Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    Il foglio letterario. PROGRAMMA 23 Maggio – 11 Giugno (23/05/2023)    [18/04/2024] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Concorso Letterario Thriller Café scadenza 2024-04-28    Premio Drammaturgico Carlo Annoni scadenza 2024-04-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Orizzonti d'Arte - Bi-Personale delle Artiste Giuliana Griselli e Maria Pia Mucci (EVENTO 2024-04-27)    Padova, al via l’Aperyshow: attese centomila presenze per il charity event - L’evento di solidarietà più famoso d’Italia torna dal 24 al 28 aprile con un’edizione spettacolare ad Arsego, nel Padovano: oltre 300 artisti nazional (EVENTO 2024-04-28)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Rasella: storia di una bomba di Chiara Castagna    La famiglia Manzoni di Natalia Ginzburg     Prossimità e lontananza di Elio Scarciglia    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Il paese invisibile e il passo per inventarlo di Roberto Marcòni: un percorso attraverso lo spirito del paesaggio     Ardengo Soffici e il Fascismo     Ezra Pound: una breve nota     La poesia patriottica nel Romanticismo italiano     L’immanenza dell’incarnazione nella poesia di Mario Luzi    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
14 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
7 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
26 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

I giorni dell'abbandono
di Elena Ferrante


a cura di Paolo Durando

Editore: E/O
ISBN: 887641486X
213 pagine - euro 14


Questo romanzo è l'analisi di una vicenda di abbandono. La 38enne Olga, che da Napoli è approdata col marito, dopo anni vissuti all'estero, a Torino, ha investito la parte migliore di se stessa nella vita di famiglia, rinunciando anche ad avere un lavoro, pur conservando qualche aspirazione come scrittrice. Quando il marito Mario all'improvviso la lascia per una ventenne inizia il crollo di tutto un mondo. E' un'esperienza devastante, che obbliga Olga a riconsiderare ogni cosa, a vedere sotto un'ottica diversa i tanti anni di matrimonio più o meno felice. Si ritrova ad un grado zero della sua vita, in cui tutto deve passare sotto il setaccio di una nuova consapevolezza. Si riduce all'ombra di se stessa, attraversa un giorno dopo l'altro trasformata nel profondo : parla sboccato - e non l'aveva mai fatto -, è aggressiva, diventa infrequentabile.
"Consumiamo e perdiamo la vita " leggiamo "…perché un tale, in tempi lontani, per voglia di scaricarci dentro il cazzo, è stato gentile, ci ha eletto tra le donne. Scambiamo per chissà quale cortesia rivolta solo a noi il banale desiderio di fottere. Amiamo la sua voglia di chiavare, ne siamo così abbagliate da pensare che sia la voglia di chiavare proprio noi, soltanto con noi."
Il cane Otto, tanto amato da Mario, le è di peso e le sembrano talvolta inquietantemente estranei anche i figli Ilaria e Gianni, che rappresentano l'intimità perduta con un uomo che dava senso e sostanza al suo vivere. Una volta incontra casualmente Mario e la sua amante, che porta i suoi orecchini, che erano stati della nonna di lui. Questa prova della mancanza completa di sensibilità da parte del marito sconvolge Olga al punto che lo aggredisce, gli strappa la camicia, lo picchia di fronte allo sguardo sconcertato e forse divertito dei passanti. Del resto Olga, nonostante anni di autocontrollo, conserva la "napoletanità" delle origini. Una notte d'agosto, messi a letto i bambini, seduce il musicista del piano di sotto, il 53enne Carrano, per il quale non prova alcuna attrazione. Il mattino successivo rappresenta il fondo di questa esperienza, il punto di non ritorno. Qualcosa è esploso dentro di lei, passato e presente si confondono, è distratta, inefficiente, non riesce neppure ad aprire la nuova porta blindata e pensa di esser prigioniera in casa sua, assieme ai due figli. Gianni è malato mentre Ilaria cerca innocentemente e orgogliosamente un ruolo "adulto" che possa tamponare le falle materne. Il telefono non funziona e, come se non bastasse, il cane Otto muore, probabilmente avvelenato dalla stricnina. Qualcuno potrebbe averlo ucciso intenzionalmente, magari lo stesso Carrano, che non aveva simpatia per quel cane nè per il suo padrone, in quanto non rispettava il decoro delle parti comuni condominiali. Di fronte all'animale morto Olga prorompe in un pianto liberatore, che la restituisce a se stessa. Da quel momento inizia a risalire lentamente la china.
Romanzo eminentemente "femminile" sia per la scrittura che per l'argomento, costituisce un'occasione per osservare da vicino le dinamiche del perdere e ritrovare se stessi. La pagina è costituita di frasi brevi, incalzanti, che rendono la vicenda con l'immediatezza di un risentito impressionismo, registrando con grande acutezza introspettiva ogni moto dell'animo, gesto, elucubrazione. Un tema come quello del tradimento e dell'abbandono molto difficilmente viene scelto e approfondito da uno scrittore maschio, a meno che non si chiami Tolstoj, del quale nel romanzo viene infatti citato "Anna Karenina" (assieme ad una dovuta allusione a "una donna spezzata" di Simone de Beauvoir") . Ma Tolstoj non era solo un'eccezione: era uno scrittore dell'ottocento, quando il maschio rappresentava ancora l'universale e si sentiva autorizzato, avendone la capacità, a parlare anche in nome delle donne. Oggi non è più così, e gli scrittori si attengono maggiormente a tematiche loro più affini. . Non che gli uomini non soffrano dell'abbandono. Le cronache sono oggigiorno piene di mariti e fidanzati che non sopportano di essere stati lasciati e diventano assassini feroci. All'uomo manca la mediazione, la capacità e possibilità di elaborare il lutto, anche attraverso la parola. A farsi carico della comprensione e gestione delle emozioni, a scandagliare la vita quotidiana saranno piuttosto le donne, scrittrici o meno, in un esercizio di quell'autocoscienza che le distingue e, in un certo senso, le separa. Forse proprio qui sta il nocciolo della "differenza sessuale" , che, al di là dei dogmi e degli stereotipi di un passato millenario, alcune intellettuali, in particolare filosofe, hanno posto come questione fondamentale negli anni ottanta, da quando cioè si è concluso il ciclo di lotte del femminismo aggressivo, quello de "il personale è politico" . Se crediamo che la narrativa abbia anche lo scopo di avvicinarci ad una mai raggiungibile verità su noi stessi, sulla nostra presenza sul teatro del mondo, uomini e donne, sapremo apprezzare questo romanzo.
A cura di Paolo Durando (dado.d@libero.it)


>>Compra questo libro su Internet Book Shop (IBS)<<

 

VISITE: 7982


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali