Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    [25/10/2021] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    LA VOCE DEI LUOGHI scadenza 2021-10-26    Luigina Parodi 2021 - X Edizione scadenza 2021-10-29    VICTORIA 3.0 Premio Letterario scadenza 2021-10-31    "I Versi non scritti" scadenza 2021-10-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini     Trapianto di Carlotta Reboni    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Ritornerà? di Elisa Negri     Sono qui di Elisa Negri     Biglie di Marco Pataracchia     Nelle mie terre di Marco Pataracchia     Paura di volare- di Catia Capobianchi    Cinema     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
13 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
40 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

I Chiari di Lina
di Tiziana Masucci
Pubblicato su SITO


Anno 2009 - Edizioni Sabinae
Prezzo € 15,00 - 149 pp.
ISBN 9788896105221

Una recensione di Rebecca Alinari
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 9106
Media 79.4 %



Chiari di Lina;I

I CHIARI DI LINA: una biografia dirompente

“Lina mostra una particolare ammirazione per una regista del passato, Leni Reifenstall, Cor cavolo Hitler avrebbe avuto tanta popolarità se non ci fosse stata lei a girare quei films…era proprio gagliarda con la macchina da presa. Poi, pensando a quell’orrore che è stato il Nazismo, si affretta ad aggiungere: Ma a li mortacci sua!. Questo è quello che si legge sulla quarta di copertina della nuova e spumeggiante biografia- I Chiari di Lina (Edizioni Sabinae)- scritta da Tiziana Masucci. Talento ironico allo stato puro! Credo che Lina Wertmuller debba esserne orgogliosa. Ricordiamo che la Wertmuller è stata prima regista donna ad essere stata insignita di quattro nominations all’Oscar nel 1975 per il suo film Pasqualino sette bellezze, una pagina importante della storia del cinema italiano a cui la frizzante scrittrice Tiziana Masucci dedica, giustamente, un capitolo del libro: santa a New York, scomunicata a Roma, in cui racconta il successo planetario della Gianburrasca cineasta con tanto di corredo di articoli del tempo (una chicca per gli appassionati) e si sofferma sul sempre, ahìnoi, attuale motto degli italiani del Nemp propheta in patria; di quanto l’Italia sia un Paese senza memoria, o meglio, di quanto questa memoria si riaccenda sempre post-mortem. Non ci dimentichiamo che negli ultimi anni di vita Federico Fellini, ora tanto osannato e iper-celebrato, elemosinava ai produttori attenzione per realizzare un film, quel film che nessuno gli ha fatto fare. Fellini muore dimenticato, come Pasolini, come Rossellini, come…beh, la lista è lunga. Salvo, poi, essere, ripescati da un certo filone di critica on fashion che rilancia il nome, ne rivaluta l’operato soprattutto se viene apprezzato all’estero, è come se scattasse un meccanismo di appartenenza o di simil patriottismo del made in Italy per cui Fellini, a tutt’oggi, è un prodotto di cui vantarsi, peccato che sia scomparso con l’amaro in bocca e rifiutato dal “mercato”. Ma, polemiche a parte, torniamo a questa biografia di Lina Wertmuller che mette d’accordo sia i suoi estimatori che i suoi detrattori. E’ un libro graffiante, sottile e godibilissimo che sonda nella profondità e, forse nelle debolezze, di un personaggio che sembra inossidabile ma si scopre avere perfino debolezze. Tenere ma debolezze. In fondo chi non le ha! Questo libro se fosse stato pubblicato negli States sarebbe diventato una sit-com, un occhio divertente e, a tratti, sferzante, sul mondo delle paillettes che incontra e, spesso si scontra con la realtà. Si potrebbe pensare al meraviglioso film Driving Mrs Daisy o anche al Diavolo veste Prada ma il sapore di questo libro è più sarcastico, a tratti sarcastico, e non ha niente del melò imposto da un certo tipo di esigenze di vendita, sicuramente si capisce che l’autrice è una “tosta” e sa tener testa alla regista che è altrettanto “tosta”. Divertente anche il confronto-scontro non solo tra due diverse generazioni ma tra background: intellettuale la giovane e brava sceneggiatrice con la passione per l’Inghilterra e per Totò; pragmatica e caciarona la vegliarda regista con la sua proverbiale schiettezza. I chiari di Lina ha il sapore del diario, del resoconto, della cronaca, perfino del monito. Piacevole, esilarante in alcuni punti, grottesco in altri. La Masucci ha una arguzia che segna, uno stile che potrebbe riaprire quelle finestre, troppo chiuse, su una narrativa ormai ammuffita. Ho letto che è di formazione anglofona, infatti dal suo stile si evince, nell’eleganza della battuta, nel fluire del discorso. Insomma, leggi questa biografia e ti sembra di vedere le scene susseguirsi, di viverle, di esserne protagonista. Finalmente, la pagina si vede e il cinema si legge.


Una recensione di Rebecca Alinari






Recensioni ed articoli relativi a Tiziana Masucci

(1) I Chiari di Lina di Tiziana Masucci - RECENSIONE

Testi di Tiziana Masucci pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Rebecca Alinari

Nessun record trovato


 

Altre recensioni:






-

dal 2009-10-22
VISITE: 13981


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali