Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [21/07/2024] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Sulla stessa barca: l'amore ai tempi del coronavirus scadenza 2024-07-31    Tema “Poesia e ricerca della Pace nel XXI secolo” e tema libero scadenza 2024-07-31    5 edizione Concorso Nzionale scadenza 2024-07-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Praga poesia che scompare di Milan Kundera     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Uno sguardo all’Open studio presso la Casa degli Artisti di Milano di Cecilia Del Gatto Di Riccardo Renzi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
12 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
18novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Le vie dei ritorni
di Luciana Caranci
Pubblicato su SITO


Anno 2007- Bastogi Editrice Italiana
Prezzo € 15- 192pp.
(collana Il canapo)
ISBN 9788862730211

Una recensione di Salvo Ferlazzo
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 534
Media 80.36%


"Era già l'ora che volge il disio/ai naviganti e ‘ntenerisce il core/lo di c'han detto ai dolci amici addio/".

Così si esprime Dante nei primi versi del canto VIII del Purgatorio, volendo significar il sentimento che accompagna ogni persona che va via, dice addio ai "dolci amici".

Ha inizio, così, un processo di chiarificazione nel quale sentimenti e immagini acquistano una loro organica e vivente unità.

Luciana Caranci tratta questi sentimenti e queste immagini, come momento marginalmente didascalico, lasciando invece spazio al lirismo che ne scaturisce.

Il motivo della vita umana come peregrinatio.

I suoi personaggi sono pervasi da un'ansia di rigenerazione, che non lascia spazio ad altre soluzioni, tutte accettabili, ma certamente non definitive. Perché di questo si tratta: una "non definitività".

Chi è partito si porta dietro un pezzo della sua terra, l'odore di casa sua, l'immagine della comunità d'appartenenza. Perché egli sa che non può essere isolato.

Allora, si carica di quel sentimento che, da una parte esprime il ricordo di qualcosa che si è lasciato, ma che non si lascia del tutto perché lo si vuol possedere ancora; dall'altra, il progressivo, fatale indebolimento della conoscenza che quella comunità, quel territorio, quella luce non ci sono.

E' la nostalgia che ha in se, qu

asi si trovasse all'interno di un ventre gravido, un nucleo, un frammento di tempo pronto ad esplodere: il desiderio del ritorno.

E' il motivo propulsore di tutto il libro, come una liturgia esistenziale che vede un susseguirsi di eventi, stati d'animo che si manifestano nella loro lucida temporalità, che rimanda silenziosamente, costantemente alla partenza.

Un segreto, profondo fascino lega i sei racconti fra loro: il mistero legato al ritorno comincia a lavorare per cancellare tutte le esperienze fatte fuori della propria comunità, o comunque, a sentirle, e farle sentire come non totali, non esaustive

.

Il ritorno è uno dei topos più significativi e ricchi di interesse della letteratura. Uno per tutti: l'Odissea, dove tutto è incentrato sul ritorno,"nostos" in greco.

Nella nostra epoca, come non mai, contrassegnata da spostamenti  di individui e popoli, dove gli spazi si sono ravvicinati, ormai raggiungibili in poco tempo, il ritorno assume una diversa connotazione rispetto ai topoi letterari del passato.

Una breve incursione nel passato, ci induce a considerare, ad esempio, come l'Esodo non venga percepito come un " ritorno", ma come una vera e propria conquista.

L'arrivo del popolo d'Israele dopo il servaggio egiziano e la partenza da questo paese, non è visto come un ritorno alla terra dei padri, ma come il passaggio, la fase intermedia che anticipa la sua costituzione come popolo.

E quindi, si intuisce come la prigionia, la schiavitù hanno allontanato questo popolo da Dio, mentre il suo ritorno ne connota la ritrovata fedeltà: è la sua identità.

I racconti di Luciana Caranci ci dicono che nella comunità dei suoi personaggi è cambiato qualcosa, che il cambiamento è stato accettato, pur se a fatica.

La comunità affronta il periodo della guerra (Verso casa), e la conseguente ricostruzione.

Tutti i racconti che seguono sono incentrati su personaggi, episodi sui quali un vigoroso, invisibile colpo di spugna, ha sfigurato, cancellato persone, paesaggi che prima erano immersi in un brodo esistenziale protettivo.

Adesso, invece, una improvvisa accelerazione ne ha modificato i contorni, i ritmi. "L'abitudine cancella la memoria", dice il protagonista di "oltre il silenzio".

Un'altra realtà arriva  di colpo, superando quel filtro  che la rendeva comprensibile e sconosciuta, allo stesso tempo.

I personaggi cessano di essere quelli che erano fino a quel momento, per diventare altri. Hanno lasciato qualcosa di se alla partenza: sono più o meno simili all'arrivo, anche se l'insieme di valori e rimasto immutato, o non espresso.

Le ultime parole di Socrate, dopo la condanna, sono illuminanti:"Ma già è l'ora di andar via, io a morire, voi a vivere. Chi di noi vada incontro a una sorte migliore, a tutti è ignoto, fuorché al dio".


Una recensione di Salvo Ferlazzo



Recensioni ed articoli relativi a Luciana Caranci

(0) Le vie dei ritorni di Luciana Caranci - Il Parere di PB

Recensioni ed articoli relativi a Salvo Ferlazzo

Nessun record trovato

Altre recensioni di Salvo Ferlazzo

(1) Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali - RECENSIONE
(2) La vigilia di Natale di Maurizio Bassani - Il Parere di PB
(3) Quando i media staccano la spina di Gilberto Mastromatteo - Il Parere di PB
(4) La marina del mio passato di Alejandro Torreguitart Ruiz - Il Parere di PB
(5) Non si sa mai di Donatella Placidi - Il Parere di PB
(6) Il ghiaccio nei tubi del verderame di Tito Ettore Preioni - Il Parere di PB
(7) L' ottavo giorno della settimana di Roberto Stranieri - Il Parere di PB
(8) Tre semplici sconosciuti di Andrea Franco - Il Parere di PB
(9) I sessanta nomi dell'amore di Tahar Lamri - Il Parere di PB
(10) Il confine invisibile di Alfio Cataldo Di Battista - Il Parere di PB

Altre recensioni:




-

dal 2009-01-10
VISITE: 7.095


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali