Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [16/06/2024] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    “Eridanos” scadenza 2024-06-23    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Convegno internazionale a Ragusa  - Migrazioni e grandi vie della storia. (EVENTO 2024-06-16)    NIPPOMANIA - Giappone: dai samurai ai manga. (PRESENTAZIONE 2024-06-22)     ATTRAVERSAMENTI MULTIPLI 2024 - danza_teatro_musica_site specific_nella natura urbana (SPETTACOLO_TEATRALE 2024-06-29)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Praga poesia che scompare di Milan Kundera     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Uno sguardo all’Open studio presso la Casa degli Artisti di Milano di Cecilia Del Gatto Di Riccardo Renzi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
15 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
5eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
17novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

La telefonata
di Lorenzo Spurio
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 827
Media 78.95%



Io e mia moglie decidemmo di non dire a nostro figlio Luca che sua nonna era morta. Lui le era molto affezionato e trascorreva delle giornate intere con lei. La notizia per lui sarebbe stata devastante. Con l’intenzione di fare il suo bene tacemmo la morte di mia madre.  Appena mio fratello mi comunicò la morte di nostra madre, mia moglie si preoccupò subito di chiamare la nostra babysitter affinchè badasse a nostro figlio ma risultò essere impegnata. Cosi io e mia moglie, che mai avevamo lasciato da solo in casa nostro figlio, cercammo di chiedere un favore alla nostra vicina che pure non ci fu d’aiuto poiché ci disse essere a letto con la febbre.

Pur con grande titubanza decidemmo di lasciare nostro figlio a casa da solo dicendogli che nel giro di un paio d’ore, saremmo ritornati a casa. Gli dissi che poteva guardare tutta la televisione che voleva e lui fu tutto contento di questa mia inusuale concessione. Mia moglie si premurò di spegnere il gas e di togliere alcuni oggetti pericolosi dalla portata di nostro figlio: alcuni elettrodomestici con lama, un accendino e un paio di forbici. Dopo aver lasciato nostro figlio dinanzi alla televisione ed esserci vestiti in maniera elegante ma sobria ci recammo immediatamente all’obitorio che distava da casa nostra solo dieci minuti a piedi.

In una stanzina della camera ardente il corpo di mia madre era vegliato e pregato da alcune persone anziane che solo dopo alcuni secondi riconobbi essere delle sue cugine. Vicino alla bara scoperchiata c’era mio fratello con la moglie e la loro figlia. Mi venne da pensare che avevo fatto un grave errore a non portare con me Luca dato che lì c’era tutta la famiglia al completo, tranne lui.

Mi avvicinai a mia moglie alla quale confidai di essere molto preoccupato per nostro figlio. Non l’avevamo mai lasciato a casa da solo e avevo una certa sensazione  che gli stesse accadendo qualcosa di sconveniente. Cercai di calmarmi e feci una mezza preghiera per mia madre, mentre mia cognata, piangente, accarezzava la mano gelida di mia madre.

Mio fratello mi disse che la mamma era morta nel sonno, senza soffrire. Chi invece stava soffrendo davvero in quel momento era mia cognata, Mara, il cui pianto non accennava a interrompersi. Mia madre le aveva voluto molto bene, erano state amiche e complici da quando si erano conosciute. Mia madre la considerava come una figlia. Quella figlia che aveva sempre desiderato e che mai aveva avuto. Lei stava soffrendo più di qualsiasi altra persona.

Alcune persone si avvicinarono per farmi le loro condoglianze, alcuni mi diedero la mano, altri una breve pacca sulla spalla, altri ancora una sorta di abbraccio, ma più modesto, vista la situazione. Ringraziai delle condoglianze e chiesi a mio fratello se avrebbe potuto occuparsi lui dei ringraziamenti e dei fiori. Aggiunsi che me ne dovevo tornare a casa perché mio figlio si trovava da solo ed ero un po’ preoccupato. Mi chiese come il piccolo Luca avesse preso la notizia e gli dissi che non glie l’avevo detto, per evitargli dolore. Vidi mia cognata in piedi, sporta verso la parte superiore della bara, mentre piangeva e mugugnava una preghiera. Mi avvicinai per farle le mie condoglianze ma poi, quando le fui vicino, vidi il volto bonario di mia madre, il suoi lineamenti arrotondati e i suoi occhi ormai serrati per sempre. Misi una mano sulla spalla di Mara ma sembrò non sentirmi perché continuò a badare alla morta. Le dissi di essere forte e le diedi un bacio sulla guancia e poi me ne andai via. Mia moglie salutò alcune persone, forse parenti, forse vecchi conoscenti e ce ne tornammo a casa.

Una volta entrati nel nostro appartamento, mi accorsi che tutto era al suo posto e non era accaduto niente al piccolo Luca, il quale stava ancora guardando la televisione. Mi disse che avevo una faccia strana e mi chiese se per caso fossi stanco. Gli risposi che lo ero. Poi mi disse che mentre mi trovavo fuori casa, aveva ricevuto una telefonata di sua nonna con la quale aveva parlato per una decina di minuti. 

Andai in cucina e riportai a mia moglie quanto il piccolo Luca mi aveva confidato. Fummo costretti a ritornare in obitorio per verificare se mia madre era realmente morta.

© Lorenzo Spurio





Recensioni ed articoli relativi a Lorenzo Spurio

(0) Neoplasie civili di Lorenzo Spurio - RECENSIONE
(1) Flyte & Tallis di Lorenzo Spurio - RECENSIONE

Testi di Lorenzo Spurio pubblicati su Progetto Babele

(1) Il calcestruzzo di Lorenzo Spurio - RACCONTO
(2) La telefonata di Lorenzo Spurio - RACCONTO
(3) Le campane del morto di Lorenzo Spurio - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB




-

dal 2010-06-26
VISITE: 2.765


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali