Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    [13/08/2022] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Lembi di anima di Elisabetta Santirocchi     Sfida di Elisa Negri     Libero di Elisa Negri     Noi non ci bastiamo di Rosa Notarfrancesco     In punta di piedi di Paola Ceccotti    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
10 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
8 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

LVR. LUCA

FRASI (S)FATTE


Presentazione brevissima.

La lingua italiana, oserei dire, è una lingua strana. Secondo il Leopardi è la lingua dei poeti, denotando l'inglese come lingua scientifica e il francese come lingua degli amanti.
Ma perché, l'italiano sarebbe la lingua dei poeti?
Probabilmente anche a causa (o per merito?) del "popolo" italiano stesso, che da sempre ha eletto l'arte a ideologia. Infatti, ogni uno di noi, nel parlare, nel contrattare, nello scherzare usa non solo il linguaggio "costituito" ma tutto se stesso: il corpo, il cervello e il cuore.
Ecco perché, forse, l'Italia è terra fiorente d'artisti, ma anche di umoristi.
Già, gli umoristi. Gente che gioca con il senso e il non senso dei vocaboli, per dare vita ad un terzo senso: traslitterazioni di pensiero. Di solito, dico che un senso e un non senso danno IL doppio senso, ma in questo cosa, evito di dirvelo.
E, tornando all'italiano, questo modo di esprimersi disconnesso, creato con i giochi di parole, si potrebbe chiamare italiano "correggiuto".
L'italiano "corregiuto". E' quello che ti permette di dire ad un amico "stasera cosa ti mangi?" e via con i sensi: "sono indeciso tra il piede destro e il sinistro" e viene più facile notarlo decontestualizzando la frase: "mi apri?" ad esempio, assume tutt'altro significato messo qui oppure nel dialogo, tra due persone, al citofono e potrei continuare all'infinito… ma in fondo, con questa rubrica è di ciò che vorremmo, cioè io, occuparci(mi).

.-°-..-°-..-°-..-°-..-°-..-°-..-°-..-°-..-°-..-°-..-°-..-°-..-°-..-°-..-°-..-°-..-°-..-°-..-°-..-°-..-°-..-°-..-°-..-°-..-°-.

Numero cardinale ordinale preposizionale: uno; In principio fu il verbo, dopo divenne avverbio, articolo e preposizione.
Ma come nasce la locuzione "Non confondere le acque"?
Quando il Mar Rosso si aprì dinnanzi a Mosè
Sì!
…Dio, affacciatosi da una nuvola, osservò la grande opera di Pietro, il Santo tre volte già gallo. Lo chiamò forte e gli chiese il motivo di quella spartizione e Pietro, con il viso turbato e preoccupato, rispose: "era solo per farlo passare".
Dio, in tuta e la sua bontà, con lo sguardo stanco e una strana espressione perplessa, guardò negli occhi Pietro, che quel giorno aveva dimenticato di mettere le ali.
"Ma come? le hai perse?" -gli urlò contro.

Mosè aveva finito la regata e, giunto al traguardo, fece segno con le mani al mare, per ordinargli di richiudersi. Gli ebrei, soliti a seguire Mosè in ogni cosa, fecero lo stesso e, utilizzando l'energia
interiore, riuscirono a far chiudere il mare.
Pietro, osservando quella strana faccenda esclamò: "non così... fai confondere le acque"
...e difatti un violento tifone si scatenò sulla terra. Le nubi s'addensarono in un solo punto del cielo e vennero i lampi e vennero i tuoni… provocando, quello che
oggi chiamiamo diluvio universale.

Dio, guardò ancora una volta Pietro basito e gli chiese: "che tu fai? anche le metafore hai imparato a fare?" e da quel giorno, non solo il mare si chiama (e non da solo) Rosso, divenuto di quel colore per la profonda vergogna; ma ogni volta che qualcuno crea turbini e tempeste viene a galla questa locuzione.


       larga e la foglia,
       stretta la via
       voi dite la vostra
       ma è sempre megli'à mia.


Per concludere in bellezza la rubrica delle frasi che odiano l'eroina, ovvero (s)fatte, vorrei proporvi una riflessione su lapsus freudiani…

Vi è mai capitato di invertire il complemento di moto a luogo con il complemento di fine?
Eccone un esempio:

Il primo caffè del giorno

Entrai in un caffè e chiesi un bar… fermi tutti! C'è qualcosa che non va… già! Ho fatto splach.
Ho sbagliato! Ricominciamo da capo.

Entrai in un bar e chiesi un caffè. (eeh! Non ho fatto splash, che bello).
Dopo tre minuti, circa ero servito e riverito dal barman; presi una bustina di zucchero e la misi nel caffè, sccccch. Avvicinai la tazzina alle labbra e… che schifo! Osservavo galleggiare la bustina dello zucchero. Accidenti a me!
Ho sbagliato ancora, ricominciamo da capo.

Entrai in un bar e chiesi un caffè. Non misi lo zucchero, lo preferisco amaro, oggi! Sollevai la tazzina e la avvicinai alle labbra. - Ce l'ho fatta - Boom!
Uno scemo mi ha toccato il gomito, così ho i calzoni sporchi e… aah! Il caffè scotta… ah!
Tutto da rifare, ma stavolta andiamo con calma.

Entrai in una tazzina e bevvi il caffè. La grande tazzina era diventata una tazza o, meglio, un tazzone. Quando aprii le labbra, per sorseggiare il primo goccio di caffè, mi sentii sollevare in alto. Mi ritrovai seduto su un cucchiaione diretto verso la bocca dell'orco cattivo. 'Annacc' i guai.
Ripartiamo.

Entro in un bar e chiedo una bustina di zucchero. Oggi non mi va il caffè e poi, almeno, mi s'addolcisce la giornata.


VISITE: 6199


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali