Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    [02/10/2022] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Letterario Nazionale Streghe Vampiri & Co. scadenza 2022-10-15    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Lembi di anima di Elisabetta Santirocchi     Sfida di Elisa Negri     Libero di Elisa Negri     Noi non ci bastiamo di Rosa Notarfrancesco     In punta di piedi di Paola Ceccotti    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Audiolibri
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
9 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
7 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Quadri veneziani
di Carla Menon
Pubblicato su SITO


Anno 2017- C1V Edizioni
Prezzo € 12,95- 112pp.
ISBN 9788898295500

Una recensione di Lara Di Carlo
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 35
Media 80%



 Quadri veneziani

Quadri veneziani di Carla Menon è una raccolta di racconti molto particolare perché si presenta ai nostri occhi come una galleria di quadri raffiguranti ognuno un personaggio diverso, a volte reale e a volte inventato, e aventi tutti come sfondo la città di Venezia, “dipinta” in epoche diverse. Racconti intensi e affascinanti scritti con uno stile accurato e al tempo stesso scorrevole. Nella raccolta si procede a ritroso nel tempo (si va dalla fine del Novecento alla metà del Settecento), ma le storie sembrano disposte in una climax ascendente, perché si parte dalle vicende di gente anonima e alla fine sono narrati episodi famosi. Ad ogni modo le vicende di gente anonima acquistano un risalto particolare grazie alla forte introspezione psicologica. Entriamo nell’interiorità dei personaggi, viviamo le loro emozioni e le loro sofferenze. Molto belle, ad esempio, sono le parole che la scrittrice utilizza per descrivere lo stato d’animo di Beatrice mentre osserva la nonna del suo amico Stefano che bacia il nipote sulla guancia:

Quanto avrebbe desiderato ricevere anche lei un bacio da suo padre o da sua madre che non vedeva da moltissimo tempo, pensò. Rimise le mani in tasca, tastò per l’ennesima volta le chiavi di casa: la gabbia dorata, com’era solita denominarla da un po’ di tempo, da cui non le sarebbe mai stato permesso di andarsene, quantunque avesse provato un paio di volte a fare le valigie e raggiungere sua madre a Londra, per farle una sorpresa con la speranza di vederla venire incontro e gettarle le braccia al collo. Anche lei era cresciuta troppo in fretta come Stefano, con la differenza che lui aveva qualcuno su cui poter contare mentre per lei era diverso. Avrebbe voluto dirgli che si era innamorata eppure, ogni volta che provava a farglielo capire, le parole le morivano in gola.

Anche in Adele viviamo il senso di disagio della protagonista attraverso parole come:

Non appena richiuse la porta della camera, Adele si gettò sul letto, ficcò la testa sotto il cuscino, crollando in un pianto liberatorio.

In quel momento avrebbe voluto accanto a sé nonna Rina perché solo lei riusciva a consolarla, ascoltarla quando era corrucciata e non voleva farlo trapelare alla sua famiglia.

Si pensi allo stato d’animo di Daniele, al suo turbamento che emerge da queste parole:

Daniele, sempre più sconvolto da quello strano discorso, iniziò a tremare come se gli fosse venuta di nuovo la febbre tanto da riuscire a stento a deglutire.

− Ma allora questo foglio è stato scritto… − Non riuscì a terminare la frase. Come un lampo gli balenò alla mente l’immagine del nonno vestito da ufficiale della Marina con la sua bella divisa e le tre medaglie d’oro appuntate sulla giacca.

L’atmosfera sinistra di questo racconto sembra studiata apposta dall’autrice per instaurare un punto di raccordo tra questi tre racconti e i tre successivi incentrati su episodi famosi e avvolti da un alone spettrale. Questo lato inquietante e misterioso è presente soprattutto nel primo e nel terzo di questi ultimi racconti che sembrano “incorniciare” il secondo Memorie veneziane, dove è più forte l’introspezione psicologica come nei primi tre racconti; qui è la protagonista stessa a parlarci con la sua interiorità tormentata attraverso la forma del diario. Sono intense le emozioni che la voce narrante ci vuole comunicare, mentre leggiamo il nostro volto è bagnato dalle sue stesse lacrime, come in questo periodo:

Annuii mentre le lacrime mi bagnavano il volto. Avevo serbato nel mio cuore segretamente “quel ricordo”, dopo aver giurato a me stessa di non farne menzione in alcun modo.

Infine è interessante, a nostro avviso, che sia il primo che il terzo di questi ultimi tre racconti terminano con una fuga del protagonista in gondola; quasi come se questi personaggi forzassero la tela del quadro, spingessero violentemente per uscire dalla cornice, per acquistare vita; anche se nel primo degli ultimi tre racconti la fuga si accompagna a una morte, ma è una morte che in qualche modo si può collegare alla vita, in quanto avviene nell’acqua del mare, che simbolicamente si può accostare al grembo materno, e nell’incontro morte-vita si può riscontrare un’analogia con il finale del racconto che apre la prima parte, ma per questo si invita alla lettura.


Una recensione di Lara Di Carlo



Recensioni ed articoli relativi a Carla Menon

(0) Quadri veneziani di Carla Menon - RECENSIONE

Recensioni ed articoli relativi a Lara Di Carlo

Nessun record trovato

Altre recensioni di Lara Di Carlo

Nessun record trovato



Altre recensioni:







-

dal 2019-06-20
VISITE: 605


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali