Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    Il foglio letterario. PROGRAMMA 23 Maggio – 11 Giugno (23/05/2023)    [19/05/2024] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Oceano di Carta scadenza 2024-05-20    Città di Cava de’ Tirreni scadenza 2024-05-24    Lago Gerundo scadenza 2024-05-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    LA CITTÀ CHE LEGGE - Maratona di Lettura (EVENTO 2024-05-20)    JAZZINSIEME 2024 PORDENONE SI TINGE DI JAZZ - JAZZINSIEME 2024 Dal 23 Maggio al 2 Giugno il centro di Pordenone, special guest l'inedito trio Calderazzo, Patitucci, Weckl (EVENTO 2024-06-02)    Io, Vincent Van Gogh - Presentazione del nuovo libri di Corrado D'Elia (PRESENTAZIONE 2024-05-22)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani     Rasella: storia di una bomba di Chiara Castagna    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio     Il paese invisibile e il passo per inventarlo di Roberto Marcòni: un percorso attraverso lo spirito del paesaggio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Audiolibri
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
19 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
6 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
14 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Il ghiaccio nei tubi del verderame
di Tito Ettore Preioni
Pubblicato su PB16


Anno 2002- Gianni Iuculano Editore
65pp.

ISBN

Una recensione di Salvo Ferlazzo
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 813
Media 79.09%


Qualche volta la scrittura rimane l’atto di suprema salvezza che da la cifra esistenziale di un evento smisurato e scomposto come può esserlo una guerra.

Preioni non si sottrae a quest’atto di concessione, permettendo alla memoria di risvegliarsi per un suono, una voce, uno sparo.

In questo quadro si colloca la serie di racconti scritti, perché narrati, affiorati alla memoria perché sospinti dal mare dei ricordi, nel tentativo di consegnare alle generazioni future una pagina di storia italiana, fra le più cruenti.

Le pagine di Preioni ci rimandano l’eco violenta della battaglie in una zona dell’Italia settentrionale, la val d’Ossola, dove le Repubbliche partigiane erano isole di libertà nel mare delle armate tedesche sparse per l’Italia dopo l’8 settembre 1943.

Quando il 4 giugno del 1944, lungo i Fori Imperiali a Roma, sfilano le truppe americane e inglesi, il Comitati di Liberazione Nazionale Alta-Italia (CLNAI), lancia l’appello all’offensiva generale che doveva dare “la prova storica dell’occupazione del popolo italiano al nazifascismo, della sua riabilitazione davanti al mondo intero”.

Ma la riabilitazione passa, anche, attraverso la dura contrapposizione tra uomini di diversa ideologia, con divise di diverso colore, trovatosi all’improvviso senza re, senza duce; forse liberi e ribelli, e con una grande montagna come rifugio.

Arriva la guerra totale contro un nemico che è, come dice B. Croce “non l’umano avversario delle umane guerre, ma l’atroce presente nemico dell’umanità”.

Perché è dell’umanità che scrive l’autore: di quella umanità violata fin dentro le case, negli affetti, preda di una turpe, sciagurata esaltazione di conquista di ogni essere umano.

Nelle pagine di Preioni, sembra ancorarsi al racconto di un “io” narrante, invisibile, ma sempre presente, la volontà di arrivare presto alla conclusione della guerra.

La montagna diventa teatro di scontri, zona proibita per i tedeschi in ritirata. Una ritirata pesante, che si lascia dietro di se una lunga scia di sangue che non piegherà la volontà dei partigiani di compiere fino in fondo il loro dovere.

Così, nell’estate del ’44 vengono liberate le grandi repubbliche, nella Carnia a Montefiorino, ad Alba, nel cuneese, nell’Ossola. Quest’ultima passerà alla storia per i suoi quarantaquattro giorni di libertà, dal 10 settembre al 23 ottobre 1944, consegnandola alla storia come la più conosciuta delle grandi repubbliche della valle del Po.

Preioni narra episodi, in bilico tra la storiografia pura, con le sue date inamovibili, e famiglie di partigiani, soldati in obbedienza a ordini superiori. Due universi paralleli si muovono fino ad incontrarsi in un punto trans-dimensionale, dove le vicende personali di tutti coincidono fra di loro.

La capacità narrativa dell’autore, pur concedendo alcuni momenti ad un ambito più letterario, quasi deamicisiano, dove gli affetti, i rapporti umani cercano di contrastare la desertificazione esistenziale cui sono stati costretti, ci riconduce ad un livello di consapevolezza più alto, legato alla Storia.

Ed è la Storia narrata da Giorgio Bocca nel suo “Partigiani della montagna”, o di Pjno Cacucci in”Oltretorrente”.

La capacità di assemblare fatti, pensieri diversi –“…sono in piazza che prendono tutti gli uomini giovani”, “ …ho amato la mia Patria e per essa cado…”, alimenta in chi legge il desiderio di comprendere meglio la storia di quei giorni.

Non c’è posizione ideologica in Preioni, ma si coglie ugualmente l’esigenza di fornire una risposta etica a un conflitto che ha visto contrapposti uomini contro uomini.


Una recensione di Salvo Ferlazzo



Recensioni ed articoli relativi a Tito Ettore Preioni

(0) Il ghiaccio nei tubi del verderame di Tito Ettore Preioni - Il Parere di PB

Recensioni ed articoli relativi a Salvo Ferlazzo

Nessun record trovato

Altre recensioni di Salvo Ferlazzo

(1) Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali - RECENSIONE
(2) La vigilia di Natale di Maurizio Bassani - Il Parere di PB
(3) Le vie dei ritorni di Luciana Caranci - Il Parere di PB
(4) Quando i media staccano la spina di Gilberto Mastromatteo - Il Parere di PB
(5) La marina del mio passato di Alejandro Torreguitart Ruiz - Il Parere di PB
(6) Non si sa mai di Donatella Placidi - Il Parere di PB
(7) L' ottavo giorno della settimana di Roberto Stranieri - Il Parere di PB
(8) Tre semplici sconosciuti di Andrea Franco - Il Parere di PB
(9) I sessanta nomi dell'amore di Tahar Lamri - Il Parere di PB
(10) Il confine invisibile di Alfio Cataldo Di Battista - Il Parere di PB

Altre recensioni:




-

dal
VISITE: 9.454


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali