così strumento di catarsi personale, di elevazione spirituale, tanto che nella coscienza collettiva, anche chi si fosse macchiato di un qualche crimine, perde quella connotazione negativa, per acquistare quella di martire. Che si tratti del trascod o del cealachan, il digiuno viene vissuto come pratica, metodo, sistema contro la violenza indiscriminata, la brutalità delle truppe inglesi.

In questa negazione esistenziale, quasi assoluta, l’uomo trova il suo moto di perpetuazione, una forza di ribellione, che diventa esercizio della distruzione e, allo stesso tempo, proclamazione del suo stato di sopravvivenza, come una sovrastruttura della rivendicazione dello status giuridico di individuo.

Ruzzu finisce, così, per “grattare” là dove la catena lascia il segno.

Allora, di quel periodo bisogna farne alimento, discorso articolato, per grattare il prurito sotto la pelle della storia, affinché questa diventi creatrice di valori, sbloccando la parzialità negativa della rivolta, definendola, invece, una operazione metodologico-costruttiva che va al di là della misura limitativa della stessa rivolta.


Una recensione di Salvo Ferlazzo



Recensioni ed articoli relativi a Munuele Ruzzu

(0) Martiri per l'Irlanda - Bobby Sands e gli scioperi della fame di Munuele Ruzzu - Il Parere di PB

Recensioni ed articoli relativi a Salvo Ferlazzo

Nessun record trovato

Altre recensioni di Salvo Ferlazzo

(1) Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali - RECENSIONE
(2) La vigilia di Natale di Maurizio Bassani - Il Parere di PB
(3) Le vie dei ritorni di Luciana Caranci - Il Parere di PB
(4) Quando i media staccano la spina di Gilberto Mastromatteo - Il Parere di PB
(5) La marina del mio passato di Alejandro Torreguitart Ruiz - Il Parere di PB
(6) Non si sa mai di Donatella Placidi - Il Parere di PB
(7) Il ghiaccio nei tubi del verderame di Tito Ettore Preioni - Il Parere di PB
(8) L' ottavo giorno della settimana di Roberto Stranieri - Il Parere di PB
(9) Tre semplici sconosciuti di Andrea Franco - Il Parere di PB
(10) I sessanta nomi dell'amore di Tahar Lamri - Il Parere di PB

Altre recensioni:




-

dal 2004-11-10
VISITE: 6.874


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali