Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    [19/06/2019] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Internazionale di Letteratura Città di Como scadenza 2019-06-20    Good Morning my future scadenza 2019-06-20    Antonietta Rongone scadenza 2019-06-25    Lo Splendore Del Talento - Scintille D’Arte - 2019 scadenza 2019-06-28    Cenerentola con gli stivali scadenza 2019-06-30    Elena M. Coppa scadenza 2019-06-30    Aneddoti dal cuore 2019 scadenza 2019-06-30    VERSI IN VOLO scadenza 2019-07-01    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi    RECENSIONI     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali     Insabel di Vera Ambra    I paradossi dell’esistenza di Laura Rapicavoli     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive     Joseph Conrad ovvero il mare professionale    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
32 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Assolo
di Giorgio Sannino
PUBBLICATO su SITO


ROMANZO
Il Foglio 2004
Prezzo € 12 - 120 pp.
Collana Autori contemporanei
ISBN 8876060219
Una recensione di Angelo Angellotti
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 75
Media 80.53 %


Assolo

Un labirinto algido di pensieri. Un susseguirsi veloce ed arcigno di impressioni sussurrate a voce alta. Un “Assolo”, che Giorgio Sannino urla silenziosamente al mondo per confessare se stesso o l’Altro. La storia narra di Luca che, nella continua attesa dell’Altro, di ciò che chiama il Traguardo, passa in rassegna un universo di personaggi reali ed immaginari che hanno affollato ed affollano la sua vita, ed, in fondo, racconta di sé stesso, con un finale a sorpresa. Un racconto che si inserisce nel filone delle “attese” dell’ignoto, dell’immaginario che da Buzzati a Klein spingono il lettore con una feroce avidità ad inoltrarsi nel romanzo tutto d’un fiato, a divorare ciascuna pagina come se fosse l’estremo tentativo di raggiungere l’ “oltre”, che umilia il suo spirito di tracotanza fino all’ultima pagina quando, si spera in qualche modo, tante verità verranno disgelate e l’ “Altro” assumerà sembianze ,finte o vere che siano, ma pur sempre sembianze che diano forma a ciò che è in fondo il nostro inconscio, i nostri pensieri. Attesa viva, senza noia, attesa dinamica, attesa motore del mondo e della narrazione.
E’impossibile mettere giù ,come in una nota stampata su un taccuino, il pentagramma di tali pensieri violenti e veloci che Assolo produce; impossibile perché essi sono frutto del caos che genera ordine e vita, a patto che il disordine le custodisca e le preservi.
Pensieri, per l’appunto, e personaggi, e vita che scorre. Fotogrammi sinceri e genuini di storie che si fondono negli acuti dell’autore. Per Sannino l’abitudine è condensata dall’attesa e dall’arte antica della scrittura. Scrittura audace, quella del libro, creativa ed evocativa, che costituisce un cesello di introspezione psicologica di pregevole fattura. L’autore scava nel proprio e nell’altrui animo per tirare fuori immagini che consegna al lettore perché le filtri con le proprie esperienze. Ciascuno ,poi, vedrà nel cortometraggio dei ricordi dell’autore quella immagine che gli è più consona e cara, ciascuno partendo dalle parole dell’autore scriverà il proprio personale racconto.
In “Assolo” le parole non sono mai sprecate od usate a sproposito, ma pesate e lavorate in un lavoro attento, scolpite con la cura dell’artigiano delle parole. Esse, come il titolo che le contraddistingue, sono cariche di note e suoni particolari che scandiscono una melodia di sensazioni ed emozioni. Indubbiamente bello lo stile di Sonnino, bello l’uso delle metafore che costituiscono una delle tessere più preziose del mosaico narrativo. Su tutto aleggia ed incombe l’attesa spasmodica che stilisticamente l’autore imbastisce con continui flash back che riportano il lettore avanti ed indietro nel tempo senza riferimenti, sospeso com’è ,solo, sul baratro dell’attesa, nella speranza che qualcosa prima o poi accada, che “Lui” arrivi, che “Il Traguardo” dia definizione ad un paesaggio pieno di dubbi e nebbie.
Il senso, tuttavia, che traspare nella complessità della narrazione è che l’autore spesso si compiaccia oltremodo dell’opera che ha davanti e che ha abilmente realizzato. La mira e la rimira lasciando troppo spazio ad uno spirito di maniera che mal si addice allo spirito del contenuto e della trama. Si compiace di se stesso e questo ne costituisce il limite. Purtroppo è il peccato originale degli esordi editoriali: quello cioè di stupire oltremodo il lettore con spettacoli pirotecnici ,superflui quando la trama basterebbe di per sé a colpire la sensibilità del lettore. L’abuso di acrobazie linguistico-letterarie finisce per banalizzare il racconto all’occhio di chi legge ,in esso, il tentativo dello scrittore di stupire più con la forma che col contenuto. I fregi elaborati hanno bisogno di grandi colonne per sostenerli e non viceversa.
“…e allora io sono uno di quegli avanzi. Sono l’odore nella pancia di lamiera. L’odore di tre giorni di attesa sul molo, gli occhi in fuga continuamente alle spalle. Sono l’odore di un posto in piedi stipato tra gli altri, l’odore di una stiva dove si dorme in mille. Ho negli occhi il miraggio di una via di fuga che è una linea all’orizzonte nei giorni senza foschia.”

Recensione di Angelo Angellotti






Recensioni ed articoli relativi a Giorgio Sannino

(1) Assolo di Giorgio Sannino- Il Parere di PB

Testi di Giorgio Sannino pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Angelo Angellotti

(1) Condannato non vita di Leonardo Colombi- Il Parere di PB
(2) L' inchino delle stelle di Paolo Ceccarini- Il Parere di PB
(3) Nelle mani di Marco Martucci- Il Parere di PB
(4) Dopodomani di Luca Pizzolitto- Il Parere di PB
(5) FAME La trilogia cannibale di G.Lupi e altri- Il Parere di PB
(6) Le lacrime degli angeli di Maurizio Piccirillo- Il Parere di PB
(7) La pittrice del vapore sirio di Egidio Imarisio- Il Parere di PB
(8) Piccoli doni di Donatella Placidi- Il Parere di PB
(9) Jesu Rebus. Dalle profezie a Fatima di Mario Leocata- Il Parere di PB
(10) Assolo di Giorgio Sannino- Il Parere di PB
(11) Caffè valeriana vomito sigaretta di Elisabetta Bilei- Il Parere di PB
(12) Libidissi di Georg Klein- Il Parere di PB
(13) L’omo delinquente di Enrico Oliari- Il Parere di PB
(14) L' uomo del Gambrinus di Camillo Carrea- Il Parere di PB
(15) Dal Bar al Binario 7 di Giuseppe Bonan- Il Parere di PB
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:





-

dal 2004-06-01
VISITE: 7348


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.