Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [25/07/2024] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Sulla stessa barca: l'amore ai tempi del coronavirus scadenza 2024-07-31    Tema “Poesia e ricerca della Pace nel XXI secolo” e tema libero scadenza 2024-07-31    5 edizione Concorso Nzionale scadenza 2024-07-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Praga poesia che scompare di Milan Kundera     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Uno sguardo all’Open studio presso la Casa degli Artisti di Milano di Cecilia Del Gatto Di Riccardo Renzi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
12 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
18novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Luoghi comuni (ma non troppo)
di Carla Montuschi
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 478
Media 80.67%



Capita, a volte, nel traffico convulso ed assonnato del mattino di imbattersi in tizi strani, persone fuori dall’ordinario. Capita così che nell’ebbrezza torpida dell’affacciarsi di un giorno nuovo, rosso di sole ancora tiepido e zuppo d’aroma di caffè , nascano discorsi, se così in modo anche un po’ aulico vogliamo chiamarli,  che non ci si sarebbe mai aspettati di esser capaci di intessere.

Magra, allampanata e nervosa la tizia in questione procedeva a lunghi passi e se non fosse stato per quella sua intolleranza un po’ superba non ci saremmo neppure soffermate.

Un urto lieve e, dato l’affollamento del marciapiede, quasi inevitabile, fu il pretesto per fermare il tempo ed aprire una partesi che tendeva, invero già al suo esordio, al diverbio acceso.

“Mi scusi… mi dispiace..”

dissi io…

Ma un’occhiata scostante aveva già espresso il suo  parere, ancor prima che aprisse quella sua bocca i cui angoli piegavano spietatamente verso il basso in segno di anticipato disprezzo.

“Eh, già… come se bastasse scusarsi… Ma non guarda dove mette i piedi? Lo sa, poteva anche farmi cadere con il rischio che mi rompessi qualcosa!”

Esagerata… pensai io, ma valutando il colore livido del suo viso preferii non esplicitare il mio pensiero, era una giornata ancora da vivere, perché avvelenarla sin dal suo inizio…

“Sono sinceramente dispiaciuta, ma sa, forse sono ancora un poco addormentata e con tutta questa gente poi… non l’ho proprio fatto apposta!”

Mi aggredì…

“Ci mancherebbe anche che l’avesse fatto apposta… Se non è ancora del tutto sveglia perché impiccia la strada, avrebbe fatto meglio a restarsene a casa maleducata che non è altro!”

A quell’aggressione però non resistetti…

Maleducata io? E per che cosa, per aver lievemente urtato la sua spalla?  Per così poco i miei genitori meritavano di essere etichettati come degli incapaci ed io come il risultato del loro deludente tentativo di allevarmi?

“Perdoni, ma ora mi par proprio che Lei stia esagerando forse quella che doveva restare a casa a riposare ancora un poco era Lei!”

La risposta mi travolse ancora una volta, mentre la guardavo incredula soffiar voce come un flauto stridulo, per tutta la nervosa lunghezza della sua statura.

“Lei non sa chi sono io. Io sono LA Signora Taldeitali e se continua su questo tono mi vedrò costretta a chiamare le Forze dell’Ordine!”

Mi lasciai trascinare e, travolta da un’onda di irrazionalità invece di voltarle le spalle ed andarmene, risposi:

“Sinceramente non mi interessa chi Lei sia poiché questo non le da il diritto di aggredirmi in questo modo…”

Non mi lasciò neppure il tempo di finire la frase:

“Io, stante la mia posizione, posso rivolgermi ad UNA Signora Qualunque, qual è in modo evidente Lei, come voglio. Sto invece cercando di farle capire che Lei non è nella posizione per potersi neppure rivolgere a me, figuriamoci poi sfiorarmi!”

Cominciavo quasi ad essere curiosa:

“Ah, interessante, e quale sarebbe dunque questa sua importante posizione?”

Rispose:

“Ci vogliono le credenziali, qualifiche e riferimenti, insomma una lunga bibliografia che trasformi il senso anonimo di UN’ esistenza Qualunque in una vita come la mia, una vita che meriti l’articolo determinativo LA… io infatti sono LA Signora mentre lei è UNA Signora, differenza sottile che forse Lei, dati i suoi limitati riconoscimenti culturali e cognitivi non può cogliere…”

Sembrava una pazza e non riuscivo a scegliere se alterarmi o compatirla. Allora scelsi, nel dubbio dell’incertezza,  l’ironia.

“Ma quale fortunato incontro, anzi scontro, giacché la mia povera presenza l’ha importunata, La prego mi illumini chiarendomi a cosa allude quando cita credenziali, qualifiche e riferimenti in modo che dalla sua spiegazione possa trarre un qualche profitto”.

Il viso stazzonato sino ad un momento prima da una smorfia altezzosa, le si spiegò in un’aria giusto un poco più accondiscendente, necessaria per poter trasmettere la parvenza di un insegnamento.

A quel punto mi domandò:

“Se mi consente, lei che studi ha fatto?”

Seccata le risposi che non ritenevo importante che studi avessi fatto, il rispetto non si inchina solo innanzi alla cultura. Ma ella in tono saccente mi rispose che se fossi stata più erudita avrei avuto il dono di discernere fra compatimento e rispetto in quanto essi sono sentimenti che, sebbene possano apparire assai simili nel tono dell’umore, nascono in luoghi molto distanti dell’initimità di un individuo.

Iniziò poi a sciorinarmi una lunga serie di titoli ed onorificenze, pubblicazioni ed orazioni, spiegandomi che tutto ciò avvalorava il suo percorso al punto tale da renderlo più rilevante del mio. Lei era socialmente riconosciuta, patrimonio di origine DOC.

Sorrisi fra me e me pensando che esistono anche dei salami di origine DOC  e quell’immagine ne trascinò con sé altre portandomi ad accostare vino e spirito DOC. Già, solo con uno sofisticato spirito DOC sarei potuta uscire da quella situazione folle.

La pazza DOC colse il mio sorriso e lo descrisse come un segnale di ebete ignoranza difficilmente riabilitabile. Poteva mai cotanta cultura colmare in un solo istante la voragine di pensieri non riconosciuti e dunque arbitrari  con cui si era scontrata? A lei ci erano voluti degli anni per diventare LA Signora Taldeitali mentre io non mi ero mai preoccupata di emergere e distinguermi dalla folla con l’avvallo delle comunità scientifiche, io semplicemente avevo optato per il libero arbitrio e ciò mi aveva confinato nell’ambito del pensiero qualunque, quello non riconosciuto dalla collettività…

Pensai che fosse paradossale, adottare un protocollo significava per LA Signora Taldeitali acquisire peso, spessore assumere un articolo ben definito mentre a me, solo a pronunciare la parola “protocollo” veniva ansia, desideravo immediatamente di sfuggire a quel senso di determinazione che mi avrebbe rinchiuso entro limiti superiori a quelli che sentivo già miei.

UNA, LA, che importava… i pensieri che non vengono riconosciuti validi da una comunità  possono mica essere buttati via così semplicemente, mica si possono buttar via interi tratti di vita…

E poi le idee migliori son proprio quelle che nascono fuori dal coro, l’originalità è un pregio. Il protocollo è necessario a far ordine ma non può campare senza le idee fuori dal coro. I dogmi non possono evolvere se all’improvviso non urtano contro idee diverse, senza scossoni le convinzioni inaridirebbero sino a morire.

A dire il vero ora mi seccava un po’ guardare il percorso dei miei pensieri. Stando a quel ragionamento dovevo quasi essere contenta di aver urtato LA Signora…

La guardai cercando di trovare disperatamente un barlume di simpatia. Il raziocinio dettava quello, in fondo potevamo essere complementari ma l’eccesso di diversità rendeva il tentativo di avvicinarsi pressoché impossibile….

Io mi sentivo libera e lei mi appariva fissa. Ma, al contempo io mi perdevo negli eccessi e lei sembrava sapere sempre dove fosse la strada corretta. Potevamo mai trovare un punto d’accordo? E perché mai il suo esser LA doveva per forza risultare migliore del mio esser UNA?

Capii che si trattava solo di fare una scelta.

Voltai la faccia ed andandomene feci spallucce alle certezze DOC. Esser UNA poteva apparire scialbo, ma in vero non avevo bisogno del riconoscimento LA per sapere di esser unica.

Sul marciapiede, dietro le mie spalle, rimasero impietrite LE certezze statuarie, fisse come la loro rivendicata importanza.

© Carla Montuschi





Recensioni ed articoli relativi a Carla Montuschi

Nessun record trovato

Testi di Carla Montuschi pubblicati su Progetto Babele

(1) La porta di Carla Montuschi - RACCONTO
(2) I dispetti di Pandora di Carla Montuschi - RACCONTO
(3) Sembra avere un senso… di Carla Montuschi - RACCONTO
(4) La strada di Carla Montuschi - RACCONTO
(5) Il discorso di Carla Montuschi - RACCONTO
(6) Luoghi comuni (ma non troppo) di Carla Montuschi - RACCONTO
(7) Senza respiro di Carla Montuschi - RACCONTO
(8) L’incapacità del verbo essere. di Carla Montuschi - RACCONTO
(9) Solitudine di Carla Montuschi - RACCONTO
(10) Riflessioni dello specchio di Carla Montuschi - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB




-

dal 2012-03-28
VISITE: 2.037


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali