Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [25/06/2024] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Il Premio Città di Como scadenza 2024-06-30    Seven Live 2024 scadenza 2024-06-30    V EDIZIONE PREMIO LETTERARIO TERESA COGNETTA scadenza 2024-07-03    V ED. PREMIO TERESA COGNETTA scadenza 2024-07-03    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Comfort Festival - Ferrara diventa americana (EVENTO 2024-07-07)     ATTRAVERSAMENTI MULTIPLI 2024 - danza_teatro_musica_site specific_nella natura urbana (SPETTACOLO_TEATRALE 2024-06-29)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Praga poesia che scompare di Milan Kundera     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Uno sguardo all’Open studio presso la Casa degli Artisti di Milano di Cecilia Del Gatto Di Riccardo Renzi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus

Le Vendicatrici
Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
15 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
3eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
18novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Un Grande Esercito
di Giovanni Pigozzo
Pubblicato su PBSA2021


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 164
Media 80.12%



Il Sovrano si era alzato di buon mattino quel giorno. Si era lavato e vestito, e aveva fatto colazione mangiucchiando nervosamente: faceva sempre così per stemperare la tensione che sentiva crescere in lui prima di qualche importante impegno ufficiale. Nel pomeriggio, avrebbe dovuto infatti incontrare una delegazione diplomatica del paese confinante con il suo, con il quale non versava in buoni rapporti. Le cose negli ultimi tempi si stavano mettendo male, i contatti erano logorati ed erano entrati nuovi interessi in gioco: a loro interessavano i ricchi giacimenti minerari del suo paese, a lui le abbondanti riserve d’oro chiuse nelle casse dei vicini.

Due interessi così configgenti non potevano rimanere a lungo sopiti, e presto erano volati tra le due nazioni parole grosse, accuse gravi, anche insulti e umiliazioni. L’incontro del pomeriggio doveva servire per cercare una ultima, difficile, rappacificazione. Ecco perché nella mattinata di quel giorno, il sovrano aveva stabilito che in gran segreto fosse fatta una rivista del corpo di fanteria: voleva vedere schierate tutte le truppe di soldati a piedi nel grande cortile interno del palazzo.

Il monarca, pronto, vestito e saziato, discese dunque la maestosa scalinata che lo conduceva nel luogo della grande adunata. Giunto lì, un grandioso spettacolo gli si parò davanti: file e file di soldati, tutti vestiti uguali e perfettamente eleganti erano schierati davanti ai suoi occhi; una macchia verdognola indistinta di entità confuse, che rendevano difficile distinguere al colpo d’occhio una persona da un’altra. Figuriamoci poi a contarli tutti.

A quella vista, un sorriso di soddisfazione varcò il volto del sovrano: quale splendido dispiegamento di forze! C’erano ottime possibilità, in caso di guerra, di portare a casa quell’oro.

Ma non durò poi per molto tempo quel sorriso, si smorzò fino a spegnersi quando cominciò, con a fianco il suo generale, a passare in rassegna i soldati. Vedeva i loro volti impassibili e seri, uno per uno; poteva così da vicino vedere che quella massa indistinta di uomini, quella grande macchia che gli era apparsa era composta da una moltitudine di individui. Alcuni avevano i capelli scuri, altri erano biondicci, taluni avevano occhi azzurri e intensi, altri scuri e profondi, altri ancora verdi riflessivi; alcuni erano bassi, ormai maturi, con il volto rigato da una cicatrice, altri invece giovani e aitanti, qualcuno perfino imberbe.

Continuando a camminare, il re ragionò che quella numerosa e variegata differenza somatica dovesse essere corrispondente a una grande molteplicità di storie personali, di esperienze, di vite, di situazioni familiari. Il soldato che rimirava adesso poteva essere un padre di famiglia, che quella mattina aveva dato un bacio alla sua figlioletta ancora in culla, per lungo tempo desiderata e solo dopo molte difficoltà avuta da una moglie che era morta di parto; quello di fianco a lui invece, era ancora molto giovane, e probabilmente prima di venire all’appuntamento era passato a trovare la sua ragazza, di nascosto per non farsi vedere dal padre di lei; mentre quello subito dietro di lui lo aveva spiato, invidioso, perché il suo naso così sproporzionato gli aveva impedito di dichiarare il suo affetto a quella stessa ragazza, e lo aveva spinto a decidere di limitarsi a rimirarla; e quello dietro ancora, certamente si era abbronzato così lavorando nei campi, sotto il sole, per potere portare a casa qualche guadagno, allo scopo di procurare da mangiare e le cure mediche necessarie per il fratello gravemente malato, con il quale aveva vissuto la tragica morte dei suoi genitori.

Ciascuno con i suoi problemi, ciascuno con i suoi desideri, ciascuno con le sue gioie e i suoi sogni. L’uno diverso dall’altro.

Il generale, che marciava accanto al sovrano, interruppe il filo dei pensieri del suo comandante dicendo, orgoglioso della disciplina insegnata ai suoi sottoposti: - Sono tutti pronti a morire per voi!

Morire? Morire per cosa, per chi? Che ne sapevano quei ragazzi e quegli uomini di crisi diplomatiche, politica estera, bilanci di stato, giacimenti aurei, investimenti? Andavano a morire senza sapere per cosa, solo perché gli avevano insegnato che era giusto, che avrebbero dovuto fare così?

Tornando verso la scalinata da dove era entrato, il sovrano scuoteva la testa. Poteva chiedere a loro di compiere una missione così importante, della quale non comprendevano nemmeno appieno il significato? Solo per la fiducia e la devozione che nutrivano per lui?

Il generale si intromise di nuovo nei suoi pensieri, dal momento che non aveva ricevuto complimenti dopo la prima uscita. Tornò dunque alla carica: - Vedete? Sono disposti a eseguire ogni vostro comando, senza fiatare!

Fu allora che il re comprese appieno. Forse fu il vederli così da lontano di nuovo, unica macchia colorata indistinta; ma comprese che in effetti erano davvero così indistinti, avevano abdicato al loro senso critico per seguire il loro leader. Era più che fiducia, era abbandono.

Non contavano più nulla i loro affetti, i loro sogni, i loro valori, contava solo l’essere ciecamente obbedienti. Questo gli avevano insegnato a fare, questo eseguivano. Senza domande, senza logica, senza ragione. Come erano finiti così? Nessuno poteva dire cosa spingeva quegli uomini a comportarsi in quel modo: d’altro canto, nemmeno loro erano consapevoli di quella loro singolare condizione.

Il re realizzò che avrebbe potuto ordinare loro di volare, e loro si sarebbero buttati dalle mura del palazzo. Il sovrano risalì la splendida scalinata, pensando in cuor suo che gli avrebbe fatto comodo, quella riserva aurea.

© Giovanni Pigozzo





Recensioni ed articoli relativi a Giovanni Pigozzo

Nessun record trovato

Testi di Giovanni Pigozzo pubblicati su Progetto Babele

(1) Un Grande Esercito di Giovanni Pigozzo - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB




-

dal 2014-04-05
VISITE: 946


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali