Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    Il foglio letterario. PROGRAMMA 23 Maggio – 11 Giugno (23/05/2023)    [21/04/2024] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Concorso Letterario Thriller Café scadenza 2024-04-28    Premio Drammaturgico Carlo Annoni scadenza 2024-04-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Orizzonti d'Arte - Bi-Personale delle Artiste Giuliana Griselli e Maria Pia Mucci (EVENTO 2024-04-27)    Padova, al via l’Aperyshow: attese centomila presenze per il charity event - L’evento di solidarietà più famoso d’Italia torna dal 24 al 28 aprile con un’edizione spettacolare ad Arsego, nel Padovano: oltre 300 artisti nazional (EVENTO 2024-04-28)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Rasella: storia di una bomba di Chiara Castagna    La famiglia Manzoni di Natalia Ginzburg     Prossimità e lontananza di Elio Scarciglia    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Il paese invisibile e il passo per inventarlo di Roberto Marcòni: un percorso attraverso lo spirito del paesaggio     Ardengo Soffici e il Fascismo     Ezra Pound: una breve nota     La poesia patriottica nel Romanticismo italiano     L’immanenza dell’incarnazione nella poesia di Mario Luzi    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
15 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
7 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
26 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Non si sa mai
di Donatella Placidi
Pubblicato su PBSR2006


Anno 2004- Nonsoloparole Edizioni
105pp.

ISBN

Una recensione di Salvo Ferlazzo
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 447
Media 79.08%



 Non si sa mai

Claudia: donna pronta a tradire per viltà? O eroina coraggiosa? Su questi due piani esistenziali, paralleli, si muove la protagonista del libro della Placidi. In un gioco quasi assurdo di chiaroscuri, Claudia rinnova la sua esistenza, in un intreccio travolgente di passione, enfasi, per poi precipitare nella notte più nera, dove i pensieri stentano a farsi voce. Dove soltanto il ricordo di Francesca rimbalza fra le coordinate esistenziali che Claudia traccia ogni giorno, come fossero un piano di volo. Al check-in della sua coscienza si presenta la protagonista con un ingombro di bagaglio non indifferente: Francesca, che perpetua ancora la sua presenza come se fosse la sola certezza di questa esistenza. Tra questi due piani paralleli, Claudia getta un ponte, come fosse l’esito del concepimento della libertà. Ma è un concepimento che attesta l’assurdità del concetto dei rapporti amicali e parentali di Claudia, che pervade di questa sua concezione ogni sua manifestazione quotidiana. Il personaggio di Claudia associa aspetti emozionali, quali potrebbero essere quelli relativi ai suoi momenti di tristezza, di collera, di vergogna, di agitazione, a quelli più squisitamente cognitivi, come dimostrano il suo sogno, all’inizio del racconto, la sua richiesta di fare un figlio, il viaggio in Nepal. La sua è una valutazione che mostra che lei non ha agito bene, come avrebbe dovuto, nei confronti di Francesca. Sarà vero? Cosa avrebbe dovuto fare, Claudia, perché gli eventi non avessero avuto quello svolgimento, e quella fine? Fra questi due interrogativi dal profilo fortemente esistenziale, Claudia cerca di collocare tutte le sue possibili risposte. Claudia è alla ricerca del risultato migliore e delle migliori scelte possibili: in questa recherche della perfezione si espone ancora di più al rimpianto, perdendo di vista l’obiettivo del giusto mezzo e del rapporto migliore tra costi e benefici nelle azioni quotidiane. Attraverso alcuni eventi trasversali, la protagonista cerca di strutturare , con maggiore efficacia, una personalità, una soggettività che vengano sollecitate fino alle estreme conseguenze. La separazione dei genitori, gli amici di Gabriele, e l’impossibilità di instaurare un rapporto positivo con questi, disegnano uno schema intellettuale che poco a poco la conduce, con una casualità non percepita, fino al punto di un’apertura della propria coscienza a nuove scelte. J. La Bruyere, osservava che:”il rimpianto degli esseri umani per il cattivo uso fatto del tempo già vissuto non sempre li conduce a fare un uso migliore del tempo che ancora rimane loro di vivere”. Claudia smentisce in pieno questa osservazione, e comincia a fare un bilancio del suo passato. Con l’apertura di un credito a suo favore, prova a gestirlo con intelligenza, piuttosto che evitarne i contraccolpi. Silenziosamente, diventa l’elemento collante di una ripresa del rapporto genitoriale; rivitalizza quello con Gabriele. E questo è possibile grazie al fatto che, comunque, Claudia non rinuncia all’azione; anzi, aumenta il la propria tolleranza all’insuccesso, imparando dagli errori, positivizzando le occasioni perse. L’incontro con la viaggiatrice cinese è lo spartiacque esperenziale della protagonista: la parabola della presenza di Francesca, l’insofferenza, non tanto nascosta, verso amici che non sente fare parte del suo mondo cosciente, cominciano a cedere per fare posto ad un lavoro di recupero del proprio”sé” , di ricucitura di un tessuto esistenziale sfilacciato, sgranato da episodi poco, o per nulla gratificanti. L’avvio di un rapporto, diverso, con la sua collega Silvia apre scenari di indubbia efficacia. Donatella Placidi, questo lo sa. Con orgoglio di donna aperta al confronto, a nuovi orizzonti, ci consegna una Claudia dal profilo personale profondamente mutato, a tal punto da anticipare la risposta ad una domanda di Silvia.


Una recensione di Salvo Ferlazzo



Recensioni ed articoli relativi a Donatella Placidi

(0) Non si sa mai di Donatella Placidi - Il Parere di PB
(1) Piccoli doni di Donatella Placidi - Il Parere di PB

Testi di Donatella Placidi pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Recensioni ed articoli relativi a Salvo Ferlazzo

Nessun record trovato

Altre recensioni di Salvo Ferlazzo

(1) Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali - RECENSIONE
(2) La vigilia di Natale di Maurizio Bassani - Il Parere di PB
(3) Le vie dei ritorni di Luciana Caranci - Il Parere di PB
(4) Quando i media staccano la spina di Gilberto Mastromatteo - Il Parere di PB
(5) La marina del mio passato di Alejandro Torreguitart Ruiz - Il Parere di PB
(6) Il ghiaccio nei tubi del verderame di Tito Ettore Preioni - Il Parere di PB
(7) L' ottavo giorno della settimana di Roberto Stranieri - Il Parere di PB
(8) Tre semplici sconosciuti di Andrea Franco - Il Parere di PB
(9) I sessanta nomi dell'amore di Tahar Lamri - Il Parere di PB
(10) Il confine invisibile di Alfio Cataldo Di Battista - Il Parere di PB

Altre recensioni:




-

dal 2005-09-02
VISITE: 7.667


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali