Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [18/11/2019] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Nika Georgievna Turbina 1974 - 2002 scadenza 2019-11-20    PREMIO NABOKOV scadenza 2019-11-30    Residenze Gregoriane 2019 scadenza 2019-11-30    Premio Poesia dell'Anno” (2019) scadenza 2019-11-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Manto di vita
di Pietro Pancamo


recensione di
GIANMARIO LUCINI
da www.poiein.it


«Manto di vita»

LietoColle, Faloppio (Co), 2005
pagg. 40; € 10,00
ISBN 88-7848-155-6

Con l’opportuna introduzione di Marisa Napoli dell’Università Cattolica di Milano (ivi tiene un laboratorio di scrittura), viene pubblicato questo quaderno di poesia di Pietro Pancamo, un autore già noto ai lettori di «Poiein» e che lo scorso anno ha partecipato all’edizione del “Premio Turoldo”. “Opportuna”, si diceva, perché l’introduzione della Professoressa Napoli, pur improntata (per ovvie ragioni relative alla sua professionalità) a un approccio critico-filologico, mette in risalto e con acutezza argomentativa le implicazioni simboliche, l’uso degli archetipi, il significato profondo insomma delle liriche, commentandole una per una e lasciando invece al lettore il compito del quale si preoccupano tutti i “presentatori” (il sottoscritto compreso) dei testi altrui, ossia quello di trovare un filo rosso che percorra l’opera. Un approccio quindi inusuale per una presentazione, ma certamente molto acuto e di grande interesse.
E dunque preoccupiamoci di trovare questo “filo rosso”. Mi pare di individuarne due, o meglio uno che ha duplice carattere. Il primo carattere lo si nota sul versante dello “stile”, del quale avevamo già detto nel commentare quattro poesie apparse su «Poiein», quando dicevamo di “una scrittura che cerca la sintesi, l’espressione fulminante ed essenziale e nello stesso tempo cerca di mettere insieme concisione e allusione: più si allude e più si è concisi, e viceversa”. Caratteristica che anche Marisa Napoli sottolinea (“La metafora autobiografica della magrezza allude alla propria poetica: magrezza equivale a asciuttezza, essenzialità, mancanza di orpelli”), unitamente ad un “metalinguismo” che, esternato nell’ironia come “distanza massima dal sentimentalismo autoriflessivo”, rimanda a “alcuni accenni leopardiani proprio sul piano dell’estetica e della poetica”. Un secondo aspetto, di contenuto, che mi sembra caratterizzare questo “filo rosso” o carattere peculiare nella poesia di Pancamo, è la sua capacità di sintetizzare in grumi di senso, che però sono anche versi ad alta concentrazione di emotività e sentimento poetico, l’esperienza esistenziale; ad esempio quando scrive: “A quest’ora / ogni uomo / è un fagotto / di buio e di stelle; [...] questo mondo / nel quale si vive / solo per evitare / noie al motore [...]; [...] Guarda il cielo: / cade come un urlo di nebbia, / si spezza negli occhi / marci di sonno”.
Direi un’ottima raccolta, densa, scritta in uno stile scorrevole ma preciso ed elegante. Una scrittura molto interessante, di personalità poetica forte e compiuta. Un volumetto, dunque che, per chi scrive questa nota, è una piacevole riconferma e per molti aspetti anche una scoperta, che vogliamo segnalare ai navigatori del nostro sito.

Gianmario Lucini


Formule di parole

I miei sogni controluce
sono lenti opache
per schermare la notte.

Gli occhi premuti
da un gancio snello
e fosse verticali
tramutano il pensiero.

Il sonno è camaleonte.
Il sogno è un cow-boy.
Il sole attinge dalla sabbia
il suo calore a specchio.
La morte, collegata
al mio santo protettore
per somiglianze varie,
è un cactus intento, ostaggio del deserto,
ad alzare le braccia
da cui, come zavorra dalla [mongolfiera,
sporgono gli aculei

che sembrano tutti
sorrisi a tempo perso.

 

L’ironia

Indosso la magrezza
con la disinvoltura
di chi ironizza.

Eh, ironia
con te la disperazione
è filosofia!
Ma senza di te,
ahinoi,
la poesia
è pura (mera) melanconia.

 

Sole maligno

Il sole poggiava frustate di [luna
sulla mia mano.
E il cielo gridava
nei sogni di niente.

Guarda il cielo:
cade come un urlo di [nebbia,
si spezza negli occhi
marci di sonno.

Pietro Pancamo
da Manto di Vita

 

Compra questo libro su IBS oppure in una delle quarantacinque librerie fiduciarie del circuito LietoColle. Trovi qui tutti gli indirizzi.

 

 

Detriti di un semplice destino
(piccola nota su «Manto di vita» di Pietro Pancamo a cura di Antonio Desantis)

Poesia delle piccole cose, (solo) apparentemente dimessa, senza nessuna facile concessione neoromantica o anche vagamente crepuscolare, senza la ricerca di simbologie a tutti i costi, perché la “medietà” stilistica scelta è già, a mio modo di vedere (di leggere), un’opzione in questo senso, ha già di per sé valenze simboliche che andrebbero ben interpretate.
Se il simbolo vive della duplicità della sua natura, qui è solo la parte “realistica” ad essere esposta: ciò che rimane in ombra, e ha bisogno di una lettura attenta per palesarsi, è ciò che il reale trascende, nella minuta descrizione di passi, suoni, voci e riti quotidiani.
Ciò che si cela dietro il “manto della vita”, o lo costituisce (e la investiga fino a ferirla, a farla esplodere nella ritualità dei suoi passaggi/paesaggi), è una pupilla lucida, attenta, che lentamente, a piccoli strappi, solleva il Velo di Maya che ricopre le cose, non per rivelare e svelare misteri (comunque insondabili) che non ci sono, ma solo per vedere, tra le pieghe, la meraviglia, minima o smisurata che sia, di “frammenti” che si ricompongono in nuove forme, fino a dare un volto, un centro, al mosaico di echi che sorregge il ritmo di questi versi, imprimendogli la forma (precisa, sicura) dell’andare: ovvero della quiete, che si dà solo, nella sua sostanza apparente, se si rovescia in moto, se si abbandona al flusso del divenire.
Il primo nome, classico, che corre alla mente leggendo questi versi è quello di Pascoli (e anche, su un versante decisamente opposto, la lezione di Sereni, ben attraversata e superata): non parlo di contenuti, ma della stratificazione e complessità semantica e stilistica a cui queste figure e questi paesaggi “minimi” fanno continuamente riferimento. È un modo intelligente di porsi di fronte alla tradizione: non rinnegarla, ma vedere quanto di essa ancora ci costituisce, e farvi i conti su una pluralità di piani, nel rapporto che il poeta intrattiene con la (sua) scrittura.
Piaciuta moltissimo.

Antonio Desantis
da http://liberinversi.splinder.com
(blog letterario a cura di Massimo Orgiazzi)

 

Spiegazione di un giorno

Il giorno che saltella
lungo le impronte delle mie scarpe;
il giorno che saluta frantumato,
quasi appostato
fra le dita.
Ogni minuto è fluido di rumori:
sbattono le ali
contro pannelli d’aria. L’impatto
vibra di scherno:
è un lazzo di sdegno
voluto dalla mia notte.


Amore o desolazione?

Mangiamoci il tacchino riscaldato:
andiamo verso il forno
tenendoci per mano.


Somiglianze

A quest’ora
ogni paese
è un fagotto
di stelle e di buio.

Ma lo è pure
questo cielo vagabondo
(guscio d’aria e di respiri)
che stringe in un solo mondo
città, mari e tempeste.

Ma lo è pure
questa via
(intirizzita di pioggia)
col suo buio
incatenato ai lampioni
e un po’ di stelle
che sussurrano al mio palazzo
la ninna nanna:
vedo tante finestre
chiuse fra perimetri di sonno.

A quest’ora
ogni uomo
è un fagotto
di buio e di stelle.


Confronto

S’alza al mattino
un fumo di tigri
dalle iridi aperte,
in campagna;
un’espressione grinzosa
rimbocca la faccia
dei contadini.
E mentre il fiume
s’accalca ai loro piedi,
si spulciano gli occhi
scrupolosamente
trovandovi affogate
zampette di ragno.

Io invece,
montanaro del cuore che batte,
m’inerpico per un letto castano
di mie pietruzze in salita.
Poi, di sera,
– tornando a zonzo verso casa –
sembro un fantasma nero che,
appuntito come un ago,
viaggi sui trampoli del buio.


Io adesso festeggio

Nel vento,
ossigeno vettoriale
che m’indica la distanza
(ovvero la forza)
fra me e l’orizzonte,
la naftalina di vecchie allegrie
mi tiene conservato il cuore.

Ecco perché
io adesso festeggio:
sì, come Athos
– uno dei quattro
bravi un tempo a danzare
a lume di lama –
m’infilzo preciso
una bottiglia alla bocca
deciso a brindare.


Scia

Solo
confortato solo
da questa viuzza
che si prosterna
davanti al mio portone,

procedendo inerme
da un capo all’altro dei lampioni
senza dire nulla

tranne

una scia di passi.


L’ispirazione

I
E di sera
io danzo l’habanera.
Ricordi silenziosi
aprono gli occhi permalosi
e battono i piedi qui con me.
Io sono il maestro.
Io li dirigo.
Io sono il maestro di bravura [artificiale.
Io dirigo la musica
nell’aria che sa di temporale.

II
Il temporale è già tornato a casa
fra le nubi,
mentre io lo saluto
da quaggiù:
“Vieni presto, eh? Domani sera!”.
Ma se non vieni
festeggio ugualmente.
No, non per dimenticarti:
per rimpiangerti meglio
(come direbbe il lupo
a Cappuccetto Rosso)…
e più gioisco
più sono solo.


Racconto

I: in casa, di sera.
Dalla finestra aperta
mi prende ancora
a ditate nel cervello
questo calore in maniche di luna,
che mi costringe sempre
a sentirmi male.
Tanto male:
un concerto di cicale
il silenzio
che si sgretola nel muro.

II: fuori, di notte.
Ma penso ai ricordi:
lo so che migrano
suscitando lo spazio.
Anche esterno.
Così almeno posso uscire.
Infatti eccomi:
vado a camminare.

E passeggiando zoppo
fra lune di tempo,
trovo un angolo d’ombra
come uno spiraglio di stanchezza.

Se guardo attraverso
davvero a lungo
riconoscerò, poi,
nell’aria del mattino

(le campane – non per me –
sono l’alba
popolata di prime ore)

i detriti del mio semplice destino.

Pietro Pancamo
da Manto di Vita




VISITE: 25115

 

© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.