Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    Il foglio letterario. PROGRAMMA 23 Maggio – 11 Giugno (23/05/2023)    [15/04/2024] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Il Miglior Racconto Fantastico scadenza 2024-04-15    Concorso Letterario Thriller Café scadenza 2024-04-28    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Orizzonti d'Arte - Bi-Personale delle Artiste Giuliana Griselli e Maria Pia Mucci (EVENTO 2024-04-27)    Padova, al via l’Aperyshow: attese centomila presenze per il charity event - L’evento di solidarietà più famoso d’Italia torna dal 24 al 28 aprile con un’edizione spettacolare ad Arsego, nel Padovano: oltre 300 artisti nazional (EVENTO 2024-04-28)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Rasella: storia di una bomba di Chiara Castagna    La famiglia Manzoni di Natalia Ginzburg     Prossimità e lontananza di Elio Scarciglia    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Il paese invisibile e il passo per inventarlo di Roberto Marcòni: un percorso attraverso lo spirito del paesaggio     Ardengo Soffici e il Fascismo     Ezra Pound: una breve nota     La poesia patriottica nel Romanticismo italiano     L’immanenza dell’incarnazione nella poesia di Mario Luzi    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
14 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
7 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
26 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Mi hanno chiamato Egidio
di Iacopo Barison
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 11571
Media 79.95%



Mi hanno chiamato Egidio. E secondo me è colpa del nome, è colpa del nome se in trentasette anni e dieci mesi non ho mai combinato nulla. Cos’ho fatto, alla fine? Nulla, proprio nulla. Sì, ho imparato a fare bene gli spaghetti, con l’aglio la cipolla il pomodoro e una mezza carota tagliata, ma a parte questo non ho mai combinato nulla. E adesso fa pure freddo, su questa panchina del parco, e tra poco magari arrivano anche i tossici, e vorrei proprio che uno di loro mi uccidesse per prendermi i dodici euro che ho in tasca, che tanto non è che abbia qualcosa da fare o da recriminare, non saprei proprio che farmene di un altro po’ di vita. Guardo le piante e almeno loro hanno uno scopo, tutti i giorni sanno cosa devono fare, rilasciano ossigeno e intanto si nutrono, vedi che la fotosintesi gli da uno scopo ben preciso a queste cazzo di piante, ogni giorno sanno cosa devono fare. Io non l’ho mai saputo cosa dovevo fare, anche se certe cose poi le ho fatte, come prendere una laurea in antropologia che nessuno l’ha ancora capito a cosa serve una laurea del genere, forse puoi insegnare o girare il mondo, ma io non ho mai insegnato né girato il mondo, e quindi sono qua seduto su una panchina, e ho trentasette anni e mi chiamo Egidio. Vivo ancora con mia mamma che tra un po’ muore, e mio padre è già morto da un pezzo, e mangio ancora i sofficini quando dovrei mangiare fagiolini o pomodori perché fanno bene, perché prevengono le malattie, ma almeno se mi ammalassi saprei cosa devo fare, dovrei curarmi, perché qualcuno ha detto che quando sei malato devi curarti, non puoi stare lì a non fare niente, ad aspettare che la malattia ti risucchi. Mi alzo dalla panchina perché non voglio vedere nessun tossico con gli occhi a spillo, così comincio a camminare e ad abbottonarmi il giubbotto, un bottone alla volta, i bottoni di questo giubbotto che mi ha regalato Sandra, la mia vecchia ragazza, anche se poi non c’è mai stata una nuova ragazza, e passo davanti a un fast-food che a vederlo da fuori mi fa venire fame. Allora entro nel fast-food e il caldo che c’è dentro è proprio rassicurante, devo addirittura levarmi il giubbotto che mi ha regalato Sandra, e scopro che la cassiera mi ricorda un po’ lei, la mia vecchia ragazza, forse perché la faccia è simile o il taglio di capelli è lo stesso. Chiedo a Sandra di darmi un hamburger e lei grida a qualcun altro, qualcun altro che sta in cucina, di portare un hamburger che ne ha bisogno subito, e poi l’hamburger arriva e io mi vado a sedere da qualche parte. Mi siedo vicino a un ragazzo e una ragazza che non parlano molto, stanno zitti davanti ai loro panini e si guardano negli occhi, secondo me sono innamorati, perché a diciassette/diciotto anni è più facile essere innamorati. Io penso a quando avevo diciassette/diciotto anni e stavo con quella ragazza là, quella ragazza che forse si chiamava Francesca, e le dicevo un sacco di cose tipo che la sposavo e facevamo dei figli, ma poi alla fine lei mi ha mollato per uno che andava in palestra tre volte alla settimana, tutte le settimane, anche la settimana di Capodanno. Poi penso a mio nonno Eusebio e a mia nonna Graziella, che adesso sono morti tutti e due ma una volta erano vivi, e si erano sposati quando erano ancora vergini, quand’erano fidanzati solo da un mese, e tutti e due non s’erano mai fidanzati prima di allora. E se anche io avessi fatto così, come mio nonno Eusebio e mia nonna Graziella, forse adesso non sarei qui a mangiare un hamburger, forse sarei sposato con Francesca, sarei in qualche bella casa a guardare la televisione, e Francesca mi chiederebbe com’è andata a lavoro, e parlerebbe sottovoce perché nostro figlio s’è addormentato sul divano, e con questi bei pensieri finisco di mangiare l’hamburger...

© Iacopo Barison





Recensioni ed articoli relativi a Iacopo Barison

Nessun record trovato

Testi di Iacopo Barison pubblicati su Progetto Babele

(1) Mi hanno chiamato Egidio di Iacopo Barison - RACCONTO
(2) Interview di Iacopo Barison - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB




-

dal 2009-10-14
VISITE: 24.125


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali