Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    Debutta in libreria FVE editori - Dal 3 dicembre, una nuova casa editrice in tempi di lockdown (09/12/2020)    Neil Gaiman: Storie Perdute (Prorogato al 31 Dicembre) (09/12/2020)    Online l'INTERA rivista del Foglio Letterario di settembre! (05/10/2020)    [28/01/2021] 7 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Parole e Poesia scadenza 2021-01-30    12 CONCORSO LETTERARIO CITTA DI GROTTAMMARE scadenza 2021-01-31    BANDO CONCORSO LETTERARIO PER SCRITTORI E POETI EMERGENTI scadenza 2021-01-31    "Romanzi con le ali" scadenza 2021-01-31    Premio InediTO-Colline di Torino scadenza 2021-01-31    88.88 scadenza 2021-02-08    Università Popolare Città di Spinea scadenza 2021-02-10    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Edizione Speciale Online per Il Mitreo - CORVIALE URBAN LAB (EVENTO 2021-01-31)    AUDIOLIBRI     Le tigri di Mompracem - Capitolo 1 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Arrivederci Platone di Daniele Mancuso letto da Voce Robotica Youdao     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 06 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Rintocchi di clessidra di Alessandro Del Gaudio     Volevo essere un supereroe della Marvel – vol. 1 di Matsuteia ed E.T.A. Egeskov     Undici Metri - Storie di rigore di Cristian Vitali e Maurizio Targa     La fata nel vento e altri racconti in rosso di Francesca Montomoli     Raúl Castro di Domenico Vecchioni    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Feijoo y su lector en la telaraña del duelo     La vera letteratura non è un placebo      L'incendio nell'oliveto     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale    Racconti     Il mostro di Cinzia Baldini     Il vecchio e la piccola Teresina di Manny Mahmoud     Mani di Fata di Jacob Von bergstein     Giorno Quarto di Consolato Mercuri     Giorno Quinto di Consolato Mercuri    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Secolo grottesco di Luca Baratta     Un giorno allo Stibbert di Luca Baratta     Profondità d’autunno di Gabriela Verban     Sette poemi di Mervyn Taylor, tradotti da Susana H. Case di Susana H. Case     Dresda 2006 di Luca Baratta    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
33 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
35 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Il buio e la colomba
di Aldo Selleri
Pubblicato su SITO


Anno 2004 - Lampi di Stampa
Prezzo € 16 - 319 pp.
ISBN 2147483647

Una recensione di Clara Zangrandi
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 6303
Media 79.38 %



buio e la colomba;Il

Basta sfogliare Il buio e la colomba per entrare in contatto con un intero universo: quello che l’autore identifica col “presente remoto”, come evidenziato nel sottotitolo.
La narrazione di Selleri non può certo dirsi rilassante, anzi, più spesso lascia perfino sgomenti; eppure è trascinante, davvero coinvolgente.
Il libro è popolato da uomini in giacca e cravatta, giovani schiavi ai semafori, ragazzi di strada, impasticcati e ladruncoli per necessità, prostitute; amanti gelosi, amanti assassini, amanti assassinati. Gli ambienti sono fra i più diversi: i motel, i quartieri residenziali, i cantieri abbandonati, la metropolitana, l’aperta campagna. Ai racconti di Selleri ben si adatta una definizione che appartiene a Flannery O’ Connor: “Un racconto implica sempre, in forma drammatica, il mistero della personalità”. Quasi tutti i personaggi, sia quelli solo abbozzati, sia quelli meglio descritti, paiono avvolti in un alone di mistero. Sono tutti caratterizzati da una solitudine che non è puramente e solo fisica, ma che sembra appartenere più all’anima che al corpo; una solitudine che sovente si traduce nella mancanza di una qualsiasi forma di moralità.
Il sangue scorre a fiumi, imbrattando gli eleganti divani di lindi appartamenti borghesi, le anonime stanze d’albergo, il sudicio asfalto delle tante periferie che incombono sulle metropoli.
Si resta impotenti di fronte a tanta efferatezza; passando da una storia all’altra (una sequenza simile a quella di tanti cortometraggi) si prova talora un senso di smarrimento, sebbene, dei fatti narrati, si possa solo restare increduli testimoni.
La morte è spesso preceduta dal sesso, se non addirittura a questo inesorabilmente collegata. D’altra parte, se il trapasso non avviene in modo violento, esso è in ogni caso indotto da una vita d’eccessi o da speranze andate irrimediabilmente deluse.
L’autore è senz’altro dotato di grande padronanza linguistica, e non solo perché spazia fra i vari dialetti, la parlata gergale e quella colta, ma soprattutto perché riesce ad interpretare, efficacemente, i singoli punti di vista del variegato mondo che rappresenta.
Ad esempio: la maestria dello scrittore raggiunge il suo apice dove riesce a rendere convincente finanche il pensiero estetico di una … tazza di porcellana.
Ne La padrona, infatti, il commento del dramma che si sta consumando è affidato all’oggetto che si trova riposto in una credenza, e che funge, suo malgrado, da spettatore; beffardamente, per altri protagonisti (più) “umani” del libro, non si può vantare lo stesso raziocinio, come nel caso di Con la luna o senza la luna, Signor tenente.
Oppure si pensi alle voci che descrivono il cantiere abbandonato – nel quale hanno trovato rifugio – e che appartengono a creature fra loro del tutto dissimili; due cani randagi ed una ragazzina che, per sopravvivere, è costretta a prostituirsi.
In altri racconti, invece, il segnale di una lucida follia, o dell’effetto distruggente della droga, è dato dall’incalzante ed ipnotico ripetersi d’alcune esclamazioni (Il merlo d’Augusta, La bella morte); fatta eccezione per Memoria esaurita, nel quale il riproporsi dell’identica frase costituisce il fulcro della narrazione stessa.
Resta al lettore il compito di interrogarsi sulla realtà che gli si mostra: essa è aderente alla nostra quotidianità, oppure è un poco romanzata?
Su di un importante particolare, ad ogni modo, io credo, si può essere concordi: Il buio e la colomba è una raccolta di bellissimi racconti.


Una recensione di Clara Zangrandi






Recensioni ed articoli relativi a Aldo Selleri

(1) Il buio e la colomba di Aldo Selleri - RECENSIONE

Testi di Aldo Selleri pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Clara Zangrandi

(1) La sottile linea scura di Joe Landsdale - RECENSIONE


 

Altre recensioni:






-

dal 2006-05-11
VISITE: 11560


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali