Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    [05/10/2022] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Letterario Nazionale Streghe Vampiri & Co. scadenza 2022-10-15    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Lembi di anima di Elisabetta Santirocchi     Sfida di Elisa Negri     Libero di Elisa Negri     Noi non ci bastiamo di Rosa Notarfrancesco     In punta di piedi di Paola Ceccotti    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
9 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
7 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Elementi di fantascienza nella narrativa di
ADA GOBETTI (1902-1968)

di Anselmo Roveda (da Visioni da un futuro circolare)


1. Ada Gobetti e la letteratura

Ada Gobetti (Torino, 1902-1968) è nota, pur in questo periodo di rimozioni e revisionismi storici, per il contributo fondamentale dato alla vita politica e sociale dell'Italia democratica.
Giovane sposa di Piero Gobetti, corrispondente di Benedetto Croce, intelettuale antifascista, organizzatrice del Partito d'Azione e delle brigate di Giustizia e Libertà durante la Resistenza, vicesindaco di Torino, animatrice di iniziative sociali. Pubblicista colta e instancabile, condirettrice della rivista "L'educazione democratica", fondatrice del mensile "Il Giornale di Genitori" - tra i collaboratori Rodari, autrice di volumi e contributi sull'educazione, la genitorialità e la letteratura. Ed è proprio la letteratura uno degli ambiti più misconosciuti della vita di Ada Gobetti, sebbene fosse stato per molto tempo l'ambito privilegiato, sfera iniziale e prevalente dei suoi interesi e della sua formazione. Poco più che adolescente la troviamo attiva traduttrice dal russo. Con il marito Piero cura la pubblicazione delle novelle di Leonida Andrejev, raccolte in volume da Sonzogno nel 1920. Ancora dal russo tradurrà Kuprin e Tolstoj. Nel 1930 iniziano le pubblicazioni di traduzioni dal francese e dall'inglese, impegno che durerà tutta la vita. Opere di letteratura ma anche di filosofia e storia. Traduce per Frassinelli, Laterza, Mondadori, Bompiani, Garzanti e Einaudi. Ma la letteratura la vede attiva anche sul piano della critica e della scrittura. Nel 1942 pubblica per Laterza il saggio Il poeta del razionalismo settecentesco. Alessandro Pope, successivamente collabora al Dizionario letterario delle opere e dei personaggi di tutti i tempi e di tutte le letterature (1947-1950) edito da Bompiani. Dal 1959 si occuperà di segnalazioni e recensioni per "Il Giornale dei Genitori", consacrando ampio spazio alla letteratura per ragazzi e dedicando al tema anche un libro: Dai 4 ai 16 anni. Guida ai libri per ragazzi (1960). Vi è poi l'attività di scrittrice, prevalentemente di narrativa per ragazzi.

2. Ada Gobetti scrittrice, anche per ragazzi

L'opera più nota dell'autrice è Diario partigiano. Si tratta delle memorie relative al periodo della Resistenza, un'opera uscita nel 1956 per Einaudi e ricostruita dalla Gobetti sulla base di appunti scritti - in un inglese criptato - durante l'attività clandestina. Il libro conosce buona fortuna e ampia diffusione, viene tradotto in giro per il mondo e ne viene tratta - nel 1970 - una riduzione televisiva trasmessa dalla Rai. Altri tempi per la televisione. Il libro diviene in breve un piccolo classico delle letture per la scuola media. In qualche modo collegato a Diario partigiano un volume per ragazzi uscito due anni prima e intitolato Partigiani sulla frontiera, un'opera diversa, di finzione narrativa, presto dimenticata. Ma l'attività letteraria per ragazzi di Ada Gobetti inizia molto prima e con opere di pregio. Nel 1940 esce per Garzanti Storia del Gallo Sebastiano Siamo in pieno fascismo guerrafondaio e Benedetto Croce, che consiglia il libro all'editore, suggerisce l'utilizzo di uno pesudonimo. Il libro uscirà a firma Margutte. Qui non vi sono elementi di fantascienza, ma un canto di libertà irriverente e divertente, protagonista un gallo bruttino e pasticcione, un susseguirsi di trovate ora surreali ora quasi nonsensiche, un gioco linguistico e letterario colto e serrato carico di riferimenti al valore della libertà, alla capacità di non farsi domi. Il libro poi ripubblicato da Einaudi è ora disponibile presso Fara Editore con una bella nota introduttiva di Goffredo Fofi.
La fantascienza entra in modo originale, delicato e felice nella produzione letteraria di Ada Gobetti nel 1952 con un altro romanzo.

3. Un romanzo di fantascienza, e non solo

Nel 1952 esce per le edizioni S.A.I.E. di Torino Cinque bambini e tre mondi di Ada Gobetti, un romanzo che si può definire di fantascienza, nonostante molte altre suggestioni letterarie attraversino il libro: dalla fiabistica classica al romanzo di formazione fino al fantasy, passando per le lezioni di L. Frank Baum e di Antoine de Saint-Exupéry.
Ma se, come dichiara Valerio Evangelisti (cfr. Delos 40, 1998), la fantascienza "è il genere narrativo che ha per oggetto i sogni e gli incubi generati dallo sviluppo tecnologico, scientifico e sociale" allora il romanzo della Gobetti è pienamente ascrivibile alla fantascienza, precursore - almeno italiano - di temi e stili di tanta sf successiva.
Il romanzo dell'autrice torinese inizia così: "C'era stata una guerra: lunga e terribile. Gli uomini si erano uccisi tra loro, e la terra era piena di rovine" Scenari che ritroviamo nei primi racconti di Philip K. Dick, uno dei maestri della fantascienza mondiale, e in molta della scuola di sf sociale americana degli anni '50 e '60. L'accostamento a temi della narrativa dickiana risulta sorprendente confrontando le date delle biografie dei due autori. Quando la Gobetti scrive il romanzo Dick ha appena venduto il suo primo racconto e muove i primi difficili passi nel mercato editoriale statunitense, il primo romanzo - Solar Lottery, in Italia Disco di fiamma - arriverà solo nel 1955. La Gobetti nel testo, che poi si dipana in un viaggio in strani mondi con l'ausilio di una macchina per il varco spazio-temporale e la guida di una creatura gnomesca, riesce a dare corpo alle ansie per un mondo appena uscito da una terribile guerra planetaria e già diviso in blocchi contrapposti, immobilizzato dalla minaccia della bomba atomica, speditamente avviato alla guerra fredda, periodo che caratterizzerà quasi un quarantennio del secolo scorso Il viaggio dei bambini protagonisti del romanzo tocca, oltre alla terra, tre mondi che dividono anche il libro in tre parti principali. E se il primo e il secondo mondo visitati mettono in guardia l'uno dalla staticità e rigidità vegetale, l'altro dalla violenza e selvaticità animale - e quindi giocoforza dialogano con temi classici della letteratura per l'infazia - è il terzo mondo a interessarci particolamente. Qui viene descritta una società di sole macchine e si delinea uno scenario di futuro nel quale asfalto e autovettore, congegni elettrici e impianti petrolchimici la fanno da padrone. Le descrizioni spiazzano per modernità il lettore, immaginando un'onnipresenza di automobili, autostrade e distributori di benzina, quando l'Italia del 1950, quella vissuta dalla Gobetti, ha rare camionali e deve ancora conoscere il buon dell'automobile di massa. Il mondo macchinizzato è battezzato Rotomac e tutto sottosta ad un'entità capace di regolare ogni cosa e di creare una simulazione di realtà per imprigionare i piccoli viaggiatori spazio-temporali. L'autrice di fatto precognizza i computer e la realtà virtuale. La Gobetti, che è cresciuta in un altro tempo e con altre letture rispetto a Dick, risolve però le situazioni più con incantesimi da fantasy e trovate da fiaba piuttosto che con ausili schiettamente tecnologici o futuribili. Resta il fatto che questo romazo, recentemente riproposto dalle edizioni de Il Castoro con le illustrazioni di Irene Bedino, rappresenta un esempio degli esordi delle tematiche fantascientifiche nella letteratura per ragazzi italiana. (Anselmo Roveda)

VISITE: 14045


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali