Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [19/10/2019] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    “Linee di Paesaggio” scadenza 2019-10-28    Concorso per artisti emergenti scadenza 2019-10-30    Motori & Passioni scadenza 2019-10-31    Ve- Leggiamo scadenza 2019-10-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
32 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
5 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Uomo Libero
di Adriana Montalbano
Pubblicato su PBSE2019


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 1
Media 70 %



E’ una di quelle sere in cui lasci la finestra aperta sulle primizie d’estate, sul cielo invecchiato da poco, ed io, raccolgo dai miei ricordi la storia di un uomo, del suo viso e della sua chitarra, delle sensazioni, che, inconsapevole tanto quanto un bambino lo è del domani, mi trasmise.

Mi è tornato in mente oggi, dopo non so quanti anni, dopo non so quanta miseria ancora sia passata dalla sua vita.

Lo vidi una sera di Luglio, in un vicolo, in uno di quei posti di mare che in estate si riempiono di mondo, un mondo illusorio, sporco.

Uno di quei posti in cui il mare, passati i giorni del sole, rimane da solo.

Non ci sono più orme, non ci sono più uomini, la sabbia è sfiorata soltanto dai racconti del vento.

I giorni muti fuggono verso l’orizzonte, lì dove lui diventa nero.

Non c’è un gabbiano ad acciuffar la vita ma solo alghe secche e stanche di un inverno bruto e fiori senza padre.

Quella sera lì, però, era ancora tutto diverso.

Io ricordo il vocio amorfo, le parole non erano distinguibili le une dalle altre, le persone non erano tali.

Era il trionfo di ciò che siamo oggi. Ricordo i gioielli delle signore per bene, è così che amiamo chiamarle, loro, quelle donne svuotate dai loro tristi desideri.

Ricordo i profumi di quelle notte che si consumava a ogni piccolo passo del tempo, i bambini con i palloncini, le frasi di circostanza, i bermuda a quadri, soltanto perché è così che si usa ed è così che io faccio.

Ricordo di avere immaginato i pensieri degli altri, brevi tanto quanto i miei, pensieri che hanno una scadenza, che domani non ricorderemo nemmeno di aver fatto, domani cambieremo ristorante, qui si tarda a mangiare e c’è troppo prezzemolo.

Lo pensiamo oggi, oggi che siamo vestiti di lino e abbiamo i sandali ai piedi. Domani, domani sarà un’altra storia. Siamo tutti ammassati, abbronzati, profumati e felici.

Siamo schiavi delle convenzioni e delle convinzioni, siamo piccoli quando abbiamo paura della solitudine, del più debole, lo temiamo perché non vorremmo essere come lui.

Corriamo perché nessuno ci lasci indietro, perché non tutti sanno che una stella che alle sei del mattino sta ancora brillando su quel cielo bambino, è bella e lo è a modo suo, perché è stanca di essere parte della notte, perché vuole che gli uomini non siano più ignari.

Quella sera tutti eravamo parte della notte, eravamo parte della vita, di quel modo in cui noi pensiamo debba essere vissuta.

Ma io lo vidi. La sua miseria puzzava di capelli quasi incrostati, capelli rasta, barba incolta, piedi scalzi.

Aveva gli occhi azzurri, aveva gli occhi vivi.

Mi rimase impresso, lui, il suo sguardo, la sua chitarra. Quel vicolo in cui se ne stava da solo, facendo compagnia al silenzio.

Era niente in confronto a tutto, era nessuno, era il debole che ci fa paura.

Non lo rividi mai più.

Non so dove sarà adesso, non so se fosse straniero, se avesse mai amato una donna o un figlio.

E’ strano scrivere di qualcuno che non hai mai conosciuto, è strano il rumore di questo mio ricordo.

Eppure lui è qui, con la sua chitarra e la sua vita. Qui fra le parole che si accalcano disordinate, fra le onde di quel mare e fra le scie della sua ira, è fra persone sconosciute nella Terra degli agrumi, fra la curiosità di tutta quella gente che non era mai stata lì.

E’ qui come in quel lontano giorno d’estate.

Fra tutte quelle persone, mi sembrò l’unico uomo libero e, questa storia senza trama, io, la dedico a lui.

© Adriana Montalbano



Recensioni ed articoli relativi a Adriana Montalbano

Nessun record trovato

Testi di Adriana Montalbano pubblicati su Progetto Babele

(1) Uomo Libero di Adriana Montalbano - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2014-11-05
VISITE: 14


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.