Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    Debutta in libreria FVE editori - Dal 3 dicembre, una nuova casa editrice in tempi di lockdown (09/12/2020)    Neil Gaiman: Storie Perdute (Prorogato al 31 Dicembre) (09/12/2020)    Online l'INTERA rivista del Foglio Letterario di settembre! (05/10/2020)    [17/05/2021] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    "Giugno di San Vigilio" scadenza 2021-05-20    Alcova Letteraria II Edizione scadenza 2021-05-23    "Antonietta Rongone" scadenza 2021-05-28    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Viaggio al centro della terra - Capitolo 2 di Jules Verne letto da Gabriel Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 1 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 2 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Arrivederci Platone di Daniele Mancuso letto da Voce Robotica Youdao     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Avrò cura di te di Massimo Gramellini e Chiara Gamberale     Rintocchi di clessidra di Alessandro Del Gaudio     Volevo essere un supereroe della Marvel – vol. 1 di Matsuteia ed E.T.A. Egeskov     Undici Metri - Storie di rigore di Cristian Vitali e Maurizio Targa    La fata nel vento e altri racconti in rosso di Francesca Montomoli    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     I principali elementi del pensiero di Vittorio Alfieri     Una chiave di lettura della tetralogia L’amica geniale     Poe: L’uomo della folla     Feijoo y su lector en la telaraña del duelo     La vera letteratura non è un placebo     Racconti     Il pane di Agostino di Nicola Lo Bianco     Il mostro di Cinzia Baldini     Il vecchio e la piccola Teresina di Manny Mahmoud     Mani di Fata di Jacob Von bergstein     Giorno Quarto di Consolato Mercuri    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Il sacco di Bombasharna di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Il signore delle nuvole. di Antonio Parente     Terra infranta (sonetto elisabettiano) di Donato Caione     Lux di Roberta Stracuzzi     Papaveri rossi di Elisabetta Santirocchi     La chimica dell’odore di Amedeo Bruni    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
13 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
40 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Strani amori
di Barbara Becheroni
Pubblicato su PBVAMP


Anno 2007 - Armando Siciliano Editore


Una recensione di Claudia Marinelli
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 5513
Media 80.01 %



Strani amori

Seguono effettivamente tutti “percorsi non comuni” le relazioni e gli incontri raccontati da Barbara Becheroni e raccolti in questa silloge di undici storie appartenenti a generi diversi. Con uno stile semplice e pulito, estremamente godibile per il lettore, l’autrice ci parla di amore e di amori e di come la scelta di Amare o non amare possa far diventare la vita degna di essere vissuta, o renderla invece squallida e vuota. I personaggi di “Strani amori”, che siano vampiri, avvocati, professori universitari, anziani ammalati, popolane, diavolesse o semplici poveracci usciti dalle favelas, scelgono partner senza preoccuparsi delle regole “ben pensanti” della società nella quale esistono (del “gruppo” al quale appartengono). Ma, una volta fatta la scelta, bisogna anche decidere di accettarne il peso, la gioia e il dolore che accompagna sempre le grandi scelte di vita. Non sempre i personaggi di Barbara Becheroni scelgono di essere loro stessi ma, se accettano il peso di una strada “diversa” e sicuramente più difficile, avranno vite appaganti e morti dignitose, se invece optano per scelte più “facili”, rimarranno dei frustrati, contentandosi di attraversare la vita senza mai viverla veramente. Per questo motivo tutti i personaggi della storia “Altri amori”, ambientata in un’affascinate Milano che solo una milanese “doc” poteva descrivere, ha una vita appagante e soddisfacente perché ognuno di loro ha scelto la “strada” più conforme alle regole della società rinunciando alle difficoltà di un amore “strano”. Non è appagata Anna di “Tre piccoli cuori” perché sceglie di vivere senza scegliere se essere bisessuale o eterosessuale e si ritrova sola. Invece Marìa e Carmen, in due continenti diversi, scelgono di amare dei vecchi che doneranno loro la voglia di istruirsi e di uscire dalla miseria nella quale erano nate, e proprio perché, noncuranti dell’aspetto fisico, hanno avuto il coraggio di donare il loro amore a uomini ormai vecchi e malati riusciranno ad uscire dalla miseria. La vampira sceglierà di farsi uccidere dopo aver amato il suo cacciatore, e la morte la renderà grande, e la majara diventerà una donna, rispettata, perché avrà scelto di amare veramente il suo barone, rinnegando il diavolo suo “padrone” e rinunciando alla sua immortalità. E così l’angelo della storia “politicamente non corretto” non riesce a punire l’operaio cinquantenne e ammogliato Vito e la colta, ricca e giovane vedova Maddalena per essersi amati: anche se ridotto a un vegetale, ha potuto dare un figlio alla donna che ora ha una ragione per vivere. Merita una nota particolare la prima storia “Dopo il tramonto”, vincitrice della sezione “racconti inediti brevi” del Premio “Il Molinello”, che fa da cappello a tutto il libro. Somiglia più a una poesia in prosa, e forse la si potrebbe definire “strana” nel suo genere, quasi una “non storia” che introduce invece le dieci storie seguenti, perfette nella loro costruzione narrativa. In una pagina e mezzo l’autrice riesce, attraverso la descrizione dei rumori, degli odori e dei colori della campagna siciliana e delle sue stesse sensazioni al cospetto di una natura ricca di vita, a farci partecipi del suo Amore per l’uomo che le sta accanto che fa parte, con lei, dell’universo che ci circonda. E l’amore per un essere umano, la terra, gli animali e per la narrativa, si manifesta in modo “strano” per i canoni della narrativa, che vorrebbero sempre che gli autori inventassero storie con una trama ben costruita. Il lettore attento però proverà insieme all’autrice, un profondo piacere “ad abbandonarsi disarmati”. Perché Amare, sembra dirci l’autrice, significa spogliarsi e abbandonarsi fiduciosi al momento che passa e gioire della nostra ritrovata nudità.(Per gentile concessione di B.Becheroni)


Una recensione di Claudia Marinelli






Recensioni ed articoli relativi a Barbara Becheroni

(1) Strani amori di Barbara Becheroni - RECENSIONE
(2) Nel Dolore di Barbara Becheroni - RECENSIONE

Testi di Barbara Becheroni pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Claudia Marinelli

Nessun record trovato


 

Altre recensioni:






-

dal 2007-05-10
VISITE: 14997


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali