Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    [19/07/2019] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Profumi di Poesia scadenza 2019-07-21    Premio Svicolando scadenza 2019-07-29    UN MONTE DI POESIA scadenza 2019-07-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Shamans of digital era II edizione - festival dedicato alle commistioni tra musica elettronica di ricerca e arti audiovisive contemporanee in chiave performativa (EVENTO 2019-07-20)    Festival dello Scrittore - l format, o meglio l’idea base, rimane la stessa: mettere a confronto Autori che abbiano pubblicato un libro con il pubblico (EVENTO 2019-07-21)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.    Racconti     Ritorno al Moccagatta di Teodoro Lorenzo     La vita degli altri di Diana Facile     Speranza di Antonio Carnuccio     Passi di Marika Salonna     Un'anima di Lorena Curiman    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
23 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
2 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Polvere
di Mary Cesaro
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 6741
Media 79.83 %



È notte. L’oscurità cela le agili forme degli edifici avvolgendole. Le fievoli luci dei lampioni si infrangono sulle autovetture sfreccianti. L’oscurità induce a riflettere. L’oscurità è dedita alla meditazione. L’oscurità è il più delle volte abusata ed il suo valore intrinseco equivocato, nel momento in cui si manifesta l’intenzione di trascorrerla ininterrottamente all’insegna dell’eccesso, un eccesso con accezione negativa , poiché l’oscurità ha un valore sacro e inviolabile . L’oscurità, infatti, sancisce l’estrema unione tra due individui , un’unione che esterna tutto il proprio candore, un’unione che mette a tacere la libidine , un’unione che ammansisce i sensi degli amanti, un’unione silenziosa, eterna. L’oscurità rappresenta, in senso lato, la catarsi.

Da piccola temevo il buio, tremavo all’idea del manifestarsi del famigerato uomo nero, come tutti i bambini esortavo i miei genitori ad ispezionare ogni angolo della stanza, nel tentativo di stanarlo. Adesso il buio mi tranquillizza profondamente, sopraggiungo alla totale pace mentale azzerando, anche se momentaneamente, tutto ciò che mi circonda. Il buio stende una patina opaca sulla realtà, mi infonde sicurezza. Di contro, la realtà mi incute terrore. La realtà scorre frenetica. Il tempo passa avido, in nessun modo è possibile prendergli il passo, inseguirlo, giungergli alle calcagna e oltrepassarlo. Il futuro mi atterrisce. I progetti a lungo termine mi paralizzano. “Chi vuol esser lieto sia: di domani non c’è certezza”. Ed è proprio vero. Un palpitio di ragionamenti mi assale mentre fisso la superficie umida degli scogli.

Il mare è calmo, pur presentando qualche increspatura. La brezza blandisce i visi degli ormai insonnoliti passanti, lenisce i loro animi. Sfioro la sabbia con le mani. Raggiungo la riva. Inizio a frugare nelle tasche. Una monetina. Mi volto. Chiudo gli occhi. Abbandono le palpebre. Sorrido. Esprimerò un desiderio.

Voglio essere felice, felice tanto da venerare la mia immagine riflessa allo specchio , felice da non ambire ad altro che alla mia vita, felice al punto di parlare in terza persona di me stessa e tessere le mie lodi, senza essere etichettata come megalomane ed egocentrica : felice e “realizzata” allo stesso tempo . Voglio trovare un senso alla mia vita. Ogni uomo dotato di consapevolezza e sensibilità, ogni uomo che non interpreti la vita come un bene di consumo , un bene usa e getta, aspira a tale scoperta. Getto qualche centesimo. Vagheggio. Agli angoli del viale singolari artisti di strada adescano la mia attenzione. Giacciono in terra stremati e al seguito dell’ adempimento della propria opera, placati, tracannano birra.

 “ L’unico modo per essere felici è rendere felici gli altri.” Acuto pensiero imbrattato sul muro al fine di creare un rozzo “affresco”. Sono rapita. Vorrei testare la veridicità di tale teoria o meglio vorrei imbattermi nel mio “altro” , un altro che rispetti la mia persona , che sia fedele al vincolo che ci unisce, che mi rispecchi sia nel modo di pensare che nei comportamenti , che mi renda risoluta , che mi esorti ad affrontare la vita a cuor leggero.

Cos’ è la felicità? Un’illusione, una speranza, un’utopia? A tutt’oggi ritengo che la felicità consista essenzialmente nel cogliere un esiguo sorriso, mediante il prospettarsi di condizioni propizie. Forse è vero, bisogna produrre felicità prima di poterne consumare. La felicità è la ricompensa conseguente alla creazione di sorrisi gioiosi. La felicità assoluta purtroppo non regna nella mia realtà, probabilmente non mi è concesso sopraggiungere a tale stadio, per ora. Mi mantengo serena, dopo la tempesta che ha spazzato via ogni mia certezza. Sola, intenta ad osservare le polveri della devastazione.

Quell’incidente.  Via Mazzini traboccante di giovani assorti, incuranti del ferale evento che gli si presentava dinanzi. Ai presenti si palesò uno scenario straziante. In tal modo accorsero, mostrandosi compassionevoli, ma nessuno era in grado di comprende l’immane perdita. Due ragazzi e una moto erano adagiati in terra. Un uomo sulla quarantina, stravolto, occupava l’abitacolo di una  vettura rosso fiammante.

Una delle persone a me più care si spense davanti ai miei occhi increduli. L’infamia di quel caustico epilogo mi indusse alla fuga. Decisi di sostare in prossimità di una chiesa, facendo ritorno a casa avrei trascorso una notte insonne, interrogandomi sull’esatta dinamica dell’accaduto. “ Da Mario Capasso e Angelica De rosa” , perseveravo nel fissare quell’ incisione apposta su una delle panche della chiesa. Imperterrita. Il mio sguardo era rivolto verso il  crocifisso. Accrebbe l’angoscia.

Ritengo che alcune persone meritino di morire, è ben lungi da me il profondere del buonismo gratuito, che sfocia nel patetico. Chi ammazza , violenta e nuoce ad altre persone merita anche la condanna perpetua. Ma Federico? Lui meritava di vivere. Scoppiai in un pianto disperato. I fotogrammi del nostro ultimo incontro si susseguivano nella mia mente scacciando ogni altro pensiero.

Federico era un ragazzo raggiante a tratti ingenuo. Altruista nell’accollarsi sciagure altrui e non pretendere aiuto, nello sviscerare i problemi altrui e nel minimizzare i propri . Era voluttuosamente incline all’ascolto. Agiva nell’ombra come i migliori supereroi . Il nostro rapporto può essere equiparato al rapporto che intercorre tra comico e “spalla”, ecco, io ero la sua spalla. Era una persona “diversamente pensante”, un anticonformista. Nuotava contro corrente , senza far trasparire alcun senso di paura. Aveva delle idee e si affezionava ad esse. Le sue parole traboccavano di sottile ironia, la sua arma era l’aspro sarcasmo. Era un cane randagio : assicurava protezione in cambio di una tenera carezza, scodinzolando in segno di gratitudine. Amavamo ridere e scherzare insieme , ero la sua compagna goliardica, colei con la quale pianificava gli approcci con l’altro sesso. Era insicuro.

Appunto “era”. Purtroppo non mi mostrerò fiduciosa in un nostro ricongiungimento ultraterreno, la mia fede si assottiglia ogni giorno di più. Perdona il mio egoismo. Devo dirti addio. Tutto ciò che mi è familiare si dissolve e l’ignoto prende il sopravvento. Lascio che la vita mi scivoli addosso, inerme. “Non rimuginare anima fragile! ” - continuo a ripetermi - “Corri , combatti , non arretrare , non chinarti . Mai” .

© Mary Cesaro



Recensioni ed articoli relativi a Mary Cesaro

Nessun record trovato

Testi di Mary Cesaro pubblicati su Progetto Babele

(1) Polvere di Mary Cesaro - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2008-09-16
VISITE: 12029


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.