Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    Il foglio letterario. PROGRAMMA 23 Maggio ľ 11 Giugno (23/05/2023)    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    [23/09/2023] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    L'abisso delle fobie scadenza 2023-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Festival del Medioevo di Gubbio - Vocifuordiscena (EVENTO 2023-09-24)    Presentazione del romanzo L'altro io - a seguire lettura a leggio del Monologo della sera (EVENTO 2023-09-30)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciri˛lo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Cioccolata a colazione di Pamela Moore    La mappa del destino di Glenn Cooper     La danzatrice di Lucera- Die Tanzerin Von Lucera di Mathilde Von Metzradt    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Riflessioni sul Barocco letterario     Osvaldo Licini: la sua terra, la malinconia e la follia     Considerazioni su Giovanni Pascoli     Una riflessione sullo spettacolo di Diego Mecenero: la Marca tra folklore e leggende     Il concetto di tragedia e la cura di sÚ stessi    Racconti     I decapitati di Francesco Ciri˛lo     "Sara y la Facultad" di Jorge edgardo Lˇpez     L'intervista di Cinzia Baldini     Il temporale di Cinzia Baldini     Il castagneto magico di Massimiliano Claps    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     NÚmirovsky,Irene (1903-1942)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey     La moglie in bianco ů la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     R÷kFl÷te (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
18 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
5 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
37 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

RECENSIONE
Hero

HONG KONG 2002


Una recensione di Claudia Scopino

Titolo originale: Ying xiong


Nazione: Hong Kong/Cina
Anno: 2002
Genere: Azione
Regia: Zhang Yimou
Cast: Jet Li, Tony Leung, Chiu Wai, Maggie Cheung, Daoming Chen


Splendido. Semplicemente splendido. Hero è una continua sorpresa, un continuo incanto per gli occhi e la mente, perfetto in tutte le sue parti e con una storia capace di coinvolgere e entusiasmare. L'eroe: è questa la figura centrale del film. L'eroismo porta con sé innumerevoli riflessioni, e in Hero tutti gli ideali e i valori che portano a morire un guerriero sono ampiamente sviscerati. La premessa è che si può uccidere per gli stessi motivi per i quali si può morire: patria, amore, amicizia. E Senza Nome, il protagonista della vicenda, è un eroe che compie entrambi gli atti: uccide e muore da eroe.
Diretto dal regista di Lanterne rosse, Zhang Yimou, Hero racconta la storia della Cina di 2000 anni fa, quando il paese era diviso in sette regni in lotta fra loro. L'obiettivo del re del regno di Qin è quello di riunire la Cina sotto un unico regno, senza esitare per raggiungerlo ad eliminare tutti i suoi nemici.
Il re, sotto ampia protezione a causa delle continue minacce alla sua vita, accetta un'incontro con Senza Nome, l'unico guerriero che sia riuscito ad uccidere i suoi tre nemici più grandi, Cielo, Spada Spezzata e Neve che cade. Senza nome racconta di come è riuscito nell'impresa che pareva impossibile, ma ben presto vedremo come i fatti da lui raccontati non corrispondano alla realtà, fino ad arrivare ad un totale di tre variazioni sulle uccisioni dei tre grandi guerrieri, che porteranno infine alla risoluzione finale e allo svelarsi della verità. Sacrificio, lotta, eroismo, amore per la tradizione, lealtà, sono molteplici i temi toccati da Yimou e non vengono perse di vista neanche le relazioni tra i personaggi (bravissimi a tal proposito gli interpreti, con menzione speciale per la sempre bravissima Maggie Cheung), dove viene anche raccontato l'amore e la sua fine in un meraviglioso finale.
Ma più che il contenuto e la storia (abbastanza semplice, ma raccontata con intelligenza), di Hero non possono non colpire i meravigliosi combattimenti, le maestose scenografie, la suggestiva musica e l'incantevole fotografia. Non vi è una sola scena che stoni con l'insieme, tutte le sequenze sono piene di pathos e adrenalina, perfette in tutte le loro parti, con punte di diamante come il combattimento tra Neve che cade e Luna, meritevole singolarmente dell'intera visione del film: una pioggia e una distesa di foglie fanno da sfondo ad una lotta senza indecisioni, piena di meraviglie e altamente coinvolgente. Tutti i combattimenti non si riducono ad un mera lotta di spade, ma sono invece innalzate a puri attimi di poesia, dove ogni minimo attacco si trasforma in danza e i colori avvolgono simbolicamente la scena rendendola sempre più simile ad un vero dipinto. Ralenti, effetti speciali, costumi magnifici, musica, fotografia ampiamente cromatica, tutti gli accorgimenti e le parti tecniche rendono Hero un vero e proprio film poetico, che pur trattando un tema come la morte non scade mai nella volgarità, ma sorprende continuamente con sequenze mai uguali l'una all'altra, combattimenti sempre differenti e ben costruiti, arricchiti da ampie distese desertiche o scenografie imponenti e che davvero non possono deludere. La storia che tocca livelli lirici, la maestria che esprime Yimou con ogni singola inquadratura e la splendida costruzione d'insieme dei combattimenti fanno di Hero un film impedibile, un film che di volta in volta diventa pura musica, pittura, poesia; in due parole, un'opera d'arte.

 

VISITE: 4.708

Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali