Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    Il foglio letterario. PROGRAMMA 23 Maggio – 11 Giugno (23/05/2023)    [02/12/2023] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio I Murazzi scadenza 2023-12-15    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Tutti gli appuntamenti per Pio X - La Fondazione Giuseppe Sarto annuncia il calendario di appuntamenti in vista della Peregrinatio Corporis di ottobre. (EVENTO 2023-12-03)    Tutti gli appuntamenti per Pio X - La Fondazione Giuseppe Sarto annuncia il calendario di appuntamenti in vista della Peregrinatio Corporis di ottobre. (EVENTO 2023-12-03)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Sul margine di Maria Allo     Prove per atto unico di Maria Benedetta Cerro     Itinerario della mente verso Thomas Bernhard di Martino Ciano    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     L’immanenza dell’incarnazione nella poesia di Mario Luzi     La storia alimentare di Porto San Giorgio, tra folklore, letteratura e testimonianze Di Edoardo Mistretta     Riflessioni sul Barocco letterario     Osvaldo Licini: la sua terra, la malinconia e la follia     Considerazioni su Giovanni Pascoli    Racconti     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini     Il temporale di Cinzia Baldini     Il castagneto magico di Massimiliano Claps    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey     La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
13 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
4 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
30 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

RECENSIONE
PULP FICTION

USA 1994


Recensione di Emiliano Bertocchi

Pulp Fiction
Titolo originale: Pulp Fiction

Anno: 1994
Nazione: Stati Uniti d'America
Durata: 154'

Regia: Quentin Tarantino
Sceneggiatura: Roger Avary

Cast: Ving Rhames, Bruce Willis, Harvey Keitel, Maria de Medeiros, Steve Buscemi, John Travolta, Christopher Walken, Uma Thurman, Rosanna Arquette, Eric Stoltz, Amanda Plummer, Samuel L. Jackson, Tim Roth

Quentin Tarantino ci regala uno dei più bei film degli anni '90. Discorsi memorabili, personaggi fantastici, ironia, violenza, un film mitico e praticamente perfetto. Tarantino rifonda il concetto di fiction, intesa come racconto cinematografico, scegliendo di alterare il normale svolgersi del tempo del racconto stesso. Una struttura circolare e quindi propria di un tempo mitico è il contenitore nel quale si sviluppano le storie di tutti i vari personaggi. Rifacendosi a un certo tipo di letteratura americana contemporanea (l' hard-boiled, Bukowski, i giornaletti pulp) e soprattutto adottando un metodo di recitazione (quello stanislaskiano) ad un processo di scrittura (la sceneggiatura) realizza una caratterizzazione incredibile dei propri personaggi. Che bisogna apprezzare soprattutto per il modo in cui si comportano. I personaggi sono mitici proprio perchè creati su un linguaggio già esistente, quello della (sotto)cultura americana, e anche perchè vivono in un tempo immobile e non lineare. I loro gesti, i loro discorsi, il loro modo di parlare sono inappuntabili proprio perchè la loro vita è interamente immersa in un mondo di Fiction. Questo elemento viene chiaramente mostrato all' interno del Jack Rabbit Slim, una sorta di museo vivente di tutto quanto ha fatto parte della cultura pop americana. Hamburger, Marylin Monroe, la musica, i fumetti, il cinema. E proprio il cinema è quindi il referente primario del mondo di Pulp Fiction. Non ci sono riferimenti ad una realtà "vera". C'è solo il mondo che il cinema e la televisione hanno creato per noi. Ed è in questo mondo che i personaggi di Pulp Fiction si muovono, vivono e non-muoiono. Il mito infatti è caratterizzato dall' eternità. Quella di Vincent Vega che una volta morto lo vediamo poi ritornare in vita.
Un altro elemento fondamentale del film è l' ironia. Che si sviluppa soprattutto dalla visione che Tarantino ha della violenza. La scena in cui Vincent fa saltare la testa al ragazzo di colore che ha in macchina e tutta la successiva trafila di pulizie che è costretto a fare è assolutamente esilerante. Un pò come nei cartoni animati, quando vedi Tom&Jerry che se le danno di santa ragione non pensi alla violenza in se stessa, ti metti solamente a ridere. Quindi tutte le critiche che parlano di Pulp Fiction come di un film violento sono del tutto ridicole. Il film non mostra la violenza. La rappresenta. A volte in maniera ironica, a volte in maniera crudele come nella scena della sodomizzazione di Marcelus. E comunque sia, lo ripeto; questo è sempre un mondo di finzione. E dentro quei confini si deve rimanere.
Tarantino rielabora in maniera originale i quintali di tonnellate di merda della cultura americana e ne tira fuori qualcosa di bellissmo e profondo. Il dialogo tra Vincent e Mia sul silenzio è semplicemente stupendo. Quelli tra Vincent e Jules portano alla luce problematiche filosofiche interessanti.
I film di Tarantino si nutrono del cinema che c'è stato prima di lui. Quentin ruba a piene mani e non chiede mai scusa. Rielabora e gira secondo il proprio gusto e le proprie capacità. Qualunque cosa esca fuori andrà bene perchè è stato lui a volerla fare. Ed è proprio per questo che io lo ammiro.

Emiliano Bertocchi

VISITE: 9763

Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali