Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [18/06/2024] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    “Eridanos” scadenza 2024-06-23    Il Premio Città di Como scadenza 2024-06-30    Seven Live 2024 scadenza 2024-06-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    NIPPOMANIA - Giappone: dai samurai ai manga. (PRESENTAZIONE 2024-06-22)     ATTRAVERSAMENTI MULTIPLI 2024 - danza_teatro_musica_site specific_nella natura urbana (SPETTACOLO_TEATRALE 2024-06-29)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Praga poesia che scompare di Milan Kundera     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Uno sguardo all’Open studio presso la Casa degli Artisti di Milano di Cecilia Del Gatto Di Riccardo Renzi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus

Le Vendicatrici
Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
16 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
4eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
18novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

La macchina (im)perfetta
di Marco Canella
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 624
Media 78.96%



Sospiro. Ogni dieci minuti. Come se servisse a qualcosa. Come se potesse alleviare il mio dolore. Ci ho provato tante volte, ma sempre invano. Sospiro di nuovo e mentre lo faccio, mi pongo il solito quesito freudiano: ma chi siamo realmente noi? Non siamo macchine, questo è certo, e se anche lo fossimo, non siamo perfette, come qualche incorreggibile ottimista, vuol farci credere. Un essere perfetto, infatti, non dovrebbe ammalarsi così spesso, come capita a me. Una rara malattia difficile da debellare, i cui sintomi si avvertono, nel corso di quelle grigie giornate ricche di tensione, che sempre più spesso, siamo costretti a subire. Immediata conseguenza di questa assurda malattia, per la quale una cura adeguata non è ancora stata trovata, sono sofferenza, tristezza e depressione. La conseguenza a lungo termine, è un devastante stato confusionale, causato da un lento ma costante riempimento del cuore, con una serie micidiale di sostanze tossiche per l’organismo umano. Uno zibaldone mentale che potrebbe sfociare in un qualcosa di altamente distruttivo, la cui potenza non ci è ancora stata rivelata. Tanta/troppa incertezza, che ci porta inevitabilmente a scegliere la via più rapida, che è quella di affrontare il problema, solamente quando e se si presenterà. Una bellissima soluzione, nulla da eccepire, peccato che non tenga conto del fatto, che il morbo in realtà ci abbia già colpito, senza che noi ce ne rendessimo conto. Si è già insinuato da tempo nel nostro corpo e sta attaccando tutti gli organi funzionali, rubando la loro vitalità. E quando questo morbo devastante entrerà nell’ultimo stadio, quello più pericoloso, sarà troppo tardi per cercare di porvi rimedio e il nostro destino sarà segnato per sempre; un beffardo destino, che si prenderà gioco anche di chi ci sta vicino, facendolo soffrire almeno quanto noi. Meglio non mentire a noi stessi, bisogna comprendere che la tanto menzionata malattia esiste e ne siamo stati colpiti. Dobbiamo rimboccarci le maniche ed iniziare a lottare, per porre alla base della piramide qualche robusta pietra, che col tempo darà vita ad un’invisibile costruzione gigantesca, che avrà il compito di contenerci e proteggerci dalla minacciosa epidemia. E se i tempi per costruirla, si riveleranno più lunghi del previsto, ci nutriremo della consolazione di sapere, di aver dato un contributo fondamentale alla salvezza di chi verrà dopo di noi, figli compresi. Ma concretamente, cosa possiamo fare nell'immediato? Come dobbiamo comportarci? Piangere non serve a nulla, questo è appurato. Il morbo, infatti, si nutre delle nostre debolezze e le utilizza per accrescere la sua potenza. Potremo ad esempio, costruirci uno scudo invisibile, per respingere i violenti proiettili colmi d'odio, che ci vengono quotidianamente sparati contro, dal nostro invisibile nemico. Ma fino a quando riusciremo a resistere? Fino a quando potremo respingerli? Probabilmente per poco tempo. Chi come me, fatica a bendarsi gli occhi dinnanzi a certe barbarie combinate nei confronti nostri e di coloro a cui vogliamo bene, non potrà resistere a lungo. Non posso di certo continuare a fingere di non essere triste e depresso, non ne sarei capace. Bisogna perciò, cambiare strategia. Accogliere a braccia aperte quei proiettili, accarezzarli e coccolarli per tentare di trasformarli in un fattore positivo. Sorrido, l’idea è affascinante e forse vincente, mi rattristo, quando penso che alle parole devono seguire i fatti. Come fare? Sembrerebbe impossibile, eppure io credo valga la pena tentare, anche se ancora non conosco un modo efficace per portare a termine con successo la nostra ambiziosa missione. Ignoro quale sia la strada giusta da seguire, è da tempo che sto sperimentando ed è da tempo smisurato che provo ad incassare con disinvoltura quei tremendi colpi. Li ricevo col sorriso stampato sulle labbra, cercando una consolazione ad ogni pallottola ricevuta. Così facendo mi sono accorto che il dolore si affievolisce, non è più lancinante come prima e le ferite sembrano addirittura rimarginarsi da sole, come se fossero state toccate da una bacchetta magica. L’idea sembra funzionare, ma quando mi illudo di aver trovato la cura efficace, le mie certezze d’improvviso crollano e tutto torna come prima. L’invisibile nemico spara un colpo mai visto prima, di una potenza disumana; una pallottola gigantesca, in grado di infrangere le mie deboli difese. Nonostante gli sforzi, non riesco ad abbracciare questa immensa munizione. Non posso trovare il suo lato positivo, perchè sembra non possederlo. Da qualunque parte la guardi, vedo solamente odio e violenza elevati all’ennesima potenza. Piango, anche se mi rendo conto che non serve a nulla, le gambe cedono ed il mio corpo si contorce ripetutamente a terra, le mani afferrano i capelli, desiderosi di strapparli. La bocca si spalanca e lascia uscire una serie infinita di assordanti gemiti, colmi di dolore. Mi ritrovo immerso in un corpo che ha ormai perso il controllo e si sta disintegrando velocemente, sotto gli incessanti colpi inferti dal potente nemico. Poi, d’improvviso, tutto si placa e scende il silenzio. Un silenzio surreale, in cui a niente e nessuno sembra essere stato concesso il privilegio di muoversi. Il mio corpo si è bloccato. Gambe, mani e bocca sembrano essersi improvvisamente addormentati. Sveglio solamente la bocca, lei purtroppo non può dormire, ha il compito di farmi ritrovare in fretta il sorriso. Merito di questo inaspettato cambiamento, che è da attribuire ad un cervello, il mio, ancora funzionante che, vedendo la delicata situazione, è corso in mio aiuto e mi ha fatto riflettere. Mi sussurra che ho fallito, questo è vero, ma almeno ho avuto il coraggio di cercare una soluzione e di provare a realizzarla. “Non disperare, perché ogni fallimento è l’inizio di una nuova e meravigliosa impresa”, sono le dolci parole, con le quali mi fa capire che non ho nulla da rimproverarmi. La malattia mi piega, ma non mi spezza e, finché avrò la forza di reagire, porterò avanti la mia teoria, sperando che questa macchina ancora imperfetta, possa col tempo trasformarsi in un meraviglioso cigno, la cui perfezione sarà prodotta dalla corretta mescolanza di sentimenti contrastanti. Quelli buoni prenderanno per mano quelli cattivi ed impareranno a volersi bene, affinché il magnifico cigno possa un domani prendere il volo e condurmi in quel luogo misterioso, dove è custodita la tanto ricercata cura in grado di salvare la nostra anima dalle grinfie di quella spietata malattia.

E il mio cuore potrà finalmente svuotarsi di tutte quelle sostanze tossiche e si riempirà di un’unica e magnifica essenza, di colore rosso acceso, che avrà il compito di tingere dello stesso colore il Mondo intero, trasformando quelle assurde pallottole, in tante pillole d’amore.

© Marco Canella





Recensioni ed articoli relativi a Marco Canella

Nessun record trovato

Testi di Marco Canella pubblicati su Progetto Babele

(1) La macchina (im)perfetta di Marco Canella - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB




-

dal 2012-05-01
VISITE: 3.062


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali