Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    Il foglio letterario. PROGRAMMA 23 Maggio – 11 Giugno (23/05/2023)    [21/05/2024] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Città di Cava de’ Tirreni scadenza 2024-05-24    Lago Gerundo scadenza 2024-05-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    JAZZINSIEME 2024 PORDENONE SI TINGE DI JAZZ - JAZZINSIEME 2024 Dal 23 Maggio al 2 Giugno il centro di Pordenone, special guest l'inedito trio Calderazzo, Patitucci, Weckl (EVENTO 2024-06-02)    Io, Vincent Van Gogh - Presentazione del nuovo libri di Corrado D'Elia (PRESENTAZIONE 2024-05-22)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani     Rasella: storia di una bomba di Chiara Castagna    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio     Il paese invisibile e il passo per inventarlo di Roberto Marcòni: un percorso attraverso lo spirito del paesaggio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
17 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
5 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
14 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Des Cabinett des Dr. Caligari
(Il gabinetto del dottor Caligari)
regia di Robert Wiene 
Pubblicato su SITO


Anno 1920- Germania


Una recensione di Federico Fastelli
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 4597
Media 79.93%



 Des Cabinett des Dr. Caligari <br>(Il gabinetto del dottor Caligari)

SOGGETTO E SCENEGGIATURA: Hans Janowitz, Carl Mayer
FOTOGRAFIA: Willy Hameister
MUSICHE: Alfredo Antonimi, Giuseppe Becce, Timothy Brock, Richard Marriott, Peter Schirmann
SCENOGRAFIE: Walter Reimann, Walter Röhrig, Hermann Warm
COSTUMI: Walter Reimann
PRODUZIONE: Rudolf Meinert, Erich Pommer
CON: Werner Krauss (Dr. Caligari) Conrad Veidt (Cesare) Lil Dagover (Jane) Rudolf Lettinger (Dr. Olson) Rudolf Klein-Rogge (A Criminal)


Il Gabinetto del Dottor Caligari, considerato il manifesto dell’espressionismo cinematografico, segna nella storia del cinema un momento di radicale trasformazione. Trasformazione che coinvolge soprattutto l’idea stessa di cinema, il modo di pensarlo. Le novità iniziano fin dalla trama (tra gli sceneggiatori è doveroso ricordare Carl Mayer): è uno dei personaggi del film, Francis, a narrarla. È la storia di uno strano imbonitore, Caligari (Krauss), che un giorno arriva nella cittadina di Holstenwall per presentare un numero di ipnotismo ad una fiera. Ha, infatti, la capacità di controllare la volontà di Cesare (Veidt). Per mezzo di quest’ultimo compie alcuni delitti (tra cui anche quello di un amico di Francis, Alan). Dopo aver tentato il rapimento di una giovane ragazza, Jane (Dagover), si scopre che Caligari si spaccia per il direttore di un manicomio. Viene smascherato e imprigionato. Ma alla fine del film la situazione si ribalta: Francis è un paziente (insieme a Jane e a Cesare) dell’ospedale psichiatrico di cui è direttore Caligari. Il medico che si mostra attento e equilibrato cura la mania di Francis. Il giovane è malato e tende ad identificare il direttore con un certo mistico del ‘700 chiamato appunto Caligari. L’espressione di Krauss con cui si chiude la pellicola è tuttavia ambigua e riapre il dubbio.
Proprio questa ambiguità fa del film un’opera eccezionale. La difficoltà evidente nel percepire la verità (forte eredità della filosofia di Nietzsche) è anche messa in discussione della realtà. Il contesto sociale della Germania degli anni venti, in piena crisi economica, con un’inflazione alle stelle dopo la grande guerra, certo, è ben presente e rintracciabile. L’unica verità che può esistere è quella soggettiva. L’unica realtà possibile è quella piegata dalla nostra percezione.
Le ambientazioni, i paesaggi, tutti costruiti in studio, risultano così profondamente irrealistici, distorti, allucinati, di chiara ascendenza pittorica (i tre scenografi sono infatti tre pittori). Scrive Wiene: “Per l’artista espressionista ciò che è esterno è apparente. Egli cerca piuttosto di rappresentare quello che gli è interiore”. Anche gli oggetti quotidiani sono coinvolti in questo processo: le sedie, gli sgabelli, i tavoli, ma anche porte, finestre, lampioni. Meravigliosi sono poi gli interni della stazione di polizia, del comune e dell’ospedale psichiatrico. L’illuminazione artificiale evidenzia il tutto con chiaroscuri straordinari. Le ombre proiettate assumono grande importanza in alcune scene come l’omicidio di Alan. Faranno scuola.
La recitazione (che gode delle capacità di grandi attori come Werner Krauss e Conrad Veidt) è anch’essa deformata in maniera teatrale. Tutti i gesti sembrano esagerati, eccessivi, stilizzati. Gli attori sono truccati molto pesantemente ed anche i loro costumi sono vistosi.
La macchina da presa si stringe spesso sul volto di un personaggio oscurando il resto. In questo modo partecipa essa stessa a piegare espressionisticamente il contenuto della pellicola.
Il film tracciò una rotta. Molti registi vi si rifecero in maniera palese. Il “Caligarismo” fu un tangibile fenomeno cinematografico che seguì il successo dell’opera di Wiene, 1920.


Una recensione di Federico Fastelli



Recensioni ed articoli relativi a Robert Wiene 

(0) Des Cabinett des Dr. Caligari
(Il gabinetto del dottor Caligari) di Robert Wiene 
- RECENSIONE CINEMA

Recensioni ed articoli relativi a Federico Fastelli

Nessun record trovato

Altre recensioni di Federico Fastelli

(1) Shadows (Ombre) di John Cassavetes - RECENSIONE CINEMA
(2) Un chien andalou di Luis Buñuel - RECENSIONE CINEMA
(3) Rope (Nodo alla gola) di Alfred Hitchcock - RECENSIONE CINEMA
(4) Easy Rider di Dennis Hopper - RECENSIONE CINEMA
(5) Zabriskie Point di Michelangelo Antonioni - RECENSIONE CINEMA

Altre recensioni:




-

dal 2007-04-16
VISITE: 11.783


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali