Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    Il foglio letterario. PROGRAMMA 23 Maggio – 11 Giugno (23/05/2023)    [20/04/2024] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Concorso Letterario Thriller Café scadenza 2024-04-28    Premio Drammaturgico Carlo Annoni scadenza 2024-04-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Orizzonti d'Arte - Bi-Personale delle Artiste Giuliana Griselli e Maria Pia Mucci (EVENTO 2024-04-27)    Padova, al via l’Aperyshow: attese centomila presenze per il charity event - L’evento di solidarietà più famoso d’Italia torna dal 24 al 28 aprile con un’edizione spettacolare ad Arsego, nel Padovano: oltre 300 artisti nazional (EVENTO 2024-04-28)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Rasella: storia di una bomba di Chiara Castagna    La famiglia Manzoni di Natalia Ginzburg     Prossimità e lontananza di Elio Scarciglia    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Il paese invisibile e il passo per inventarlo di Roberto Marcòni: un percorso attraverso lo spirito del paesaggio     Ardengo Soffici e il Fascismo     Ezra Pound: una breve nota     La poesia patriottica nel Romanticismo italiano     L’immanenza dell’incarnazione nella poesia di Mario Luzi    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
15 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
7 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
26 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Una riflessione sullo spettacolo di Diego Mecenero: la Marca tra folklore e leggende
di Riccardo Renzi
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 48
Media 78.54%



Una riflessione sullo spettacolo di Diego Mecenero: la Marca tra folklore e leggende

In data venerdì 23 giugno 2023, alle ore 21:30, presso il teatro del comune di Rapagnano (FM), si è tenuto lo spettacolo “La Notte di San Giovanni, una notte speciale tra miti, tradizione e folklore” del professore e giornalista Diego Mecenero[1]. L’evento è stato organizzato dall’associazione culturale Teste di Rapa in collaborazione con il Comune di Rapagnano. Lo spettacolo si è incentrato sulle leggende dei Monti Sibillini e ha visto l’accompagnamento musicale alla narrazione da parte di Dino Pulcini. Mecenero oltre ad essere uno dei massimi esperti di francescanesimo nelle Marche, è anche un grande conoscitore delle storie e delle leggende legate ai Monti Sibillini, che nel 2021 ha voluto raccogliere nel volume “Le affascinanti leggende dei Monti Sibillini” edito da Ephemeria[2]. Il volume, a parer mio, si può tranquillamente fregiare dei meriti di completezza e scientificità nell’uso delle fonti, ciò fa dell’opera di Mecenero, l’unico reale punto di riferimento, per quanto concerne l’editoria contemporanea, sulle leggende dei Monti Sibillini. 

Lo spettacolo si è aperto parlando di un distinguo netto e obbligatorio, ciò quello tra la leggenda della Sibilla e quella dei Laghi di Pilato, ed ecco spiegato l’uso del plurale “Leggende” e non del singolare. Il Monte Sibilla svetta per 2173 m sul livello del mare, mentre il Monte Vettore, ove si trovano i Laghi di Pilato, per 2476 m. La narrazione origina proprio dal Monte Sibilla, dove sulla cima è ubicata la famosa grotta della Sibilla, ormai però irraggiungibile dopo il crollo dell’ingresso. Il sito è stato frequentato dal periodo pre-romano e teoricamente doveva essere dedicato, come afferma Mecenero, alla dea della terra Cybele. Con i romani la divinità prese il nome di Sibilla e lo mantenne per tutto il medioevo, sino all’età contemporanea. Per comprendere l’importanza del sito, è interessante analizzare da quanti storici e letterati sia stato citato nel corso della storia:

-          69 d.C. - La prima notizia certa è di epoca romana ed è riportata da Svetonio, il quale afferma che Vitellio «celebrò una sacra veglia sui gioghi dell'Appennino»[3].

-          268 d.C. - Trebellio Pollione in Scriptores Historiae Augustae racconta che Claudio II il Gotico si affidò in quell'anno ai responsi dell'oracolo della Sibilla Appenninica.

-          1320-1340 - Frane all'interno della grotta causate anche dal terremoto del 1328 e chiusura dell'antro per azioni politico-religiose messe in luce dallo storico Falzetti (lotte fra guelfi e ghibellini di Umbria e Marche, fra eretici e domenicani; bolle ed editti della Chiesa per contrastare le eresie di templari, alchimisti, spirituali, catari, patarini ecc. che avevano trovato rifugio nelle terre della Sibilla). 

-          1420 - Antoine de La Sale visitò la grotta nel maggio 1420, riportando nel suo diario, dedicato alla duchessa Agnese di Bourbon-Bourgogne, la quale lo aveva inviato nelle terre della Sibilla, la descrizione minuziosa della morfologia dei luoghi e del vestibolo della grotta. È proprio questa la testimonianza storica più importante in nostro possesso, come affermato anche da Mecenero durante lo spettacolo. 

-          1452 - In una pergamena ritrovata nell'Archivio storico del Comune di Montemonaco è stigmatizzata la frequentazione di Montemonaco, del lago della Sibilla (così chiamato nella sentenza dal giudice della Marca Anconitana) e della grotta sibillina da parte di cavalieri che arrivavano dalla Spagna e dal Regno di Napoli per praticare l'Alchimia e consacrare libri magici ad lacum Sibyllae[4]. La scoperta di tale pergamena è di assoluta importanza, poiché suffraga la tesi sull’intensa frequentazione del sito da parte di genti di tutt’Europa. 

-          1578 - Data incisa sulla roccia vicino al vestibolo crollato. La data riporta l’anno 1378 e la firma di Christian Rosenkreuz[5]. La sua presenza collega il sito al mondo dell’esoterismo e dei Rosacroce[6]. 

-          1610-1612 - Martino Bonfini[7] affrescò nel santuario della Madonna dell'Ambro, un ciclo di dodici Sibille fra cui una Chimica o Alchemica.

Dalla fine del Settecento in poi la grotta inizia ad essere frequentata con sempre maggiore continuità sino al crollo dell’ingresso. 

Conclusa la narrazione relativa al mito del Monte Sibilla, Mecenero ha dedicato gli ultimi dieci minuti alla leggenda del Lago di Pilato. In tale luogo sarebbe infatti sepolto il prefetto della Giudea durante il regno di Tiberio, Ponzio Pilato. Il cadavere di Pilato dopo la morte sarebbe stato legato ad un carro trainato da buoi inferociti, che dopo aver vagato per mezza Italia, si gettarono proprio nel mitico lago, che da allora è frequentato da spiriti maligni. 

A Mecenero è doveroso riconoscere il merito della valorizzazione della storia e del folklore legate alla terra della Marca. Infatti, pur essendo di origine veneta, conosce la storia e le tradizioni marchigiane più degli autoctoni e si spende per la loro valorizzazione.

[1] Direttore della rivista scientifica Il sentiero francescano.
[2] D. Mecenero, Le affascinanti leggende dei Monti Sibillini, illustrazioni di C. S. Salvini, Macerata, Ephemeria, 2021.
[3] Svetonio, Vite dei Cesari, introduzione di S. Lanciotti, Milano, Bur Rizzoli, 2017, p. 695.
[4] In quell’epoca ancora non era in uso il nome Lago di Pilato.
[5] Christian Rosenkreuz compì viaggi in Medio Oriente, intrapresi per poter approfondire le proprie conoscenze sul mondo dell'occulto, evidenziando una forte motivazione mistica ma anche gnoseologica, rivolta allo studio della natura come pratica alchemica. Fu proprio al ritorno da questi viaggi che Christian Rosenkreutz (o Cristiano Rosacroce), rientrato in Germania, che è considerata sua patria di origine, fondò l'ordine segreto dei Rosacroce. Secondo quanto viene riportato in alcuni documenti, egli visse fino all'età di 106 anni. Il suo corpo sarebbe stato rinvenuto, perfettamente intatto, 120 anni dopo, quando alcuni confratelli ritrovarono e aprirono la sua tomba, che recava iscritti diversi motti. Tra i suoi insegnamenti vi sarebbe stato l'acronimo vitriol, che significa: «Visita Interiora Terrae, Rectificando Invenies Occultum Lapidem», il cui sigillo apparve però nel 1613, nel trattato Azoth di Basilio Valentino, un anno prima della pubblicazione dei manifesti rosacrociani, e gli verrà attribuito nel Musaeum Hermeticum da Lucas Jennis nel 1635.
[6] Rose+croci scolpite su architravi di finestre e portali in pietra, si trovano riprodotte fino a tutto il XVII sec. in numerose frazioni di tutta la cintura sibillina.
[7] Mancano prove documentarie per stabilire l'appartenenza di questo pittore e scultore del sec. XVII alla famiglia discendente dall'umanista Antonio. Il primo documento si riferisce al suo matrimonio nel 1584. Nel 1601 è priore della confraternita del SS. Sacramento di Patrignone (Amadio, 1928, p. 6 nota 4), notizia che confermerebbe i suoi rapporti di parentela con la famiglia oriunda di Patrignone.

Nel 1607 eseguì lavori di pittura per la confraternita del Sacramento di Montalto. Un atto notarile del 10 apr. 1607 riguardante il pittore Carlo Allegretti fa riferimento all'impegno precedentemente assunto dal B. di intagliare un altare per la chiesa di S. Agostino (Fabiani, p. 359). Nel 1610-12 dipinse gli affreschi con Assunzione, Visitazione, Nozze della Vergine dietro l'altar maggiore dell'antico santuario della Madonna dell'Ambro presso Montefortino (Luzi, 1892). Nel 1617 avrebbe eseguito un altare per la chiesa di S. Cristoforo ad Ascoli, poi sostituito. Per la chiesa di Ripatransone il B. dipinse nel 1622 la pala d'altare con i Santi Filippo e Isidoro, mentre un "... XXVI" che Luzi lesse nel 1884 fa supporre che fossero del 1626 gli episodi della Vita di Gesù dipinti a fresco nella chiesa della Madonna della Misericordia a Tortoreto. Da un pagamento del 3 dic. 1633 per certe figure di Angeli risulta operoso a Montalto. Notevole deve essere stata l'attività del B. sia come pittore sia come intagliatore, insieme con il cognato Carlo Farina, ad Ascoli dove ebbe bottega. Si tratta certamente di artista non di primo piano, ma al di sopra dei mestieranti e dei freddi imitatori.

 

A cura di Riccardo Renzi



Recensioni ed articoli relativi a Riccardo Renzi

(0) On the road: per una fuga dalla realtà a cura di Riccardo Renzi - ARTICOLO

Testi di Riccardo Renzi pubblicati su Progetto Babele

(1) Prossimità e lontananza di Elio Scarciglia - RECENSIONE
(2) La romanità nell’Asia Minore: l’esempio di Aspendos a cura di Riccardo Renzi - ARTICOLO
(3) Il paese invisibile e il passo per inventarlo di Roberto Marcòni: un percorso attraverso lo spirito del paesaggio a cura di Riccardo Renzi - ARTICOLO
(4) I romani alla scoperta dell'America a cura di Riccardo Renzi - ARTICOLO
(5) Una riflessione sullo spettacolo di Diego Mecenero: la Marca tra folklore e leggende a cura di Riccardo Renzi - ARTICOLO
(6) Ezra Pound: una breve nota a cura di Riccardo Renzi - ARTICOLO
(7) Osvaldo Licini: la sua terra, la malinconia e la follia a cura di Riccardo Renzi - ARTICOLO
(8) Ardengo Soffici e il Fascismo a cura di Riccardo Renzi - ARTICOLO
(9) Trilussa: il vernacolo come mezzo di espressione a cura di Riccardo Renzi - ARTICOLO
(10) L’immanenza dell’incarnazione nella poesia di Mario Luzi a cura di Riccardo Renzi - ARTICOLO


>>ARCHIVIO ARTICOLI

> >>Inserimenti precedenti al 2007
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB







-

dal 2023-06-26
VISITE: 451


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali