Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    [13/08/2022] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Lembi di anima di Elisabetta Santirocchi     Sfida di Elisa Negri     Libero di Elisa Negri     Noi non ci bastiamo di Rosa Notarfrancesco     In punta di piedi di Paola Ceccotti    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
10 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
8 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Horcynus Orca
di Stefano D'Arrigo

a cura di Roberto Donati


Prezzo 25 euro
Anno 2003
Rizzoli Editore

È l'anno 1975: al cinema esce, tra i tanti capolavori, Lo squalo di Steven Spielberg, metafora della natura superiore per forza - ma non per intelligenza - all'uomo.
In letteratura viene pubblicato un altro "monstrum" dedicato a uno dei pericoli del mare: Horcynus orca di Stefano D'Arrigo.
Il paragone si può forse fermare qui.
Horcynus orca, smisurato libro di ben 1250 pagine, scritto da un siciliano appartenente al Gruppo del '63 ed esperto di storia della lingua che, in nome della sempre discussa e arbitraria licenza poetica, non ha paura di sovvertire le regole della narrativa e della grammatica inventando una neolingua formata da modi di dire, sicilianismi, proverbi e tutte le altre innovazioni che magari già Verga e i veristi avevano già attuato un secolo prima; la vera novità stilistica di D'Arrigo sta nel suo uso smodato e azzardato di neologismi di sua propria invenzione, che arricchiscono (anche di difficoltà comunicative e interpretative) il sostrato tematico dell'opera, già di per sé profondo e complesso. La trama non potrebbe essere più semplice: il marinaio della fu regia 'Ndrja Cambria sta tornando, nel 1943, a casa, nella natia Sicilia. Il romanzo inizia con il suo arrivo in un paesino della Calabria che si affaccia sullo stretto di Scilla e Cariddi, il paese delle femmine. Da lì trasborderà in Sicilia e giungerà al suo paese, ma la guerra ha ormai devastato tutto e niente e nessuno è più come prima: ciò che lo attende è la morte e basta.
Una storia così esile e banale se volete è resa con una narrazione dai tempi lunghi, che spesso divaga su episodi inutili per il contesto ma essenziali per calare nella realtà del luogo e del tempo: hanno questa funzione le digressioni sui "pellisquadra", i pescatori del luogo che odiano la "fera", specie di delfino feroce e aggressivo che abita il "duemari".
Già, il mare: Horcynus orca, come lo era Nostos il ritorno al cinema, è un poema sul mare, inteso come onda vitale e mortale per la gente del posto, come ciclo eterno e immutabile di un'esistenza.
E il mare che viene descritto è quello tra la Calabria e la Sicilia, là dove il Tirreno incontra lo Ionio e forma il "duemari", stupenda invenzione geograficamente simbolica di un'impossibilità decisionale.
È una narrazione interiore che non segue un filo logico ma forse l'onda (e il mare ritorna) dei ricordi e delle emozioni, una sorta di "flusso di coscienza marino" dove i personaggi e gli episodi variano continuamente in una sorta di Odissea moderna.
Infatti il tema neorealista della guerra e del ritorno del soldato è trasfigurato liricamente in una straordinaria simbologia mitologica, che non alleggerisce certamente la lettura ma la rende pregnante di metafore stimolanti.
Personalmente non amo né il verismo letterario di Verga e compagni né il neorealismo cinematografico di Rossellini e gli altri: bene, D'Arrigo riesce nel difficile compito di superare la staticità e la noia dell'arte che segue l'impossibile utopia di ricreare la "realtà così com'è nei fatti" e ad approdare nel lido degli autori con la A maiuscola con un'opera unica perché inimitabile e al tempo stesso eccezionale. Il centro, comunque, del romanzo sta nell'apparizione dell'orca, enorme "animalone" che sta per la Morte e segna l'iniziazione del protagonista a essa.
Da antologia la sua descrizione:
"Era l'Orca, quella che dà morte, mentre lei passa per immortale: lei, la Morte marina, sarebbe a dire la Morte, in una parola."
Per stavolta mi fermo qui, con la speranza di avervi invogliato la lettura di questo capolavoro spesso sconosciuto o spesso taciuto per la sua obiettiva difficoltà (tanto che non viene ripubblicato da anni ormai). Il fin del critico è far scoprire la meraviglia.


VISITE: 4767

Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali