Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    Il foglio letterario. PROGRAMMA 23 Maggio – 11 Giugno (23/05/2023)    [20/04/2024] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Concorso Letterario Thriller Café scadenza 2024-04-28    Premio Drammaturgico Carlo Annoni scadenza 2024-04-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Orizzonti d'Arte - Bi-Personale delle Artiste Giuliana Griselli e Maria Pia Mucci (EVENTO 2024-04-27)    Padova, al via l’Aperyshow: attese centomila presenze per il charity event - L’evento di solidarietà più famoso d’Italia torna dal 24 al 28 aprile con un’edizione spettacolare ad Arsego, nel Padovano: oltre 300 artisti nazional (EVENTO 2024-04-28)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Rasella: storia di una bomba di Chiara Castagna    La famiglia Manzoni di Natalia Ginzburg     Prossimità e lontananza di Elio Scarciglia    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Il paese invisibile e il passo per inventarlo di Roberto Marcòni: un percorso attraverso lo spirito del paesaggio     Ardengo Soffici e il Fascismo     Ezra Pound: una breve nota     La poesia patriottica nel Romanticismo italiano     L’immanenza dell’incarnazione nella poesia di Mario Luzi    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
15 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
7 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
26 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Passi
di Marika Salonna
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 271
Media 79.23%



Il freddo mi riscuote dal torpore. Quanto tempo è passato?
Non lo so. Ha poi importanza?
Il tempo danza intorno a me, inafferrabile essenza. Non ha importanza.
Provo a sedermi: il mio corpo piange per il dolore e la perdita.
Si era abituato alla calda compagnia di un altro essere.
Strano: credevo che non sarebbero bastate le lacrime. Ed invece non provo nulla.
I miei occhi non lacrimano, il mio cuore non batte più forte.
Ma il mio corpo grida. Le ossa del bacino indolenzite e vuote.
Il parto non è stato molto lungo, un'ora forse, un'ora e mezza.
Rido di me e dei miei pensieri, ancorati ad una realtà che non mi appartiene più.
Il tempo qui ha cambiato tempo. Ritmo!
In queste stanze sporche e spoglie, in questo luridume di perversione, non è un orologio a scandire il tempo, ma sono le grida dei compagni, degli amici a cui mani deliranti strappano la pelle assieme alla vita! E' il rumore cadenzato dei loro passi. Agghiaccianti calmi passi.
Sono la nostra unica musica. I passi degli aguzzini della nostra giovinezza.
Quando lei è nata i loro passi l'hanno portata via da me. Ho potuto vederla solo per un momento.
Il suo nome è rimasto poggiato alle mie labbra: non ho voluto dargli vita, corpo.
Lei non mi appartiene. Altre voci la chiameranno. Altri passi seguiranno i suoi. Lei non mi appartiene ( i morti non hanno voce).
Non voglio pensarla. Rifiuto i pensieri.
Altri passi. Altro tempo.
Il rumore sordo della porta che si apre.
Eccoli. So cosa vogliono. Non parlano.
Mi alzo dal giaciglio intriso del mio dolore.
Ho addosso una maglietta sgualcita  appartenuta a qualcun altro ed un pantalone troppo largo per le mie carni consumate.
I piedi sono nudi. Niente scarpe (i morti non camminano).
Attraverso corridoi troppo lunghi. Le urla innocenti li hanno deformati.
Salgo su un'auto con i finestrini oscurati. Non vogliono che mi veda qualcuno? Non vogliono regalarmi almeno l'ultimo sguardo al cielo?
Il loro silenzio è troppo innaturale! Vorrei che gridassero stupidi insulti ed ordini senza senso, come hanno fatto sino a ieri. Ma era ieri?
Di nuovo il tempo! Ma non ho più tempo!
La paura mi assale tormentandomi.
Stai per morire, mi sussurra. Sto per morire, mi ripeto.
Il piccolo viso a cui ho dato la vita mi compare dinanzi agli occhi.
Mi aggrappo a quel ricordo. Dove sarà ora? Ricorderà il mio odore? Le parole sussurrate di notte, quando le urla non facevano dormire! Ricorderà anche quelle? Oh Dio, se esisti, cancella dalla sua memoria neonata quegli istanti. Fa che sia felice!
Fa che senta nel suo sangue scorrere il mio! Che i miei pensieri la sorprendano ad un tratto, come fossero suoi! Che cresca forte e determinata. Che non conosca mai la paura. Che il tempo non le sia mai nemico.
L'auto frena. Ho paura. Uno di loro mi guarda impassibile. Cosa penserà? Avrà esitato mai in cuor suo? Si sarà mai chiesto se era giusto? Distoglie lo sguardo. L'auto riparte.
Fa caldo in questa prigione di lamiere e corpi che mi stringono.
voglio di nuovo respirare aria pulita, che sappia di montagne e frutta. Di pane appena cotto. Di amore fatto di nascosto. Del calore scacciato con un ventaglio. Di bestemmie per la siccità. Di gas di scarico. Di poesie recitate nei caffè, con la chitarra che accompagna il ritmo del cuore. Di discussioni fino a tarda notte sul future del Paese. Su di noi.
Di mia madre che mi chiama la mattina.
Mia madre: che non ha paura  del dolore. Che canta canzoni che non conosco. Che balla solo con mio padre. «Lui solo riesce a capire i miei pensieri» mi sorride.
Mio padre: che il dolore non lo ha mai saputo affrontare. Che ha contagiato con la sua passione tutti noi!
Mio padre che balla solo con mia madre: « Perché solo lei riesce a capire dove voglio andare» mi sussurra.
L'auto si ferma.
Mi fanno scendere. Non riconosco il posto.
La povertà si sente nell'aria.
Ci incamminiamo.
La paura non mi fa respirare. La gola è secca. Vorrei bere.
No! Non voglio morire. Non a ventitré anni. Non in un lurido quartiere!
Perché, perché non riesco a ricordare? Cosa mi dicevi quando ero piccola e ti chiedevo cosa fosse la morte , mamma. Perché non riesco a ricordare?
Mi fanno inginocchiare. (perché non riesco a ricordare?)
Sento freddo alla nuca. (perché non riesco a ricordare?)

«Mammina, mammina che cosa sarà la morte?»
«Un volo senza paura , piccolina».

«Oh figlia, figlia mia che cosa è stata la morte?»
«Uno sparo mamma. Soltanto uno sparo».

© Marika Salonna





Recensioni ed articoli relativi a Marika Salonna

Nessun record trovato

Testi di Marika Salonna pubblicati su Progetto Babele

(1) Passi di Marika Salonna - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB




-

dal 2010-11-20
VISITE: 1.440


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali