Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    Il foglio letterario. PROGRAMMA 23 Maggio ľ 11 Giugno (23/05/2023)    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    [21/09/2023] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    L'abisso delle fobie scadenza 2023-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Bando INTRANSITO - Rassegna di teatro emergente under 35 a Genova - scadenza 22/09/2023 - Giunge alla sesta edizione la rassegna biennale INTRANSITO (EVENTO 2023-09-22)    Festival del Medioevo di Gubbio - Vocifuordiscena (EVENTO 2023-09-24)    Presentazione del romanzo L'altro io - a seguire lettura a leggio del Monologo della sera (EVENTO 2023-09-30)     A tavola con LoRenzo e Lucia - Spettacolo-banchetto teatrale (SPETTACOLO_TEATRALE 2023-09-22)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciri˛lo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Cioccolata a colazione di Pamela Moore    La mappa del destino di Glenn Cooper     La danzatrice di Lucera- Die Tanzerin Von Lucera di Mathilde Von Metzradt    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Riflessioni sul Barocco letterario     Osvaldo Licini: la sua terra, la malinconia e la follia     Considerazioni su Giovanni Pascoli     Una riflessione sullo spettacolo di Diego Mecenero: la Marca tra folklore e leggende     Il concetto di tragedia e la cura di sÚ stessi    Racconti     I decapitati di Francesco Ciri˛lo     "Sara y la Facultad" di Jorge edgardo Lˇpez     L'intervista di Cinzia Baldini     Il temporale di Cinzia Baldini     Il castagneto magico di Massimiliano Claps    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     NÚmirovsky,Irene (1903-1942)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey     La moglie in bianco ů la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     R÷kFl÷te (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
18 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
7 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
38 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Quando i media staccano la spina
di Gilberto Mastromatteo
Pubblicato su SITO


Anno 2007- Prospettiva Editrice
Prezzo € 12- 351pp.
(collana I territori)
ISBN 9788874181520

Una recensione di Salvo Ferlazzo
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 392
Media 79.77%



 Quando i media staccano la spina

Nel libro-saggio di Mastromatteo, l'autore con un sapiente dosaggio di informazioni e rimandi storici, riesce a dar vita ad una sorta di grammatica, rivisitata, della stessa informazione.

Il risultato è una lettura appassionante, scientifica, a volte tragica, dei fatti che hanno lasciato un segno profondo nel tessuto politico, storico, sociale del paese.

Un ricco alternarsi di articoli giornalistici e commenti caratterizza lo spirito del saggio di Mastromatteo:storia e sociologia, si danno il cambio in questo excursus, si intrecciano a tal punto che il lettore avverte il bisogno di una ri-lettura dei fatti, per trovare la giusta chiave interpretativa degli avvenimenti riportati.

Quell'informazione , la sua modalità di essere tale, era corretta? Sarebbe stato eticamente ammissibile provare almeno un dubbio sulla esattezza dei fatti narrati e commentati?

La passione per la verità spinge il lettore del saggio ad arricchire la propria sintassi, senza fargli perdere quel flusso di coscienza che in fondo altro non è se non un dialogo con se stessi sui fatti del tempo, i commenti, le interpretazioni, le dichiarazioni di uomini politici, magistrati, politologi.

Il lavoro di Mastromatteo non alimenta sicuramente quella lettura che vorrebbe la storia nazionale pervasa da una sequenza di strategie occulte ben organizzate di menti straniere. Nonostante questa esigenza di chiarezza, non si può non tenere conto che all'interno del contesto nazionale si fossero inserite prepotenti forze occulte, anche internazionali.

L'autore non fa venir mai meno l'interesse per la ricerca storica: la periodizzazione degli avvenimenti non declina mai verso un'estensione temporale ampia che ne potrebbe falsare la comprensione.

Non è un caso la provocazione di McLuhan, durante i giorni del sequestro Moro," il mondo dei media potrebbe reagire a questo episodio di terrorismo con la decisione di sospendere per un breve periodo di tempo tutte le trasmissioni radio e tv".

Fu indubbiamente una provocazione verso una stampa, all'epoca, affetta da un grave strabismo.

La domanda che ci si sarebbe dovuti porre, allora come oggi, era la seguente: i media possono diventare cassa di risonanza per le imprese criminali dei terroristi?

Si può oggi immaginare una stampa, una televisione rannicchiate nell'angolo buio della ricerca del gossip, con il quale stroncare, o tentare d farlo, una carriera politica, finanziaria?

La stampa e la radiotelevisione hanno quasi sempre avuto un atteggiamento di rifiuto per quegli interventi che hanno cercato di spiegare, indagare, contestualizzare il fenomeno brigatista, e dell'eversione in generale. Probabilmente spingersi in questa direzione, cioè nell'aver individuato le sorgenti politico-culturali del problema "brigate rosse", significava quasi una tacita accettazione dello stesso.

L'intervento del sociologo Losito, intervento contenuto nel libro di Statera Violenza sociale e violenza politica nell'Italia degli anni '70, è diretto a chiarire proprio questo concetto che ha la stampa nazionale sulle br.

"Ipotizzare che le comunicazioni di massa contribuiscono a diffondere istanze ideologico-culturali e comportamentali relative a nuovi ethos, ma anche ad anti-ethos collettivi, significa assumere...che esse possano di fatto favorire o sollecitare l'insorgere di comportamenti innovativi, ma anche devianti. Questa possibile funzione latente del mass media diviene più incisiva quanto più povera sul piano dell'analisi sociologicamente orientata e,quindi, superficiale, acritica, sensazionalistica, spettacolare, è l'immagine dei fenomeni di devianza proposta dagli stessi mass media".

Sin qui l'analisi del sociologo.

Mastromatteo indaga anche lui, e fra le pieghe dei suoi rimandi, invita il lettore, il radiotelespettatore a non cadere nell'errore che ciò che si vede, si legge sia ciò che viene definito, narrato da chi commenta i fatti.

Il cosiddetto "quarto potere" è così strettamente intrecciato con il potere politico, così dipendente da interessi privati, da essere considerato più come il cane da guardia della maggioranza politica del momento, piuttosto che l'attento osservatore con funzioni controllo e di critica.

Nel suo saggio l,'autore focalizza l'attenzione sul come alcuni giornali si siano prestati ad un gioco perverso delle parti, che ha avuto come risultato scarso approfondimento della notizia, quando non anche una smaccata superficialità e di riflesso un atteggiamento, da parte della classe politica, rinunciatario, poco incline alla salvaguardia dei principi di legalità e di democrazia.

Certo l'aver ritrovato nelle pagine dei giornali, e fra le notizie della tv, i simboli di un periodo storico abbastanza preoccupante per i destini della democrazia, della sua tenuta e della sua stabilità, deve aver sicuramente affascinato in maniera negativa, i fruitori dell'informazione, e chi la faceva.

Di nuovo la domanda: si poteva staccare la spina allora? E oggi? Per quanto riguarda l'"allora", anche tenendo presente l'invito di McLuhan, bisogna considerare il fatto che ci fu chi non tenne assolutamente conto di quell'invito: il tamtam dei radicali e il fronte dei giornali che sposarono le ragioni della fermezza di fronte all'imbarbarimento della lotta politica.

Oggi, con l'avvento di internet, con il miglioramento quantitativo e qualitativo della tecnologia, risulta pressoché impossibile dare anche il minimo di attenzione a quell'invito.

Il sistema mediatico attuale con i suoi blog, i suoi sms, i portali stimolerebbero ancor di più la curiosità delle persone.

Si impone quindi una diversa chiave di lettura del "blackout", badando più all'approfondimento della notizia che non alla sua spettacolarizzazione, per permettere a colori cui è diretta, un maggiore utilizzo dei mezzi atti a formare un'opinione seria, consapevole, momento essenziale, partecipativo per una completezza, nella complessità, della storia, degli avvenimenti del proprio paese.

Mastromatteo consente alla nostra memoria di attribuire all'esistenza di ognuno di noi, una valenza esperenziale tale che il nostro bagaglio non sia fatto solo di ricordi, ma sia ciò che sostanzia l'essere umano.


Una recensione di Salvo Ferlazzo



Recensioni ed articoli relativi a Gilberto Mastromatteo

(0) Quando i media staccano la spina di Gilberto Mastromatteo - Il Parere di PB

Recensioni ed articoli relativi a Salvo Ferlazzo

Nessun record trovato

Altre recensioni di Salvo Ferlazzo

(1) Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali - RECENSIONE
(2) La vigilia di Natale di Maurizio Bassani - Il Parere di PB
(3) Le vie dei ritorni di Luciana Caranci - Il Parere di PB
(4) La marina del mio passato di Alejandro Torreguitart Ruiz - Il Parere di PB
(5) Non si sa mai di Donatella Placidi - Il Parere di PB
(6) Il ghiaccio nei tubi del verderame di Tito Ettore Preioni - Il Parere di PB
(7) L' ottavo giorno della settimana di Roberto Stranieri - Il Parere di PB
(8) Tre semplici sconosciuti di Andrea Franco - Il Parere di PB
(9) I sessanta nomi dell'amore di Tahar Lamri - Il Parere di PB
(10) Il confine invisibile di Alfio Cataldo Di Battista - Il Parere di PB

Altre recensioni:




-

dal 2008-03-28
VISITE: 3.042


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali