Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [17/06/2024] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    “Eridanos” scadenza 2024-06-23    Il Premio Città di Como scadenza 2024-06-30    Seven Live 2024 scadenza 2024-06-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    NIPPOMANIA - Giappone: dai samurai ai manga. (PRESENTAZIONE 2024-06-22)     ATTRAVERSAMENTI MULTIPLI 2024 - danza_teatro_musica_site specific_nella natura urbana (SPETTACOLO_TEATRALE 2024-06-29)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Praga poesia che scompare di Milan Kundera     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Uno sguardo all’Open studio presso la Casa degli Artisti di Milano di Cecilia Del Gatto Di Riccardo Renzi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
15 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
4eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
17novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Da Dracula a Saint-Germain di Chelsea Quinn Yarbro
traduzione di Massimiliano Marconi
Pubblicato su PB20


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 603
Media 80.17%



I racconti di Progetto Babele

Durante l’università, seguendo un corso su folklore e mito, mi trovai a rinnovare il mio interesse verso l’archetipo del vampiro, un interesse nel quale mi ero già imbattuta a 14 anni, la prima volta che lessi Dracula. Produssi una tesina sulle similitudini e le differenze nei miti del vampiro a livello mondiale. Tutti i vampiri traggono vita dalle loro vittime, e il sangue è il mezzo più consueto per raggiungere quel fine; ma un vampiro cinese preferisce il liquido spinale, mentre i vampiri finlandesi ed eschimesi suggono calore umano. Dieci anni dopo tornai sul mito del vampiro e iniziai a chiedermi quanto potessi allontanarmi dal modello Dracula e avere ancora un vampiro riconoscibile. E presi per buono tutto ciò che accomunava credenze di più dell’80% delle varie culture. Legami con la terra natale, attività notturne, assenza di riflesso, morire e non essere veramente morti, far preda dei viventi per sopravvivere, avversione alla luce e provare disagio nell’attraversare acqua corrente o di mare. Tutto questo faceva parte dell’insieme. Decisi di ignorare sia tutta la severa propaganda della fede cristiana, considerandola troppo pedante, sia tutti gli altri cascami religiosi che si erano via via stratificati sul mito, poiché, vista la radice così antica dei vampiri, le religioni ufficiali erano in ogni caso dei parvenu.

Il secondo livello della questione riguarda le relazioni fra vampiri e umani: deve per forza essere una relazione di sfruttamento? E gli umani devono per forza aborrire i vampiri? Più ci pensavo, più mi convincevo che potesse valere la pena di utilizzare il vampiro come metafora di umanesimo. Una persona che vive un’esistenza innaturalmente lunga potrebbe in definitiva alienarsi dall’umanità, utilizzando tale distanza come mezzo per evitare il dolore del trascorrere buona parte del proprio tempo a dire degli addii definitivi. Oppure poteva essere possibile che il vampiro cercasse, proprio attraverso questa alienazione, di diventare parte dell’esperienza umana, una possibilità che offriva decisamente un maggior numero di risvolti drammatici.

Arrivò in seguito a questa constatazione il terzo quesito riguardante la relativa solitudine della semi-immortalità, restringendo anche il mio precedente assunto: perché i partner del vampiro devono essere delle vittime? Non sarebbe meno rischioso renderli collaborativi? In questo modo potevo mettere da parte le vittime, e dedicarmi al punto focale dell’argomento: il tema fondamentale del mordere e del sangue. Secondo me, la cosa più rimarchevole riguardo al sangue, è la sua importanza sia per il partner vivente quanto per il vampiro non-morto. C’è un potere magico nel sangue che risale alla prima consapevolezza umana. È ovviamente un elemento essenziale per la vita, cosa che al vampiro manca in modo significativo. La teoria junghiana sembrava più consona rispetto ad altri approcci psicoanalitici, e così me ne servii come una sorta di filtro multiculturale per risolvere lo spinosissimo nocciolo della figura mitica del vampiro. Considerando la carica sessuale che il vampiro ha in sé, l’esperienza vampirica, in qualunque modo si esplichi, è satura di implicazioni erotiche. Un morso vale una penetrazione, per quanto bizzarro possa sembrare? Si può supporre che sia il vampiro che il suo partner possano beneficiare dell’orgasmo? L’intimità sessuale, nella sua forma più positiva, è comprensione reciproca che accresce l’essenza dei partecipanti, i quali si rivelano e si accettano nella sua natura, arrivando all’individualità esclusiva delle persone coinvolte. E cos’è più esclusivamente personale del sangue?

Ora avevo colto un approccio più positivo verso il vampirismo. Un modo di presentarlo che fosse, speravo, abbastanza innovativo da essere interessante e nello stesso tempo riconoscibile del suo genere. Dovevo trovare anche un personaggio, un’ambientazione e una storia. La Parigi di Luigi XV, ambientazione del primo romanzo di Saint-Germain – Hotel Transilvania – era allettante: era un periodo del quale già conoscevo abbastanza; era visivamente opulento; c’era un enorme interesse verso l’occultismo in quel periodo; la società era molto formale; c’era abbastanza tolleranza verso gli stranieri da rendere plausibile che questo vampiro potesse muoversi liberamente nella società; le donne erano parte attiva e visibile della società e godevano di una relativa autonomia; ed era una società che oscillava – del tutto inconsapevole – sull’orlo del tracollo. Ottimo materiale per dei romanzi.

Mi misi anche in cerca di personaggi storici per dare maggiore autenticità alla storia. Più mi documentavo, più mi appariva ovvio che il vero Conte di Saint-Germain era proprio l’eroe che cercavo. Si vestiva in bianco e nero (di mio aggiunsi il cravattino col rubino); non mangiava o beveva mai in pubblico; era un noto occultista e alchimista; affermava di avere 4.000 anni e di bere l’Elisir di lunga vita; aveva più di una dozzina di identità. Era colto, pieno di talento, intelligente, poliglotta, elegante e umanistico. Era uno straniero, le cui vere origini nazionali non furono mai scoperte. Era ricco. Era anche irresistibile. Né era da meno il suo domestico personale, Roger, che affermava di aver servito Saint-Germain sin da quando Vespasiano era Cesare. Il Saint-Germain letterario racchiude in sé, nel vero senso della parola, tutta la stessa materia prima di Dracula, ma la sua esperienza di vampirismo è estremamente diversa. Diversamente da Dracula, Saint-Germain non si ritira facendosi beffe dei suoi cacciatori. Diversamente da Dracula, Sain-Germain tiene in grande considerazione la brevità della vita umana piuttosto che disprezzarla. E, diversamente da Dracula, Saint-Germain offre libertà ai suoi partner anziché pretendere la resa delle proprie prede. Dopo tre editori, nove curatori e circa due milioni di parole, Saint-Germain non ha ancora iniziato a esaurire quelle che ritengo le sue potenzialità. L’ultima uscita della saga è nelle mani dei lettori del tempo, due cose che i vampiri considerano propri alleati.

Copyright © 1997 Chelsea Quinn Yarbro – Tutti i diritti riservati.
Ristampato per gentile concessione dell’autrice.

© Chelsea Quinn Yarbro
Traduzione a cura di Massimiliano Marconi







Recensioni ed articoli relativi a Chelsea Quinn Yarbro

(0) Hotel Transilvania, un amore impossibile di Chelsea Quinn Yarbro - RECENSIONE
(1) Da Dracula a Saint-Germain di Chelsea Quinn Yarbro trad.di Massimiliano Marconi - TRADUZIONE

Recensioni ed articoli relativi a Massimiliano Marconi

Nessun record trovato

Testi di Massimiliano Marconi pubblicati su Progetto Babele

(1) Hanno Sete (They Thirst) di Robert McCammon - RECENSIONE
(2) Holmes Vs Dracula di John H. Watson e Loren D. Estleman - RECENSIONE
(3) Trilogia dei Sopramorti di Chiara Palazzolo - RECENSIONE
(4) Hotel Transilvania, un amore impossibile di Chelsea Quinn Yarbro - RECENSIONE
(5) Richard Edward Connell(1893-1949) a cura di Massimiliano Marconi - BIOGRAFIA
(6) Da Dracula a Saint-Germain di Chelsea Quinn Yarbro trad.di Massimiliano Marconi - TRADUZIONE
(7) Rendimi l'anima di Daniela Cattani Rusich - RECENSIONE
(8) Alba fragile di Massimiliano Marconi - RACCONTO
(9) Come Loro di Massimiliano Marconi - RACCONTO
(10) Saba, Umberto(1883-1957) a cura di Massimiliano Marconi - BIOGRAFIA


>>ARCHIVIO TRADUZIONI

>>GLI AUDIOLIBRI DI PB





-

dal 2019-07-22
VISITE: 1.250


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali