Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    [13/08/2022] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Lembi di anima di Elisabetta Santirocchi     Sfida di Elisa Negri     Libero di Elisa Negri     Noi non ci bastiamo di Rosa Notarfrancesco     In punta di piedi di Paola Ceccotti    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
10 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
8 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Il Giustiziere del Malecon
di Gordiano Lup


Estratto dal primo capitolo

Un lungomare illuminato dalla luce della luna più che da fiochi lampioni corrosi dal salmastro si affaccia prepotente alla memoria.
Ricordo i passi delle nostre notti.
C'era anche Janet con me, da tempo aveva fatto la mia scelta.
La mia mente viaggia indietro nel tempo e accarezza ancora i sogni dell'infanzia. Però si ferma sempre su quella notte, quando tutto è cominciato. E soffre. Non può fare altro.
Perché non è possibile modificare ciò che è accaduto.
Vivian, la mia compagna di sempre, restò ad attenderci nei pressi del 1830, il cabaret proprio in fondo al Malecón, dove la lunga direttrice del lungomare forma una piccola baia. Io e Janet eravamo entrate nel locale in compagnia di due francesi, giovani e abbastanza carini. Non sarebbe stato un grosso sacrificio andarci a letto una volta tanto. Vivian rimase in attesa di altre occasioni. C'era il solito gruppo di ragazze insieme a lei. Non potevamo dirci amiche, però ci conoscevamo bene tra noi, anche se i rapporti non erano buoni con tutte. C'era sempre quella che faceva la sostenuta o che si sentiva più bella delle altre. Invidie e gelosie non mancavano, specialmente verso chi lavorava di più e aveva maggiori richieste. Bastava poco per metterci una contro l'altra. Un paio di scarpe più belle, un vestito firmato, un anello vistoso al dito. Però quando c'era bisogno sapevamo essere unite e ci davamo una mano. Tutte. Partendo dal Nacional ci spingevamo sino al 1830, in un chiacchiericcio intenso fatto di pettegolezzi. Sembravamo una squadra, amiche in cerca d'avventure per passare una serata diversa. Invece le nostre serate erano tutte uguali. Cominciavano sul Malecón o alla Cattedrale e terminavano in un'habitacion particular o in un grande albergo, tra falsi sorrisi e promesse d'amore che svanivano al risveglio.
Ricordo adesso un altro straniero che si era fermato a parlare con Vivian. Credo fosse un tedesco e scandiva le parole aspre di quella lingua che non riuscirò mai ad apprendere. La nostra amica sarebbe finita di sicuro a letto con lui. Era un individuo grande e grosso, con i capelli d'un biondo intenso tagliati molto corti. La cosa che mi colpì maggiormente furono le braccia, muscolose e forti. Pensai che avrebbe potuto spezzare il collo a un vitello se soltanto lo avesse voluto. Non era bello ma non si poteva pretendere troppo. Dollari sicuramente ne possedeva ed era questo l'essenziale. Ricordo che la salutai e le detti appuntamento sulla scogliera dopo lo spettacolo. Avremmo deciso insieme che fare con i rispettivi compagni. Poi fuggimmo via nella notte con le nostre conquiste, dirette verso la salsa del 1830 e il sapore del mare misto al sudore d'una notte di luglio. Non fu male la serata in compagnia dei due francesi, alti, biondi, dalla pelle bianchissima e dai modi carini. Sapevano anche ballare e da buoni europei preferivano il merengue.
Il merengue si apprende facilmente e il passo è sempre lo stesso, con qualche vueltas magari, ma è sempre quello.
Il difficile è muovere i fianchi, la cintura, il sedere, la vita.
E per un europeo è dura.
Uno dei ragazzi mi disse che ero brava e rimase incantato a lungo mentre mi muovevo a passo di salsa. Non c'era parte del mio corpo che restasse ferma e le gocce di sudore vibravano e cadevano dalla fronte sulla pelle abbronzata. Uscimmo dal 1830 stringendoci forte alle nostre conquiste. Dovevamo avvisare Vivian che non saremmo rientrate. Di sicuro lo aveva intuito ma l'accordo era preciso. Dovevamo vederci sul Malecón in direzione del Nacional, davanti alla scogliera.
Sarebbe andata via con il tedesco, mi dicevo. Non restava che salutarci.
Ridevamo, provando a pronunciare qualche parola di francese. Quello di fingere di voler apprendere la lingua dello straniero è un rituale che fa parte del copione di un incontro. Ogni buona jinetera lo sa, persino le ragazzine dilettanti che cercano solo un regalo o qualche dollaro e s'illudono per una promessa d'amore. Per noi professioniste è un dovere e sappiamo recitare bene la parte. Come se realmente ci importasse qualcosa. Come se fossimo veramente innamorate. Al turista piace, lo fa sentire importante e cade meglio nella rete. In realtà a noi basta conoscere l'essenziale, il vocabolario di base per fare il primo approccio, poi le parole non servono. Di solito non è fare conversazione quello che ci chiedono.
I ragazzi provavano a sillabare qualche frase in spagnolo con quella erre tipica dei francesi che li rendeva davvero buffi.
La nostra lingua è così ricca di suoni con la erre e loro strascicavano in modo divertente. Ridevamo di gusto e questa volta sincere. Non capitava spesso.
Fu davanti alla scogliera che smisi improvvisamente di ridere.
La luna era alta nel cielo e le stelle aiutavano le luci diffuse del Malecón a illuminare la zona. Non c'era più nessuno. Le ragazze erano tutte rientrate o avevano trovato compagnia. Le discoteche cominciavano a chiudere e gli stranieri tornavano a casa.
Vivian non lo avrebbe fatto.
Fui la prima a vederla.
Poi la vide anche Janet.
Uno dei ragazzi vomitò sul parapetto del lungomare.
L'altro cominciò a gridare.
Era Vivian, mio Dio. Era proprio Vivian.
La luna rifletteva nel mare antichi ricordi e la pelle nera della nostra amica brillava con il colore del suo sangue.
Vivian era sulla scogliera immobile, con le mani aperte a forma di croce e le gambe rigide, fronte alle stelle, a quelle stelle che tante volte le avevano insegnato il cammino. Dal collo partiva uno squarcio profondo. Un coltello, forse. Un machete. Adesso ricordo con precisione che la vidi così e che non trovai neppure la forza di piangere tanto ero terrorizzata.
Era divisa in due parti uguali, dalla gola alla vulva.
Cani randagi affamati si cibavano delle interiora.
Il sangue era una pozza che accoglieva un corpo privo di vita. L'avevano uccisa, scannata con odio e violenza.
Non ce la feci neppure ad avvicinarmi. Strinsi le mani di Janet e l'abbracciai forte. Lei piangeva, singhiozzava parole che non comprendevo. Arrivarono altre ragazze, non so da dove né come avessero saputo. Forse le nostre grida di terrore ne avevano attirato l'attenzione oppure qualche passante aveva fatto correre la voce. Intorno a me gente che gridava e piangeva. Io non sapevo che fare, che dire. Vivian era la mia compagna, l'amica di queste notti d'avventura. Rammento la polizia di Fidel, con quelle uniformi logore e stinte, che cercava di riportare la calma. Una sirena nella notte spazzò via parole che correvano incontro alla luna. Non andammo con i francesi. Non era proprio il caso.
Loro almeno potevano scappare e non pensarci più.
La storia non li riguardava. Si erano trovati sulla scena d'un delitto ma le loro vite correvano altrove. C'erano sempre un aereo e un ritorno.
Per noi no. Per noi era diverso.
Dovevamo continuare a farci i conti con questa vita.
Perché era l'unica vita possibile. E Vivian non c'era più.
Qualcuno aveva portato via il suo sorriso sugli scogli del Malecón, proprio dove da bambina aveva giocato a tuffarsi mentre il padre pescava.
Era solo una negretta dell'Avana Vecchia che sfidava la vita per sopravvivere. Non aveva fatto del male a nessuno.
E non l'avremmo più vista.
Di lei restava solo il ricordo d'un corpo straziato, crocefisso a una vecchia scogliera.

(...CONTINUA...)
Gordiano Lupi

Questo libro può essere ordinato direttamente a:
ilfoglio@infol.it

www.ilfoglioletterario.it

oppure

>>Compra questo libro su Internet Book Shop (IBS)<<

 

VISITE: 4813

Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali