Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    [28/10/2021] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Luigina Parodi 2021 - X Edizione scadenza 2021-10-29    VICTORIA 3.0 Premio Letterario scadenza 2021-10-31    "I Versi non scritti" scadenza 2021-10-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Ritornerà? di Elisa Negri     Sono qui di Elisa Negri     Biglie di Marco Pataracchia     Nelle mie terre di Marco Pataracchia     Paura di volare- di Catia Capobianchi    Cinema     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
16 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
40 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

La malleabilità delle ombre
di Cettina Caliò
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 282
Media 78.87 %



Se ne stavano in cerca d’autore intorno alla tavola tra il formaggio, il pane e il vino.
Sul lato lungo, l’infedele che esige fedeltà e abnegazione. Sbriciolava il pane sulla tovaglia bianca con noncuranza. Di fianco, il carnefice che ha la necessità di qualificarsi vittima. Tamburellava con le dita ossute sulla tavola. Di fronte stava il qualunquista che, gambe accavallate, sorrideva con sufficienza al muro. Accanto, colui che amò streghe ingannatrici e non cessa di erigere roghi. Tentava di sciogliere i muscoli rigidi del collo eseguendo piccole circonferenze con la testa. A una delle estremità, l’affamato lettore di saggi molto saggi che ritiene conoscere a menadito la psiche altrui e pare sconoscere la geografia delle proprie mani. Teneva gli occhi dentro al bicchiere vuoto e si grattava il mento con la stanghetta degli occhiali. All’altra estremità sedeva il richiedente che mira con grazia a caricare il peso della propria vita sulle spalle altrui, e minaccia le spalle che si sottraggono. Masticava il formaggio con la bocca aperta.
Tutti stavano in maniche di camicia bianca e avevano le tasche - dei pantaloni scuri - rigonfie di appunti, scrupolosamente conservati, nel caso in cui fossero stati chiamati in giudizio come testi a confutazione.
L’autore tardava ad arrivare, e la luce impallidiva un po’ sopra i mezzi monologhi trasudanti saggezza venduta per poche lire al negozio di roba usata giù all’angolo della strada.
Si disquisiva se fosse più nobile servire la distonia neurovegetativa con gli spinaci al burro o con le patate lesse. Gli spinaci di Braccio di Ferro il marinaio sembravano stare in vantaggio di una spanna.
Gli sguardi spigolosi puntavano la porta vuota; rimaneva ancora tempo per determinare se fosse più agevole calpestare le passate tormentose canzoni con il piede destro o con quello sinistro; si faceva largo tra le briciole l’ipotesi di saltarci sopra a pie’ pari. Da dentro un sorso di vino rosato, si obiettava con pacatezza che anche strappare le note una a una era congettura da tenere nella giusta considerazione. Si sarebbe potuto anche rivendere a pezzi le note, e cavarci fuori dal buco quel ragno che non arriva al mattino.

Fuori dalla finestra mezza luna accompagnava le risate argentine di un gruppo di bimbi che giocavano agli indiani. Un remoto odore di gelsomino non riusciva ad attraversare la finestra. I bimbi urlavano battendosi il palmo della mano sulla bocca.
– Posso giocare anch’io? Il mio urlo è imperfetto, si arrampica in gola, e rimane tra i denti. Il mio nome di battaglia è Tempia Pulsante. Ho in tasca solo due piume senza zuccheri aggiunti.
Il piccolo capotribù aveva uno sbaffo di farina sulla guancia. Mi girava intorno puntandomi addosso una freccia orfana di arco. Avrei voluto trattenerlo un istante per raccontargli che c’è una rettitudine persino nel peccato. Ma non volevo privarlo del piacere di forarmi il petto.

L’autore non arrivava. Veniva ormai dato per disperso dentro l’armadio delle maschere dell’ultimo Carnevale, forse soffocato dai coriandoli. Ma era ipotesi da verificare.
Il vino era finito. Era rimasto in tavola solo un minuscolo pezzo di formaggio, noto come quello della vergogna. Nessuno osava toccarlo, ma tutti lo puntavano.
Il pubblico si scomponeva infastidito sulle poltrone. Un brusio di disappunto attraversava la sala.
La maschera avvertì il bisogno di alleggerire lo scontento, e girò fra le poltrone offrendo le foglie cadute dall’albero autunnale di Ungaretti. Borbottava, nella penombra, che i rimpianti sono da preferire ai rimorsi.

Il sipario si chiuse con un robusto abbraccio circolare a tutte le ombre. Dentro quell’abbraccio c’era la carezza silenziosa di chi ha sempre richiuso piano la porta andando via in punta di piedi.

© Cettina Caliò



Recensioni ed articoli relativi a Cettina Caliò

Nessun record trovato

Testi di Cettina Caliò pubblicati su Progetto Babele

(1) La malleabilità delle ombre di Cettina Caliò - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB

dal 2011-02-17
VISITE: 1191


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali