Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    [16/06/2019] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Il Contesto scadenza 2019-06-16    Premio Internazionale di Letteratura Città di Como scadenza 2019-06-20    Good Morning my future scadenza 2019-06-20    Antonietta Rongone scadenza 2019-06-25    Lo Splendore Del Talento - Scintille D’Arte - 2019 scadenza 2019-06-28    Cenerentola con gli stivali scadenza 2019-06-30    Elena M. Coppa scadenza 2019-06-30    Aneddoti dal cuore 2019 scadenza 2019-06-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi    RECENSIONI     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali     Insabel di Vera Ambra    I paradossi dell’esistenza di Laura Rapicavoli     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive     Joseph Conrad ovvero il mare professionale    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
29 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Pensando a Bukowski
di Roberto Saporito
Pubblicato su PBSA2008


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 6979
Media 78.93 %



"…Io non ho bisogno di fare delle frasi.
Scrivo per mettere alla luce certe circostanze.
Diffidare della letteratura. Bisogna scrivere
tutto come viene alla penna, senza cercare
le parole…" (Jean-Paul Sartre)

Ma perché sono venuto. Il mio VW Maggiolino del 1963 arranca su questa salitina prima del parcheggio. L’unica macchina da pezzente è la mia. Parcheggio tra una Porsche Carrera rossa fiammeggiante e una Jaguar verde prato da golf inglese. Neanche a dirlo, le altre macchine sono della stessa forza, tanto per capirci: Ferrari, Lamborghini, Mercedes SL, Saab cabrio, Jeep altissime, ma per andare dove poi, alla Standa? e ancora Porsche a pioggia. Comunque il mio VW Maggiolino bianco rugginoso è senza dubbio l’auto che si nota di più, tanto per capirci, come uno stronzo sopra una torta di panna.
Questa casa è immensa. Io comunque non dovrei più farmi vedere a questi party. È che bevo sempre troppo e poi mi sento male. Non è che non reggo l’alcool, questo non si può dire, è che ho un limite oltre il quale non dovrei andare. Diciamo che il mio limite è dieci bicchieri, cioè è un esempio, solo per inquadrare la situazione, dicevo? ah si, il mio limite è dieci bicchieri, fin li’va tutto bene, sono solo un po’ più allegro del solito, disinvolto, disinibito, ma basta che beva l’undicesimo bicchiere per rovinare tutto: mi intristisco, mi scendono dei lacrimoni cosi’, mi deprimo all’orlo del suicidio. Beh, una volta, dopo l’undicesimo bicchiere, ma forse i bicchieri saranno stati di più, comunque ero a casa di questo pittore portoghese, e questo tizio aveva un sacco di armi sotto vetro, tutte cariche e ben lubrificate, me lo aveva assicurato lui; per farla breve mi sono impossessato di una Colt 45 e ho tentato di spararmi: la mia mano tremava talmente che ho colpito un altissimo orso bruno imbalsamato. L’orso era come incazzato, come a dirmi ‘Se non posso stare tranquillo neanche qui!’.
Questa casa è veramente grande. Non riesco più a trovare mia moglie, ma quello che mi scoccia di più e che non riesco a trovare il bagno. ‘Nel corridoio, una porta nera sulla destra’ mi ha detto qualcuno. Beh, è una parola. Questo corridoio è lunghissimo e c’è una porta nera sulla destra ogni quattro metri. Ne ho già aperte tre, ma del bagno non c’è traccia.
Apro la porta numero quattro, l’ennesima camera da letto vuota. Richiudo la porta e passo a quella dopo.
Ha dei bei quadri questo Maurizio Consolo, il padrone di casa, è un dentista: i dentisti fondamentalmente sono come i becchini, si arricchiscono sul dolore altrui. La mia non vuole essere una critica, o qualcosa del genere, è solo una constatazione di fatto, tutto qui.
Tipo questo quadro enorme alla mia sinistra: io di Andy Warhol non posso neanche permettermi di comprare un poster. Mio padre me lo diceva sempre ‘Che te ne fai di una laurea in filosofia?’. Beh, lui era un chirurgo, uno di quelli in gamba, sempre in ospedale, votato al lavoro, uno di quelli dalle mani d’oro, la gente aspettava anche un anno pur di farsi operare da lui: è morto di infarto a cinquantacinque anni mentre asportava una appendicite.
Apro un’altra porta nera. Mi ritrovo in una specie di studio-biblioteca. I libri arrivano fin sotto il soffitto. Me lo avevano detto che questo Maurizio Consolo era un gran lettore. È una stanza di lettura, ecco che cos’è: oltre ai libri c’è una scrivania di legno scuro, penso noce, e una poltrona di cuoio altrettanto scuro. Non c’è nient’altro. I libri sono disposti in ordine alfabetico e per nazioni. Allora, questa è la Francia: con la ‘a’ non c’è nessuno, infatti il primo è Balzac, seguito da Baudelaire, Beckett, Breton, Celine, Gide, Proust, e cosi’ via fino a Valery. Questa qui invece è la letteratura italiana: parte da Ariosto, Boccaccio, Cavalcanti, prendendo nel mucchio c’è Calvino, Cellini, De Amicis, De Carlo, Del Giudice, Fenoglio, Foscolo, Goldoni, Gadda, Leopardi, Levi, Manzoni, Morante, Pirandello, Sciascia, Svevo, Tabucchi, dopo il Tasso c’è Alessandro Telamo, che poi sono io. Sulla parete di fianco c’è la letteratura americana: Anderson, Bellow, Bukowski, Carver, James, Fitzgerald, Hemingway, London, Miller, Salinger, Twain e tanti altri. E poi la letteratura tedesca, inglese, russa, spagnola e ibero-americana, portoghese, con tutto il Pessoa possibile e immaginabile, brasiliana, canadese, cecoslovacca, giapponese, con una infinita’ di Kawabata e Mishima, greca, indiana, nordiche, con una bella edizione delle ‘Fiabe’ di Andersen, irlandese, olandese, polacca, rumena, africana e cosi’ via.
Ritorno ad Alessandro Telamo, il mio libro, tiro fuori il volume, lo sfoglio, c’è una mia dedica che dice ‘A Maurizio con amicizia e stima’, non è che mi sforzo molto nelle dediche. Forse il vero problema è che non mi sforzo più di tanto in nessuna cosa.
Sulla scrivania c’è una bottiglia di whisky e quattro bicchieri. Ne riempio uno a meta’ e lo sorseggio lentamente. Poso il mio libro ‘La notte e le sue stellè e ne prendo uno di Bukowski ‘Compagno di sbronzè. Leggo un racconto brevissimo, finisco il mio whisky e ritorno alla ricerca del bagno. Mi viene l’impulso irrefrenabile di pisciare sopra tutti questi libri, anche il mio, specialmente il mio, ma lo trattengo, me ne vado.
Apro quest’altra porta nera. È una camera da letto. È occupata da questi due tipi che scopano. Sto per andarmene, quando da quel groviglio di membra umane, appare il volto di mia moglie. Ci guardiamo. ‘Lui’, che è sopra di lei e ha due spalle cosi’, non si è accorto della mia entrata, e continua a fottere come nulla fosse, lei continua a guardarmi, ma adesso sta venendo, stringe forte la montagna che ha sopra di lei e sospira forte, chiude gli occhi e anche ‘lui’ ansima rumorosamente, lei spalanca la bocca dal piacere, io richiudo la porta.
La porta dopo è quella del bagno. Entro e chiudo con due giri di chiave. Mi avvicino al lavandino, mi tolgo gli occhiali, osservo la mia immagine riflessa nello specchio, apro l’acqua e vomito. Mi sciacquo la faccia, la bocca, gli occhi, mi bagno i capelli. Finalmente piscio.
Apro la finestra e butto un occhio verso la piscina, verso il rumore del party, dove la gente beve, mangia, fuma, parla, fa il bagno, si annoia, si diverte, pensa di scopare con la moglie di qualcun altro, magari con la moglie di uno scrittore squattrinato, che non dovrebbe mai bere più di dieci bicchieri, che dovrebbe smetterla di andare a questi party del cazzo, che dovrebbe scrivere qualcosa se vuole essere considerato uno scrittore. Che poi uno è scrittore perché ha scritto qualcosa o perché’ sta scrivendo qualcosa? Cioè, che cosa vuol dire essere uno scrittore? Forse leggere una novella di Bukowski mentre una montagna di muscoli ti fotte la moglie nella stanza accanto? O pisciare sopra un mucchio di libri? O vomitare senza ritegno? O sparare ad un orso imbalsamato tentando di sparare a se stessi? Forse essere uno scrittore non vuole dire niente, nel senso che aveva ragione mio padre quando diceva di iscrivermi a medicina e non a filosofia, che poi l’università non centra un cazzo col fatto che scrivo, cioè io avrei potuto benissimo studiare economia, o ancora meglio avrei potuto studiare niente, e il risultato sarebbe lo stesso.
Apro la porta del bagno e nel corridoio, di fronte a me, c’è mia moglie. Si riassetta la gonna, bianca, molto lunga. Mi guarda con i suoi occhi verdi spalancati, respirando lentamente col naso. Io me la vedo ancora a letto con quel tizio, la bocca spalancata dal piacere. Rientro in bagno e chiudo la porta a chiave. Corro al lavandino e vomito ancora. Il problema è che non ho più niente da vomitare: vomito l’anima e sto male come un cane lebbroso.
Mia moglie bussa alla porta, dice qualcosa ma non riesco a sentirla, forse non voglio sentirla, non ha importanza, il risultato è il medesimo. Mi siedo sul water e chiudo gli occhi per un attimo, copro le orecchie con le mani.
Mia moglie smette di bussare, di parlare, magari di esistere. Allontano le mani dalle orecchie: si sente il vociare alla piscina e niente altro. Mi avvicino alla porta del bagno, ma poi cambio idea ed esco dalla finestra.
Raggiungo il gruppo rumoroso della piscina, bevo un bicchiere di una cosa rossastra, ne bevo un altro e un altro ancora.
“Tutto bene?” mi chiede Maurizio Consolo, il padrone di casa.
Io sorrido annuendo in progressione, come se fosse vero che va tutto bene.
“Tua moglie è sempre bellissima” afferma lui guardandosi intorno, in cerca di conferme.
“Si, bellissima” dico perdendo il sorriso, e forse per sempre.
“Un giorno o l’altro devo farti vedere la mia biblioteca” dice Maurizio appoggiandomi una mano alla spalla destra.
“Si, mi farebbe piacere” dico pensando a Bukowski.

© Roberto Saporito



Recensioni ed articoli relativi a Roberto Saporito

Nessun record trovato

Testi di Roberto Saporito pubblicati su Progetto Babele

(1) Pensando a Bukowski di Roberto Saporito - RACCONTO
(2) Beat di Roberto Saporito - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2006-02-28
VISITE: 16446


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.