Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [16/06/2024] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    “Eridanos” scadenza 2024-06-23    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Convegno internazionale a Ragusa  - Migrazioni e grandi vie della storia. (EVENTO 2024-06-16)    NIPPOMANIA - Giappone: dai samurai ai manga. (PRESENTAZIONE 2024-06-22)     ATTRAVERSAMENTI MULTIPLI 2024 - danza_teatro_musica_site specific_nella natura urbana (SPETTACOLO_TEATRALE 2024-06-29)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Praga poesia che scompare di Milan Kundera     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Uno sguardo all’Open studio presso la Casa degli Artisti di Milano di Cecilia Del Gatto Di Riccardo Renzi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
15 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
5eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
17novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Nel vignòt
di Jacopo Seccatore
Pubblicato su PB12


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 6469
Media 79.5%



C'era il vento tra i filari. Le nuvole si trascinavano nel cielo; sulle colline correvano isole di luce. La langa giocava a nascondersi dietro se stessa; le colline ne celavano altre. Su tutte i colori vivevano intensamente fra luce e ombra e luce. Il verde dei filari era maculato di livido, il violaceo dei grappoli maturi. "Ti prego, fallo ancora" gli disse la ragazza. E lui le cinse i fianchi con le mani e la tirò a se. Erano sdraiati sulla terra fresca fra i filari di dolcetto. Il vignòt veniva giù dal crinale dolce di una collina, illuminata dal sole, e le viti facevano ombra. Lei lo attanagliò alla schiena con le gambe, e le loro urla si udirono fin quasi al paese. Poi si separarono, e rimasero sdraiati sulla schiena con la testa sulle braccia, a guardare in alto l'azzurro ritagliato nella striscia fra le foglie dei filari. "Lo senti?" disse lui, "E' il profumo dell'uva" Il profumo avvologeva l'aria e i suoni. Dal fondo del rio latrava un cane; da dietro la crina del brich, da dove non si poteva vedere, arrivavano i rintocchi d'ottone dal campanile della chiesa, che vibravano fra il profumo dolce d'uva matura e quello fragrante dell'erba gialla fra le vigne, e l'odore fangoso e sapido di terra d'argilla umida all'ombra, e quello polveroso dove il sole l'aveva asciugata. Ora lui teneva il mento sul suo seno, e lei la testa sotto il filare. Lui allungò la mano e afferrò un grappolo basso che sporse verso la sua bocca, e lei ne addentò un acino. "Perché tengono i grappoli così bassi?" chiese lei. "Il sole scalda il terreno, e la terra scalda di più i grappoli più bassi, e li gonfia più di zucchero" "E quelli più alti sono meno buoni?" "A volte sì" rispose lui, e la baciò, e lei staccò un acino e glielo infilò in bocca, e poi lo baciò, sentendo sulla sua bocca il gusto zuccherino del dolcetto maturo. Ricordava la crota dopo la vendemmia dell'anno passato, e dopo la fermentazione dei mosti, quando si faceva il travaso nelle botti di legno, e il profumo di vino giovane che inebriava era dappertutto, e poi per tutto l'inverno e la primavera e l'estate anche le pietre dei muri della crota continuavano a sapere di vino. E ricordava le bottiglie di due anni prima. Appena stupa' le natte, saliva deliziosa nel naso la mora vinosa e il lampone; e il vino scendeva nel bicchiere rubino violaceo, e profumava di mirtillo e di viola; e a berlo subito era acidulo e sapido, e poi se rimaneva un po' nel bicchiere si riempiva di gusto, e dopo lasciava sulla lingua il prufumo del mosto. "Com'è bello stare qui" disse lei. Si alzarono a sedere e guardarono la campagna in mezzo ai tralci e alle foglie della vite. Rimasero a lungo in silenzio, col volto sfiorato dalle foglie e il mento appoggiato sul tralcio. C'è un po' di vento, abbaia la campagna, c'è una luna in fondo al blu. "Com'è bello" ripetè. "Hanno ammazzato mio nonno da partigiano su quel crinale" disse lui, indicando il brich di fronte a loro, decorato di filari e alberi. Lei non disse niente, ma l'abbracciò. "Venivano da un'attacco a una colonna giù sulla strada che va a Dogliani" continuò, "Scappavano su per la collina. Non c'era vigna allora, ci portavano le mucche, era tutto prato. Mio nonno e gli altri correvano su verso la cima della collina, e i tedeschi sparavano da sotto. Mio nonno è stato colpito a una gamba, lì, a mezza costa, vedi, più o meno dove adesso c'è quel martinetto dell'acqua. I suoi compagni volevano prenderlo di peso, ma lui li ha mandati via, e ha detto che avrebbe fermato i tedeschi per un po', e ha dato via il moschetto e si è fatto dare il mitra, e poi è strisciato più in su, sui gomiti, e sparava col mitra ai tedeschi che salivano. Quel castagno, vedi, ce l'ha piantato mia nonna, qualche giorno dopo. Mio nonno l'hanno ammazzato lì, dove adesso c'è quell'albero". La ragazza lo strinse a sé e lo baciò, e disse: "Dobbiamo andare una volta a farci l'amore"


Questo racconto ha vinto il premio letterario Grinzane Cavour per il concorso Scrivi il Paesaggio del Vino

© Jacopo Seccatore





Recensioni ed articoli relativi a Jacopo Seccatore

Nessun record trovato

Testi di Jacopo Seccatore pubblicati su Progetto Babele

(1) Nel vignòt di Jacopo Seccatore - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB




-

dal 2004-06-17
VISITE: 19.521


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali