Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    [30/09/2022] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    "Appuntamento in nero" scadenza 2022-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Lembi di anima di Elisabetta Santirocchi     Sfida di Elisa Negri     Libero di Elisa Negri     Noi non ci bastiamo di Rosa Notarfrancesco     In punta di piedi di Paola Ceccotti    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
9 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
7 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Elisabetta Bilei intervista
SILVIA PINGITORE


Chi è... Silvia Pingitore


Silvia è giovane, effervescente. E come lei il suo libro, "Via Ripetta 218", (Giulio Perrone editore).
Un romanzo diverso dalle classiche storie adolescenziali, divertente ma anche pungente. È la storia di una scuola superiore, un liceo artistico per la precisione, che l’autrice, Silvia Pingitore, racconta con un tono amaro e sarcastico.
In questo mondo in cui alunni e insegnanti vivono e convivono con paure, aspettative ed esperienze si sente forte e presente la critica alla società, alla realtà scolastica che spesso non sembra affatto così formativa come dovrebbe essere.
Un romanzo irriverente e sottilmente ironico, ma anche malinconico e profondo scritto con uno stile accattivante. Un esordio che sicuramente lascia il segno, e non solo in chi l’ha scritto.
Un libro ragionato e pensato, credo concepito in ben più di una notte insonne. Ma questo chiediamolo all’autrice, Silvia Pingitore.

 

Quando la critica
si fa libro


Come nasce l'idea di "Via Ripetta 218", (Giulio Perrone editore)?
L'idea è nata sui banchi di scuola, il romanzo vero e proprio durante centinaia di notti insonni.
Ho iniziato a scrivere appunti, pensieri e assurdità su vari foglietti durante l'ultimo anno di liceo, ma la stesura del testo è cominciata solo dopo il diploma, nel primo settembre da persona libera, come lo chiamo io!

Il tuo stile è molto particolare, difficilmente imitabile. Come sei riuscita a svilupparlo?
Cerco di mantenere un'attenzione particolare per la sonorità del testo, giocando con i suoni e i doppi sensi delle parole. Esistono vocaboli che fanno ridere se accostati ad altri, ma possono risultare taglienti in altri contesti. In questo senso, non solo la lettura mi ha aiutato. Dalle vecchie canzoni italiane e dalle imitazioni di comici come Maurizio Crozza e Antonio Albanese si può imparare molto.

Cosa ha significato per te scrivere questo libro?
Si scrive per gli altri, non per se stessi. La vera soddisfazione è venire a sapere che si è dato qualcosa agli altri. Se anche solo una persona, (che non sia un parente!) viene a dirti che il tuo libro l'ha divertita, stupita o commossa, finalmente capisci che ne è valsa la pena. Se anche solo una tua frase ha aggiunto qualcosa alla vita di un altro, allora sì che puoi ritenerti felice.

Perché hai scelto di raccontare la scuola e l'adolescenza di oggi?
Non sono partita con l'idea di rivelare chissà quali verità su scuola e adolescenza. Forse questo è il risultato, ma il fulcro del romanzo resta la critica: verso l'Italia di questi anni, la politica, i giornalisti, il concetto di arte contemporanea.

Cosa deve avere un buon libro per essere tale?
Non deve lasciar trapelare la fatica di scrivere.

Quanto e cosa hai messo di te in questo romanzo?
Non troppo, se parliamo di pura autobiografia. Tutto, se si considerano gli sguardi delle persone che ho incontrato. Ho cercato di lasciarli il più possibile intatti perché chiunque potesse riconoscersi.

Per gentile concessione Silvia Pingitore
ed Elisabetta Bilei

 

inserito 20/09/08
VISITE: 7435



Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali