Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    [01/10/2022] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Lembi di anima di Elisabetta Santirocchi     Sfida di Elisa Negri     Libero di Elisa Negri     Noi non ci bastiamo di Rosa Notarfrancesco     In punta di piedi di Paola Ceccotti    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
9 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
7 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Rope (Nodo alla gola)
regia di Alfred Hitchcock
Pubblicato su SITO


Anno 1948- U.S.A.


Una recensione di Federico Fastelli
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 5531
Media 80.15%


 Rope (Nodo alla gola)
SOGGETTO: Dramma di P. Hamilton
SCENEGGIATURA: A. Laurents
FOTOGRAFIA: Technicolor (J. Valentine – W. V. Skall)
SCENOGRAFIA: P. Ferguson – E. Kuri – H. Bristol
MUSICA: L. Von Forbstein
MONTAGGIO: W. H. Ziegler
PRODUZIONE: S. Bernstein – A. Hitchcock (Transatlantic Pictures, Warner Bros.)
REGIA: A. Hitchcock

CON: J. Stewart – J. Dall – F. Granger – J. Chandler


Nel 1948 Alfred Hitchcock realizzò, secondo le parole di F. Truffaut, “il sogno che ogni regista deve accarezzare […] cioè quello di legare le cose in un solo movimento”. Nodo alla gola è, in effetti, un film rivoluzionario ed unico all’interno di tutta la storia del cinema. Un film girato a Hollywood che sovverte proprio uno dei principi fondanti del cinema classico Hollywoodiano: il découpage (la tecnica secondo cui le azioni vengono riprese spezzettate e unite tramite il montaggio). La sfida del regista è enorme: riprendere tutta la vicenda in un unico piano sequenza, dando l’impressione di usare un’unica inquadratura. In realtà, per motivi tecnici (la lunghezza delle bobine per le riprese non permetteva di girare in una inquadratura più di dieci minuti) ne saranno usate diverse, tutte unite invisibilmente grazie ad alcuni “trucchi”. Il far passare un attore davanti all’obiettivo, ad esempio, in modo da oscurare completamente l’occhio della cinepresa, dava modo di creare uno stacco e sostituire la bobina. Per fare tutto ciò la camera doveva avere grande mobilità. Il regista lavorò con il Dolly aiutato da pareti speciali che si muovevano su rotaie. L’audio fu registrato in presa diretta, mentre qualche problema lo crearono le luci. Parte del film dovette essere rigirata a causa del colore arancione che aveva il cielo (fatto di vetro filato) al momento del tramonto.
Hitchcock dovette credere molto nelle potenzialità del film (nonostante lo abbia definito un’esperienza stupida): primo film a colori della sua produzione; primo film prodotto da lui stesso. Le sue aspettative non furono deluse, il film fu un successo sia tra il pubblico sia tra i critici. Veniamo alla trama: è un adattamento di un dramma di Hamilton. Tutta l’azione si svolge in un appartamento di New York (visibile dalle finestre). Due giovani (Brandon e Philip) uccidono un loro amico (David) prima di un’importante cena a cui sono invitati il padre del ragazzo (Mr. Kentley), la fidanzata (Janet), un amico comune (Kenneth) e un professore dell’università (Rupert, interpretato da James Stewart). Non c’è nessun movente apparente. Durante la cena la strana assenza di David si palesa sempre con più forza, come, del resto, il nervosismo degli assassini. Alla fine Rupert si accorgerà di tutto e avvertirà la polizia.
Da notare il grande uso, tipicamente hitchcockiano, della suspence, che attraversa tutto il film e che raggiunge la sua acme nel finale. Il regista inglese rinuncia all’effetto sorpresa, mettendo lo spettatore volutamente in una condizione di onniscienza, proprio per esaltare la tensione. Soltanto quando il pubblico sa che il corpo di David è dentro la cassapanca apparecchiata per la cena, può preoccuparsi di ciò che avviene ai (e tra i) personaggi intorno. In questo senso, memorabile è la scena in cui la cameriera (Mrs. Wilson) nel riordinare la casa, subito dopo la cena, quasi scopre il cadavere.
Curata è poi la caratterizzazione dei personaggi, soprattutto i cattivi (e del resto non è forse di Hitchcock la famosa frase “Più riuscito è il cattivo, più riuscito sarà il film”?): tra Brandon e Philip le differenze sono nette e marcate. Se il primo ha un carattere debole, insicuro, facilmente trasportabile, il secondo è sicuro di sé, freddo e con una propensione alla megalomania e all’onnipotenza. Indicativa è in ciò la sua volontà di far avvicinare (per la verità riavvicinare) Janet a Kenneth. È un cattivo acculturato, raffinato, che però mostra di aver travisato i grandi insegnamenti accademici del maestro Rupert, di essersi allontanato irreversibilmente da tutti i valori d’umanità. Valori incarnati nell’ingenuità di Mr. Kentley, nel suo rifiuto delle teorie e delle speculazioni su fatti gravi come l’omicidio.
Dobbiamo, infine, per lo meno accennare all’attenzione per i dettagli che Hitchcock ci “regala” in più passi del film. I dettagli sono fondamentali per la soluzione del caso. In particolare Rupert si accorge del cappello di David, lasciato nel guardaroba della casa degli assassini, e soprattutto della corda (a cui si riferisce il titolo) con cui è avvenuto l’omicidio.
Il film costò un milione e mezzo di dollari e fu un successo anche finanziario.


Una recensione di Federico Fastelli



Recensioni ed articoli relativi a Alfred Hitchcock

(0) Prigione con piscina di Luigi Carletti - RECENSIONE
(1) Rope (Nodo alla gola) di Alfred Hitchcock- RECENSIONE CINEMA
(2) Le radici del male di Alda Teodorani - RECENSIONE
(3) Frenesia del delitto (Compulsion) di Richard Fleischer- RECENSIONE CINEMA

Recensioni ed articoli relativi a Federico Fastelli

Nessun record trovato

Altre recensioni di Federico Fastelli

(1) Shadows (Ombre) di John Cassavetes- RECENSIONE CINEMA
(2) Un chien andalou di Luis Buñuel- RECENSIONE CINEMA
(3) Des Cabinett des Dr. Caligari
(Il gabinetto del dottor Caligari) di Robert Wiene 
- RECENSIONE CINEMA
(4) Easy Rider di Dennis Hopper- RECENSIONE CINEMA
(5) Zabriskie Point di Michelangelo Antonioni- RECENSIONE CINEMA

Altre recensioni:







-

dal 2007-04-16
VISITE: 14075


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali