Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [12/11/2019] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Raccontami, o Musa... scadenza 2019-11-15    Nika Georgievna Turbina 1974 - 2002 scadenza 2019-11-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Mille volti senza volto
di Ksenja Xabaras
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 5215
Media 79.16 %



MILLE VOLTI SENZA VOLTO di Ksenja xabaras
ksenjasun@yahoo.it

La Genova che conosco è quella dai mille volti senza volto. Quella dei perché senza risposta, delle risposte senza perché. La città dei visi illuminati, dei mercanti di spezie, del porto, dei portuali, delle mani sporche, callose, che sanno di tabacco, che toccano in profondità le bocche aperte di giovani donne dal cuore spezzato. La città delle bocche che bevono latte, senza un padre in grado di consolare il pianto. Questa è la mia città, il suo ricordo persiste dentro ai miei pensieri. Genova, quella che conosco, quella che non conosco; è tutte quelle strade che mi hanno visto ondeggiare ubriaca, che mi hanno visto cadere e poi rialzare. Ci sono pietre su cui ho sbattuto la faccia, senza versare una goccia di sangue, dove ho sboccato piegata in due, sulle ginocchia deboli, con i capelli incrostati di vomito e spezie.
Le strade sono tutto e niente allo stesso modo in cui io, sono tutto e niente. Il primo ricordo risale alle strade strafatte di odori, incenso e spezie dai mille sensi, voci locali, dialetti, voci straniere che percuotono tutto questo pezzo di cielo, che sembra sospeso sopra le dita di mille mani, teso solo da un soffio, un pezzo di cielo pronto a cadere, a rovesciare l’ordine delle cose. La strada è la puttana più bella del mondo, ogni sera percorre la sua passerella, protagonista della notte, filtrata tra le voci, negli ultimi passi prima dell’alba, tagliuzzata da un groviglio di lame, da spiragli di luce, dove una carezza è allo stesso tempo uno schiaffo, una parola che andrà a conficcarsi in mezzo alle costole, per scarnificare e sfilacciare la carne del cuore.
Il caos è tutto quello che porto in dono, perché altro non c’è nelle mie tasche. Sono tasche bucate con pochi spiccioli, tasche ripiene di desolazione. La mia solitudine, la tua solitudine che sfiora una parola non detta, una parola sussurrata, leccata senza coscienza.
Genova, dove uomini raccolti ai bordi delle strade richiamano l’attenzione, chiedendo qualche sporca moneta, da infilare in altrettante sporche mani. Mani che lucidano sotto gli occhi impolverati piccole monete che risuonano dentro ai pugni, come piccoli strumenti di tortura, non ci sono abbastanza monete per riempire le mani, sempre troppo vuote, non ci saranno mai abbastanza monete. Gli occhi degli uomini si rispecchiano costantemente attraverso l’indifferenza di tutto questo mare, che stravolge anche l’uomo meno sensibile, che rende assuefatti delle piccole cose, che nasconde tutto quello che varrebbe la pena di amare. Gli occhi sono quasi chiusi, la notte è passata senza lasciare nessuna traccia nei ricordi, come quelle notti che sono venute dopo, e ancora dopo. Il mare sfrutta la forza costante della perdizione, del ricordo che svanisce lentamente dopo una sbornia, attraverso quest’acqua con le scarpe inzuppate, senza capire il mondo per quello che è. La città rende libero l’uomo schiavo, e rende schiavo l’uomo libero. Il sogno della città, rimanere immutata nel tempo, crescere attraverso tempi assimilati nella giusta misura, senza fretta, la vita ha il suo tempo, ogni frutto verrà colto alla giusta maturazione. Ogni piccolo particolare sarà cresciuto nel tepore, tenuto al caldo nell’attesa di un uomo, di una donna che lo saprà cogliere, che lo farà vivere nel ricordo, quando il giorno più lungo non basta per sopravvivere.
Genova mondo sommerso, dai mille volti senza volto. Acqua che ingorga i sorrisi, che vomitano acqua, bocche senza respiro, occhi senza occhi, bocche sdentate, terra incolta. Genova, figlia, madre di una città primitiva, strade aggrovigliate, pensieri che si contorcono sfuggendo al destino predefinito. Uomo della città, uomo delle strade. Perdita di coscienza, vicoli a perdersi, un equilibrio a perdere. Ti osservo dal mio canale di scolo, dove sembra possibile gettarsi senza sentire dolore, dove è possibile perdere la sostanza, il nome, il numero di riconoscimento. Luogo, gabbia, non luogo, coscienza, coercizione, isolamento, nulla, un bicchiere mezzo pieno, realtà condivisa, isolamento. La città che conosco è dentro al mio cuore, viva pulsante, pronta ad esplodere, ad emettere gemiti di terrore. La città che non conosco è li fuori, belva affamata, in attesa, sempre in attesa, rapace pronto a ghermire la pazienza, per nutrire i propri figli, per saziarli con l’ultimo boccone.
Volti senza volto in successione.
Volti senza volto in cerca di un’identità. Volti senza volto che circondano e nutrono le strade più affamate. Il buio sembra scendere più lentamente di ogni cosa, stende un velo gommoso sopra le teste risucchiate nel nulla, affogate in bicchieri di birra.
Un nuovo bicchiere da ingoiare velocemente, alla salute di questa città che non conosce il mio nome, che non ha sentito stringere le mie mani intorno alla sua gola. Passando le dita velocemente sul suo collo, l’ho sentita respirare, sussultare, ho annusato il suo desiderio per me, amante della città, delle luci notturne, della velocità, del vento freddo che ghiaccia le lacrime più calde, incrostando gli occhi fino alla prossima fermata. Fessure di osservazione, uomini seduti, voci di donne, profumi famigliari. Questa Genova che ho nel cuore, non mi ha amato abbastanza, attraverso le sue grida, mi sono infilata ancora più dentro le sue braccia, fino a sentire il sangue scorrere dentro la mia bocca, per sentirla assaggiare la mia lingua, levigare i miei denti con precisa diligenza, denti insanguinati, occhi pestati con tutta la forza che c’era. Si, mi sono infilata lentamente tra le sue braccia, in cerca di un po’ di calore, di una mezza parola scartata, del rifiuto dell’uomo, per comprendere il disagio del cuore, per non avere più paura, per non perdere l’orientamento, per non barcollare senza senso.
Lungo le strade posso abbandonarmi senza domande e risposte, senza curarmi di quei mille volti senza volto, che si stendono sulle strade, che si affiancano pretendendo il perché, un qualsiasi perché, per poter giustificare la non-consapevolezza, senza cedere il passo. Sono mille volti senza volto che percorrono lo stesso pezzo di strada nel verso opposto al mio, con forza uguale e contraria, nessuna paura brilla nei loro occhi.
Il giorno segue la notte senza sostegno. Gli occhi senza volto, sono riflessi sulle mani inchiodate ad un’asse di legno, nessun bisogno verrà soddisfatto, sangue sprecato, sangue versato inevitabilmente, succhiato avidamente da giovani bocche bisognose d’amore, sorseggiato alla salute del nuovo abbandono. La mia delusione è radicata in profondità tra le barche ancorate al porto, nel profumo dei vicoli invecchiati con costanza, ogni cosa ha il suo tempo, nell’incenso che brucia e ricopre questa vita, avvolgendomi, rendendomi schiava di questo profumo che dilania il cuore, che ama, che odia, che fa perdere l’orientamento, che mi fa addormentare all’ombra della sua luce.
Genova città illuminata da impercettibili luci, semi nascoste: sono luci infiltrate, incastonante negli occhi degli uomini perduti, dimenticati. Città dormitorio: un lungo sonno estenuante avvolge ogni piccolo dettaglio, che andrà perduto, divorato dal nulla dormiente. Giovani menti in abbandono, lungo i bordi delle strade, sporcate dai passi di mille uomini senza volto, menti pulsanti sulla pietra fredda, sconvolta, in una mattina gelida a Genova, sorseggiando con gli occhi il profumo di questo mare, che può farti dimenticare il perché tu sia li in quel momento, perché il cuore pulsa così forte, perché le lacrime tardano ad arrivare. Genova città del rifiuto, che abbandona i propri figli nella discarica vicino al cimitero, luogo senza raccolta differenziata, che non prende in considerazione le debolezze del cuore.
Genova, gatti randagi, flaccidi nella loro magrezza, donne rugose che tintinnano cibo per gatti tra le mani, come splendide regine di un mondo quasi sommerso, che escono di casa in vestaglia, un paio di ciabatte ai piedi. Genova città delle puttane agli angoli delle strade, dei supermercati, dei vespasiani che impestano le vie, che ricordano tempi lontani che non ho mai conosciuto. Genova ex-città distrutta dalla guerra. Genova città del medioevo, dei caruggi, dei palazzi antichi, della nobile ricchezza, città dei poveri, dei bambini perduti, annegata nel suo stesso mare, acqua e amore suicida nel bicchiere, del profumo desolante. Il mare, acqua che fa pensare, che mi fa gettare ogni giorno nelle sue acque sporche. Città, discarica, resti umani, residui del pasto cannibale, delle torri prigione, casa del boia, sangue versato e bevuto dentro a bicchieri di legno, serviti su vassoi lucenti, rubati. Madre amorevole che attende i suoi figli sulla porta di casa, nessun dono tra le mani.
Genova città aperta, braccia aperte, figli annegati nelle sue acque, corpi galleggianti, occhi aperti rivolti verso il cielo, per vedere l’ultima scintilla di amore bruciare dentro alla bocca, per soffocare il respiro, per inghiottire altra acqua, per smettere di vomitare sangue su questa terra debole, inutili parole, voci inascoltabili, che dimenticheranno. Nessuno saprà della mia sofferenza, nessun correggerà la propria strada, prenderà coscienza, o quello che volete, la domanda non avrà risposta, la risposta non sarà ascoltata. Rimarrà li, rinchiusa, dimenticata, nell’angolo più nero e abbandonato della città nascosto tra i rifiuti, in attesa dell’ultima consegna bagnata dalla notte. Genova.



Il Sottoscritto (Nome e Cognome) autorizza i responsabili del sito www.progettobabele.it alla pubblicazione in rete del testo allegato alla presente e-mail e dichiara di aver letto ed approvato tutte le CONDIZIONI DI PUBBLICAZIONE.
Inoltre ai sensi della Legge 675/96, con l'invio dei presenti dati da' pieno consenso alla pubblicazione delle proprie generalità sul sito www.progetto babele.it.

© Ksenja Xabaras



Recensioni ed articoli relativi a Ksenja Xabaras

Nessun record trovato

Testi di Ksenja Xabaras pubblicati su Progetto Babele

(1) Mille volti senza volto di Ksenja Xabaras - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2007-03-05
VISITE: 10981


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.