Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [17/06/2024] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    “Eridanos” scadenza 2024-06-23    Il Premio Città di Como scadenza 2024-06-30    Seven Live 2024 scadenza 2024-06-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    NIPPOMANIA - Giappone: dai samurai ai manga. (PRESENTAZIONE 2024-06-22)     ATTRAVERSAMENTI MULTIPLI 2024 - danza_teatro_musica_site specific_nella natura urbana (SPETTACOLO_TEATRALE 2024-06-29)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Praga poesia che scompare di Milan Kundera     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Uno sguardo all’Open studio presso la Casa degli Artisti di Milano di Cecilia Del Gatto Di Riccardo Renzi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
15 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
4eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
17novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

In stazione
di Subhaga Gaetano Failla
Pubblicato su PB20


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 14833
Media 79.63%



In stazione

L'anziana donna mi offrì una bottiglietta d'acqua.
"Prendete, prendete. È acqua naturale, di fonte. Non è stata aperta. Prendete," disse la donna, con molta gentilezza. Mi dava del voi, come si usava ancora nel Sud.
Io aspettavo un treno, già in ritardo, e nell'attesa leggevo un racconto di Robert Sheckley. Mi ero rifugiato a sedere su una panchina all'ombra, nella piccola stazione quasi deserta, abbagliata dal sole cocente d'agosto. Nella stazione aspettavamo il treno invano in tre: io, l'anziana signora e un'altra donna accanto a lei, forse sua figlia.
Rifiutai dapprima l'offerta dell'acqua, poi, cedetti alla cortese insistenza della donna e presi, ringraziando più volte, la bottiglietta di plastica scura.
Guardai il mio orologio da polso: quasi le tredici. Venti minuti di ritardo, senza nemmeno un annuncio dall'altoparlante della stazione sul destino di quel treno. Bevvi un sorso dalla bottiglietta. Proprio buona quell'acqua. Guardai le due donne sedute sulla panchina a pochi metri da me e accennai un sorriso verso di loro.
Mi addentrai di nuovo nelle vicende narrate da Sheckley. Ma poche righe dopo un gran frastuono portò d'un lampo la mia attenzione dalle pagine accoglienti del libro alla parte di cielo azzurro di fronte a me. 
Un enorme aereo era rimasto sospeso, immobile, a un centinaio di metri da terra, con grande sforzo e clamore di motori sbuffanti, e proiettava verso un quartiere della città, notoriamente popolato da gruppi di ribelli, la sua enorme e lunghissima protuberanza cava di metallo. Lessi, senza alcuna sorpresa, la scritta rossa sull'aereo: FREEDOM. Sapevo bene - e lo sapevano tutti - cosa stava accadendo. Le forze governative stavano intervenendo per portare la libertà anche in quella zona della città. Ma la libertà, dicevano quelli del governo, aveva un prezzo, e si comprendeva bene qual era questo prezzo dalle immagini più volte trasmesse in televisione.
L'aeroplano ritirò nel suo corpo l'inquietante proboscide metallica, e in un paio di guizzi, nel fragore e nel fumo, scomparve d'un tratto, così come era apparso, portando in qualche luogo sconosciuto il suo carico di ribelli di fresca raccolta. Rimase ad aleggiare in cielo per pochi secondi qualche nuvoletta di vapore di scarico dei motori, e il puzzo di carburante bruciato fu portato nella mia direzione dalla brezza estiva.
Ritornai alla lettura del racconto. Venni però interrotto questa volta dalle parole della donna, pronunciate ad alta voce, rivolte quasi a sé stessa - sembrava un antico e possente lamento.
"Quanti uomini e quante donne avrà risucchiato la lunga bocca dell'aereo, della Belva... Avete visto in televisione quelle persone dopo?"
La vecchia donna non attese la mia risposta. Continuò con voce drammatica.
"Hanno gli occhi sbarrati e il viso pallidissimo. Sembrano creature dissanguate, e forse, secondo alcuni, lo sono davvero. Questa è la libertà che ci portano per il nostro bene, dicono. Mio figlio..." e la frase si ruppe in gola.
Mi guardò che sembrava piangere, poi piegò il capo sul petto, come addormentata. La giovane al suo fianco manteneva una espressione lontana.
Non volevo affrontare quello spiacevole e pericoloso argomento. C'erano spie ovunque. Avevo imparato a diffidare perfino d'una vecchia come quella. Ma talvolta pensavo che il veleno del sospetto, diffusosi profondamente, era un danno ancor maggiore, se paragonato alla violenza compiuta dai governativi. E dunque, forse, bisognava proteggere la fiducia - nell'uomo, nella vita intera - pur rischiando di incappare in qualche nemico ben mimetizzato.
Tuttavia la cautela mi spinse in quel momento a cambiare discorso. Volevo attendere il rivelarsi di qualche indizio in più. Osservai l'ondeggiare lieve del ramo d'un salice, oltre la staccionata della stazione, oltre i binari, poi chiesi:
"Aspettate anche voi il treno delle dodici e quaranta?"
L'anziana donna sembrò non aver sentito la domanda, e proseguì il suo lamento.
"Mio figlio è rinchiuso in una prigione ignota da più di due mesi. Ho chiesto sue notizie, moltissime volte, ai funzionari militari. Mi hanno detto di non preoccuparmi. Mio figlio, dicono, è un ribelle, e ha bisogno di cure. Tornerà un giorno a casa, guarito. Mi hanno rassicurato con queste parole... Ma io so, se riuscirò a rivedere mio figlio, in che condizioni tornerà a casa. Esangue, simile a un morto, simile a una persona a cui abbiano succhiato il sangue. E se è vero quel che scrivono alcuni ribelli sui loro fogli clandestini? Mio figlio è un ragazzo buono e generoso. Non può finire così..."
Un singhiozzo spezzò l'ultima sua parola. Poi, vidi la lacrima che la donna non seppe o non volle nascondere. Scendeva lentamente sul suo viso, oltrepassando a fatica le profonde rughe. La lacrima era rossa, d'un rosso scuro. Una lacrima di sangue.
La vecchia donna non era certo una spia. Era una aiutante. Chissà come, aveva riconosciuto in me, scoprendo la verità, un ribelle, e si era a me rivelata.
Allora improvvisamente ricordai la bottiglietta d'acqua donatami dalla donna. E il mio gesto imprudente di berne un sorso, così, senza aver visto prima quel che avrei mandato giù, spinto forse da quella fiducia che ancora nutrivo verso gli uomini.
La bottiglietta era di plastica scura, opaca, e dall'esterno non si poteva vederne il contenuto. La presi con urgenza. Era deposta al mio fianco sulla panchina. La aprii, e vidi il colore del liquido all'interno. L'acqua era leggermente rosata. Una goccia di sangue era stata disciolta in essa dalla vecchia, dall'aiutante. 
Bevvi un altro sorso, chiudendo gli occhi. Infine, rivolgendomi alla donna, dissi:
"Grazie."
Affondai di nuovo lo sguardo nelle righe del racconto di Robert Sheckley intitolato The New Horla, ispirato alla famosa novella di Maupassant, e lessi il seguente brano:
"Mi aveva cicatrizzato la ferita. Che cos'era la sostanza appiccicosa che mi ci spruzzò sopra, se non un mezzo per fermare il flusso di sangue? Anche il dottore, quando finalmente riuscii a vederne uno il giorno dopo, mi chiese spiegazioni."
La stazione era silenziosa e assolata e il treno aveva ormai un ritardo di quasi un'ora.

© Subhaga Gaetano Failla





Recensioni ed articoli relativi a Subhaga Gaetano Failla

(0) Lo spirito della poesia di (a cura di Alessandro Ramberti) - RECENSIONE

Testi di Subhaga Gaetano Failla pubblicati su Progetto Babele

(1) In stazione di Subhaga Gaetano Failla - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB




-

dal 2008-10-04
VISITE: 32.915


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali