Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    Debutta in libreria FVE editori - Dal 3 dicembre, una nuova casa editrice in tempi di lockdown (09/12/2020)    Neil Gaiman: Storie Perdute (Prorogato al 31 Dicembre) (09/12/2020)    Online l'INTERA rivista del Foglio Letterario di settembre! (05/10/2020)    [08/05/2021] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Drammaturgico LGBT Carlo Annoni scadenza 2021-05-15    "Giugno di San Vigilio" scadenza 2021-05-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Viaggio al centro della terra - Capitolo 2 di Jules Verne letto da Gabriel Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 1 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 2 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Arrivederci Platone di Daniele Mancuso letto da Voce Robotica Youdao     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Avrò cura di te di Massimo Gramellini e Chiara Gamberale     Rintocchi di clessidra di Alessandro Del Gaudio     Volevo essere un supereroe della Marvel – vol. 1 di Matsuteia ed E.T.A. Egeskov     Undici Metri - Storie di rigore di Cristian Vitali e Maurizio Targa    La fata nel vento e altri racconti in rosso di Francesca Montomoli    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     I principali elementi del pensiero di Vittorio Alfieri     Una chiave di lettura della tetralogia L’amica geniale     Poe: L’uomo della folla     Feijoo y su lector en la telaraña del duelo     La vera letteratura non è un placebo     Racconti     Il pane di Agostino di Nicola Lo Bianco     Il mostro di Cinzia Baldini     Il vecchio e la piccola Teresina di Manny Mahmoud     Mani di Fata di Jacob Von bergstein     Giorno Quarto di Consolato Mercuri    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Il sacco di Bombasharna di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie di Edoardo Firpo     Come prima di Maria rosaria Teni     Mio Padre di Giulia Calfapietro     Mistero ( Silloge) di Jacob Von bergstein     Poesie sparse di Leonardo Taverni    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
13 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
36 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

La Guillotine
di Flavio Carbone
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 6145
Media 79.44 %



Armand si schiaffeggiò da solo, colla testa già infilata nella ghigliottina.
Interrogandosi su quale fosse la sua colpa, e sul perchè non gli avessero anche legate le mani e bendati gli occhi.
Aveva dentro di se tutta la rabbia di chi non ha commesso il fatto, qualsiasi esso fosse.
Lo chiamarono dalle prime file, urlarono il suo nome.
Lui, un villano, era diventato una celebrità grazie a quella ghigliottina.
Ma era troppo tardi per sfruttarla in qualsiasi modo.
Arrivò il boia e Armand si schiaffeggiò ancora e urlò una cosa senza senso solo per darsi un tono: "Allez la Bastiglie, allez la France!".
Il boia aveva una pancia prominente e Armand si era fatto un'idea di chi si trattasse, nonostante il cappuccio nero.
Quegli occhi, avevano un che di famigliare.
Il boia ruttò tutta la birra che aveva in corpo in quel pancione da luppolo mal fermentato, ruttò nella sua direzione e Armand la sentì arrivare dopo qualche secondo la fiatella di quel boia che sembrava godere della situazione.
Per fortuna gli avevano lasciato le mani slegate e Armand, sporgendosi un pò, arrivò a dare un pizzico deciso ai polpacci suini del boia.
"Ah, ah, intanto soffri tu, pancione!".
"Li senti i pizzichi coglione? Cojon?".
Le prime file sghignazzavano contente; indubbiamente si sarebbe trattato di un'esecuzione diversa dal solito, ci sarebbe stato del pepe.
Il boia si avvicinò alla faccia di Armand e chinandosi emise grave e sordo peto.
"Ah Ah, cojon, adesso non siete più contento che non vi abbiano bendato il viso? E il naso magari? Ah ah Cojon!".
Era certamente diventato un fatto personale.
"Bissonette, sei tu, cornuton? Ah, quegli occhi li riconosco...sono gli occhi di Bissonette, il più gran becco del paese intiero...pensate che vostra moglie oltre al sottoscritto la conosce di gran lunga il vostro barbiere e anche il maniscalco in fondo a Rue de les Poisson!".
Il boia avvampò.
Le prime file erano in sollucchero, friggevano di fermento; se ne sarebbe parlato di quell'esecuzione.
Le prime file sapevano certamente che Bissonette non aveva un'erezione da prima della presa della Bastiglia.
Robespierre aveva dato di matto e tutti i presunti nemici del nuovo ordine erano messi alla berlina.
Armand era un fornaio, faceva le baguette; eppure era stato giudicato un nemico della rivoluzione.
Bissonnette finse un altro tono di voce: "Voi delirate monsieur! La paura della morte vi fa straparlare".
E le prime file giù risate e sghignazzi più forti.
Armand si sentì spacciato.
Il boia cominciò a esaminare la lama della ghigliottina.
Tutto sembrava funzionare alla perfezione.
Bissonette si grattò il pancione: "Ride bene chi ride ultimo, baguettier dei miei stivali", pensò.
Ma ecco che, appena il boia ebbe impugnata l'estremità della corda che avrebbe liberato la lama della ghigliottina, un gran polverone si alzò in fondo a Rue de les Escargot.
Si trattava di tre uomini a cavallo.
L'uomo a capo dei tre aveva gli abiti del funzionario.
Le divise scelte personalmente da Robespierre: abbastanza laiche e tendenzialmente anti-moda Luigi XVI.
Il messo del comitato rivoluzionario srotolò la sua pergamena dopo aver tolto il sigillo; cominciò a leggere ad alta voce.
"Il comitato rivoluzionario dichiara Armand Borgognon innocente del reato ascrittogli di cospirazione anti-rivoluzionaria; trattòssi di un caso di assonanza se non proprio di omonimia col ricercato Artaud Bordegnac, pescivendolo un tempo al servizio delle cucine della tenuta di campagna dei cugini di secondo grado del curatore personale della toeletta di suà maestà Maria Antonietta".
Per questo era stato solo infilato nella ghigliottina; non c'era la certezza che si trattasse di lui.
Armand alzò gli occhi al cielo e pensò immediatamente che le Leggi e la Giustizia tutta non potevano sbagliare.
Immediatamente dopo pensò a Rue des les Escargot che gli si apriva davanti.
Non appena la gogna che lo teneva bloccato fu allentata, radunò tutte le sue forze.
Immediatamente dopo prese a correre a più non posso e si voltò a osservare con scherno il goffo e cornuto Bissonette che sfilatosi il cappuccio da boia aveva preso a inseguirlo.
Armand aveva avuto fiducia nella Giustizia e nelle Leggi e anche nella Rivoluzione, anche se non aveva minimamente idea del perchè fosse stata fatta.
Aveva come l'impressione che, arrivati a quel punto, c'era stato comunque il bisogno che qualcosa cambiasse, di quella benedetta rivoluzione.
Oltre a ciò, Armand sapeva anche che quel cornuto panzone di Bissonette non l'avrebbe mai raggiunto.

© Flavio Carbone



Recensioni ed articoli relativi a Flavio Carbone

Nessun record trovato

Testi di Flavio Carbone pubblicati su Progetto Babele

(1) 1981 di Flavio Carbone - RACCONTO
(2) La stanza di Flavio Carbone - RACCONTO
(3) Varenne di Flavio Carbone - RACCONTO
(4) Pisa Centrale di Flavio Carbone - RACCONTO
(5) La Guillotine di Flavio Carbone - RACCONTO
(6) L'ultima cartuccia dell'Uomo-Proiettile di Flavio Carbone - RACCONTO
(7) Azione e reazione di Flavio Carbone - RACCONTO
(8) Formaggio di capra di Flavio Carbone - RACCONTO
(9) Visite di Flavio Carbone - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2006-08-05
VISITE: 15473


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali