Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [14/11/2019] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Raccontami, o Musa... scadenza 2019-11-15    Nika Georgievna Turbina 1974 - 2002 scadenza 2019-11-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Flash back
di Valeria Biffi
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 0
Media 0 %



Bastano due gocce d’acqua e la tangenziale è immobile, statica, sembra rimarcare che saresti stata meglio nel tuo letto. Chiusa nella mia auto cerco di farmi un varco per prendere l’uscita ventidue. Rumore di pioggia, tergicristalli che sbattono, imprecazioni che fuoriescono dai finestrini, e dieci, venti impianti stereo che fanno da sottofondo, ognuno con una canzone diversa. Mi piace osservare la gente alla guida. C’è il signore composto, che non fa una smorfia, quello che alle 7 del mattino è già al telefono, chi fuma con aria assonnata, ma la cosa che mi diverte di più è guardare i guidatori mentre cantano. Sì perché appena c’è la nostra canzone preferita diventiamo tutti delle star internazionali, battiamo il tempo, cantiamo a squarcia gola, facciamo smorfie, gesti. Ignoriamo che i finestrini sono trasparenti. Io per prima. Il cruscotto è il mio palco personale. San Siro in due metri quadri.

Passo parecchio tempo in auto, preferisco spostarmi così. Sono più autonoma, più comoda, ed è come se fossi una tartaruga che si porta sempre con sé la sua casa. Piccola ma confortevole.  E per sentirsi a casa niente è meglio che un giusto sottofondo musicale, che rispecchi l’umore, il tempo, o la meta che dobbiamo raggiungere. Non c’è che da scegliere: chiavetta, cd, radio. Rock? Disco music ? le migliori hit dal ’70 ad oggi? Ogni giorno ogni momento posso ricreare un ambiente diverso, e perché no, una me diversa.

Oggi piove, è lunedì, e sono di pessimo umore. Ho selezionato le “Hole”. La voce graffiante di Courtney Love rispecchia il mio stato d’animo: arrabbiata, in lotta con il mondo intero, senza un motivo preciso, ma ogni scusa è buona per litigare con qualcuno e urlargli contro. Quando ti alzi con il piede sbagliato va così.

Guido ignorando diritti di precedenza, semafori, stop e rotatorie. Ho io la precedenza, punto.

Proseguo per la mia strada, decisa come un carro armato, suono, gesticolo, canto la mia rabbia.

Poi il l’arresto totale; il cartello luminoso dice che il traffico è bloccato causa incidente. Ok, respiro. Soluzione uno: prepararsi a portare molta pazienza, cosa che oggi non è nelle mie corde. Soluzione due: strada alternativa. Vada per la seconda.

Con qualche zig e zag riesco a tornare sulla provinciale, certo non è scorrevole, ma per lo meno non è ferma. Fai passare la nonna con il passeggino, ok, le signore che vanno al mercato e va bene, l’anziano fermo sulle strisce pedonali a guardare le nuvole, scusi? Può spostarsi per cortesia? Sa com’è, dovrei andare al lavoro.

Nel frattempo il mio cd “oggi lasciatemi stare” è terminato. Si inserisce la radio. Solo grandi successi dal novanta ad oggi, dice lo speaker.

Ferma ad un semaforo, partono le note di “don’t cry” dei Guns & Roses.. tuffo nel passato, accidenti, quanti anni sono passati? 20? 25? Eh si più o meno, avrò avuto 15 anni. Distrattamente guardo la fermata dell’autobus di fianco a me. E in quel momento lo vedo. Dubito un istante, guardo dall’altra parte ma poi mi rigiro e ne ho la sicurezza. E’ lui, il ragazzo a cui ho dato il mio primo bacio. Anche lui sembra avermi riconosciuto, o perlomeno mi guarda con aria di chi pensa “sta faccia mi dice qualcosa” e poi sorride. Intanto i Guns continuano a cantare “don’t you cry tonight …I’ll still love you babe” , Dio sembra passata un’eternità o forse era solo ieri?  Circa 20 anni , come la canzone, che in questo momento mi sembra una canzone lontana, una musica d’altri tempi, si perché  solo per la durata della canzone vengo catapultata in un altro tempo. Un tempo in cui ero una teenager, un tempo in cui un suo sguardo mi riempiva la giornata, un tempo in cui noi eravamo diversi, un tempo travagliato, conflittuale, pieno di entusiasmo e di paure come ogni adolescenza deve essere, un tempo che ora mi pare bellissimo.

E’ verde, probabilmente già da qualche nano secondo perché l’Opel corsa dietro di me inizia a suonare, metto la prima e vado avanti, ma con la coda dell’occhio continuo a guardare quel quindicenne travestito da quasi quarantenne alla fermata, sorrido compiaciuta, mentre la canzone è alle note finali. Vorrei risentirla all’infinito per non perdere questa sensazione che non so definire, un mix tra nostalgia e gioia di ciò che è  stato. Ma inizia subito un grande successo dell’estate appena passata, e anch’io, con estrema velocità torno ai giorni nostri e comincio a cantare.  Giornata svoltata, ed è bastato il tempo di una canzone.

© Valeria Biffi



Recensioni ed articoli relativi a Valeria Biffi

Nessun record trovato

Testi di Valeria Biffi pubblicati su Progetto Babele

(1) Flash back di Valeria Biffi - RACCONTO
(2) Io non dormo sola di Valeria Biffi - RACCONTO
(3) l'ultima corsa di Valeria Biffi - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2015-01-13
VISITE: 52


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.